Search
Close this search box.

Giorgio Rossi. Cavaliere della Roma

Il 23 settembre 2018 Giorgio Rossi cambia campo. Uomo raro, prezioso, capace di lasciare segni profondi. Tutti gli hanno voluto bene e a tutti manca. I Cavalieri della Roma oggi lo ricordano come ha voluto essere ricordato lui, sul marmo e sul cuore.
Giorgio Rossi

Rari. Preziosi come tutto ciò che è raro. Fuori dagli schemi e dalle righe, sono uomini che del loro passaggio lasciano segni capaci di entrare nel profondo e di non uscirne più. Sono uomini che spesso ti fanno perdere le parole, perché ognuna di quelle che trovi ti sembra troppo piccola per raccontarli.
Giorgio Rossi è – non era, è – uno di loro.

55 anni di Roma sono un’immensità affettiva

Impossibile raccontare tutto quello che Giorgio Rossi ha fatto e che, soprattutto, è stato per la Roma. Provate a raccontare un grande amore, un amore che dura una vita, sempre quello, solo lui; non ci riuscirete, non troverete la sintesi. Potrete trovare aneddoti, momenti, emozioni che si rincorrono e ogni volta troverete lo stesso sapore.
Giorgio Rossi ha fatto crescere i ragazzini, li ha visti diventare ragazzi, poi uomini e più di uno diventare campione. Li ha consolati quando serviva,  li ha sferzati, rimessi prima in piedi e poi in campo. Li ha visti delusi e contenti, litigare e fare pace, li ha visti andare via, qualcuno prima del tempo, e ha visto quelli che sono rimasti per sempre.
Nessuno di loro lo ha dimenticato.

Giorgio Rossi

Dal 1957 per sempre

Arrivato alla Roma nel 1957, ne diventa primo massaggiatore 29 anni dopo, nel 1986. Se vi sembrano tanti, guardatevi indietro: sono un attimo. Rimane con la squadra fino al 2012, rimane con il cuore in mano e le sue mani sì che sapevano cosa e come fare. Va via perché è diventato grande; lo dicono i segni sul viso e sulle mani, gli occhi che si sgranano acquosi, ma il cuore è quello di un ragazzino. Il cuore con la Roma rimane per sempre.

Un giorno di settembre

Giorgio Rossi con la Roma rimane anche dopo quel giorno di settembre, il 23 di cinque anni fa. Lui, quel giorno, cambia solo campo. Ma sì, dove pensate che sia mai andato Giorgio Rossi se non di nuovo a bordo campo, accanto a Renato Sacerdoti, a Dino Viola e a Franco Sensi, insieme al Barone pronto a rimettere a posto tutti quelli della squadra Paradiso, Giuliano, Ago e adesso anche Alberto, il portiere che non voleva essere ricordato per un rigore parato a Pelé.

A Giorgio Rossi tutti hanno voluto bene e in chiesa, a Don Bosco, quel pomeriggio c’erano tutti

“…oggi lo voglio ringraziare per quello che ha fatto per noi. Non lo ringrazio come capitano della Roma, ma come il ragazzino che dimenticava la cinta o i calzini e lui mi dava la sua. Era una persona unica”, così disse Daniele De Rossi.  
Quattro le parole infinite di Francesco Totti “…era come un papà”. Già, come un papà.
Eusebio Di Francesco, allenatore del tempo, disse “…ha insegnato a tutti a essere sé stessi nella vittoria e nella sconfitta. Lui mi chiamava ogni tanto anche quando ero via da Roma per dirmi “ti voglio bene”.
Ecco, un uomo così come lo vuoi chiamare se non papà.

 

Giorgio Rossi Cavaliere della Roma

Sul marmo e sul cuore

Noi Cavalieri della Roma oggi, cinque anni dopo il suo cambio di campo, ricordiamo con affetto Giorgio Rossi, uomo prezioso. Lo ricordiamo come ha voluto essere ricordato lui quando ha lasciato detto di scrivere sul marmo quello che aveva scolpito nel cuore.
Ciao Cavaliere della Roma Giorgio Rossi, è stato un onore averti con noi. Continua a volerci bene che qui manchi a tutti.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Andrea Belotti

Belotti. Il canto del Gallo

Il campionato della Roma inizia così, con Andrea Belotti che finisce l’anno sabatico e ritrova la strada del goal. Una strada che un giocatore onesto e di sacrificio come lui merita. È una buona notizia, per lui e per la Roma. Poi c’è la partita e prima ancora l’attesa della partita. Conferme, sorprese, amarezze. È il Gioco. È il bello del Gioco.

Leggi tutto »
AS Roma

AS Roma. La fondazione come destino

L’anno è certo, il 1927. Le date si alternano tra quelle ufficiali e quelle del cuore. Il 2 maggio nelle intenzioni, il 7 giugno dal notaio, il 