Curva Sud. Tradizione e Distinzione

Curva Sud. Tradizione e distinzione, non solo parole, non solo un vecchio striscione, ma uno stile che supera il tempo, trasmesso di padre in figlio, da fratello a fratello. Anima nostra, romana e romanista.
Curva Sud

Così recitava – Tradizione e Distinzione – uno striscione che appariva in Curva Sud diversi anni fa, mai dimenticato, come tutti gli altri striscioni naturalmente. Riprendo questi termini per ricordare lo stadio Olimpico degli anni d’oro della tifoseria Romanista, dove non esisteva angolo vuoto che non fosse ricoperto da una pezza o da uno striscione. Parole diverse, ma dai colori che univano tutto il popolo della Curva Sud: il giallo ocra e il rosso pompeiano.

Storie di tifoseria

Non è di certo un inno allo striscione, che ricordo con orgoglio e onore, ma una specifica riguardo la tifoseria giallorossa che in questi ultimi anni ha subito un enorme cambiamento. Molti dei personaggi che hanno fatto la storia della tifoseria giallorossa hanno abbandonato il settore per ritrovarsi tutti insieme, ancora una volta, non piu’ in quello spicchio di stadio, bensì nel settore in basso la Tribuna Tevere. Tutti uniti, tutti insieme.

I gruppi storici

Alcuni vecchi incalliti tifosi e gruppi invece sono rimasti al loro posto e, con l’ausilio della poca memoria rimasta, ricordo con affetto e emozione due gruppi di Curva Sud che hanno fatto la storia romana e romanista, Fedayn e Boys. Gruppi storici che nonostante le avversità ideologiche, seguono assiduamente fianco a fianco la Roma in ogni sua prestazione calcistica, campionato coppa europea e, se anche fosse, la piu’ banale partita amichevole anche contro la squadra dal nome impronunciabile o da chissà quale minore categoria calcistica.
È il fenomeno della tradizione che fa stare sugli spalti gente che per qualsivoglia ragione fa parte di questi due storici gruppi che hanno insegnato la storia del tifo al mondo intero.
Il mio forte sentimento mi riporta negli anni del Commando Ultra Curva Sud, uno striscione di ben quarantadue metri che prendeva tutta la curva, posto sul vetro in basso ma ben visibile da chiunque.

Cucs

Il tifo è memoria

Al cuore non si riesce a dare un input diverso da quello dei ricordi, ed ecco che in questo campionato appena iniziato, certe memorie riprendono il loro percorso storico e tornano alla mente come fossero quegli anni, i migliori anni della nostra vita…Non voglio fare torto a nessun altro striscione che per scarsa memoria non riporto alla luce, sono tutti impressi nella storia e con essi volti e bandiere, sciarpe e soprannomi di gente che viveva i propri novanta minuti in perfetta sintonia con il fratello di curva accanto.

I cori

Voglio però ribadire un concetto basilare che è legato al termine tradizione, quello legato strettamente ai cori che partono dai vari settori per poi unirsi in uno e unico canto d’amore per la Roma, la nostra amata A.S.Roma.
Come non ricordare quello legato alla marsigliese che partiva dopo solo alcuni secondi dall’inizio della partita per arrivare allo struggente coro di una certa partita di coppa che ha visto protagonisti canori una curva intera cantare senza mai fermarsi a sostegno della squadra che proprio in quella partita alzava bandiera bianca contro uno squadrone germanico. Episodio molto legato al cuore del presidentissimo Dino Viola.

Curva Sud

L’inno

Oggi tutto questo ha lasciato il posto all’inno vero della Roma, quello che ci distingue per amore viscerale da tutte le altre tifoserie, cantato da un Antonello Venditti di parecchi anni fa e di altrettanti parecchi capelli fa…
A cantarlo in coro è uno stadio intero che non può di certo sottrarsi a tale melodia. Fortemente voluto, prima dell’inizio della partita dall’attuale signor allenatore e sottoscritto fermamente dalla sempre più presente dirigenza tutta stelle e strisce, contro ogni forma di regolamento. Ultimamente ci sono state alcune flebili polemiche legate proprio all’inno cantato in curva per l’aggiunta di due bellissimi termini come “Bella” e “Mia” che, se pur struggenti hanno creato un dibattito, a volte acceso, tra la vecchia tifoseria e quella attuale.

Nessuna polemica

I vecchi sostengono che un inno debba rimanere per sempre nel ricordo e nel canto così com’è, senza nessuna aggiunta.
Qualcuno dei giovani sostiene invece che i due termini diano un senso maggiore di appartenenza ai colori giallorossi.
Lungi da me ogni sorta di polemica, democraticamente tutto è ammesso, dico soltanto che per onore della tradizione romana e della distinzione giallorossa l’inno dovrebbe rimanere quello del tutto originale, senza nessuna sentimentale forma di amore.

Gli altri

Da quello che posso ricordare altre tifoserie, magari odiate ma riconosciute dal mondo come quella dei reds del Liverpool, il loro inno non lo hanno mai aggiornato.  “You’ll never walk alone” quello era, quello è, quello sarà, fino a quando il pallone rotolerà sui rettangoli di gioco. Capiamoci però, ho solo fatto un esempio che non ha alcun tipo di sentimento verso quella squadra!
Lo stesso discorso vale anche per il piccolo coro rivolto all’ultimo dei campioni arrivati a vestire la nostra maglia, proveniente, guarda caso, da quella nazione. Sto parlando del jingle che accompagna Gini Wijnaldum, ripreso proprio dai tifosi inglesi e dalla Kop del Liverpool. Eppure per anni abbiamo cantato a squarciagola l’odio, prettamente calcistico, verso la squadra che maledettamente scese a Roma e portò via il trofeo più importante dell’epoca.

Cucs

Anima nostra

Se deve essere un simpatico motivetto da attaccare ai cori della curva, lo sia solo a vantaggio del giocatore, ma non più di tanto e non per tutto l’intero campionato. In fondo siamo esperti di cori inneggianti i nostri calciatori e la nostra amata squadra, cantiamo le nostre canzoni senza andare a toccare inni che ci piacciono molto meno.
Tradizione e Distinzione non è solo un modo di dire, un vecchio gruppo o un vecchio striscione.
Tradizione e Distinzione è stile e anima nostra.

 

 

Stefano Trippetta 64 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

Antonio Del Greco

Carlo Ancelotti e la maglietta della felicità

Carlo Ancelotti non ha mai saputo della sua maglietta della felicità. Eppure tra una domenica allo stadio, rapinatori in trasferta, criminali improvvisati e il rapimento di un bambino, quella maglia esiste ed è arrivata al suo proprietario.

Leggi tutto »
passione roma

Passione Roma

I Cavalieri della Roma e Sportmemory presentano il progetto narrativo “La mia passione per la Roma”, un percorso virtuoso che fa diventare storie e aneddoti personali di tifo
un patrimonio comune del grande amore giallorosso

Leggi tutto »
partitella tra bambini

Quella Pasqua del 1951

Pasqua 1951. Durante le vacanze scolastiche, in un prato qualunque del nord Europa, dei bambini giocano una partitella che si chiama vita.

Leggi tutto »
Top Gun

Tom Cruise. Quando Top Gun giocava a calcio

Tom Cruise, il ragazzo eterno di Hollywood, 60 anni che sembrano 30. Top Gun nel 1986 e Top Gun anche oggi, sembra aver fatto un patto con il Tempo , capace di fermarlo a piacimento. O forse è solo una questione di passione. Proprio come quella per il calcio che non lo ha mai abbandonato.

Leggi tutto »
Bonucci e Furino

La carezza di Bonucci

La carezza di Bonucci a Giuseppe Furino. La maglia, certo. Il testimone passato da capitano a capitano come se fosse un moto circolare di eterno ritorno. Ma l’anima del momento è la carezza, gesto desueto, codice disperso, commozione che si fa gesto. Per questo noi ne parliamo.

Leggi tutto »
Ettore Viola

Ettore Viola. Il figlio che ti aspetti.

Ettore Viola si racconta nell’incontro con i Cavalieri della Roma. Una storia di calcio e di amore dove la Roma è parte inscindibile del suo panorama emotivo e familiare, una Roma vissuta da tifoso, da figlio di un Presidente indimenticabile e da dirigente della società.

Leggi tutto »
Fanny e Virgilio

Roma 1934. Il mio comportamento non sarebbe cambiato

Lite all’insegna del “Lei non sa chi sono io” (con il “voi” però, dati i tempi), prima di un derby romano. Protagonisti Virgilio, centurione della milizia, e Giovanni Marinelli, segretario amministrativo PNF. Intervento di Mussolini per chiudere, faticosamente, la questione. Virgilio era mio nonno, ex legionario fiumano, marcia su Roma, giornalista, poi comandante btg nella rsi

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi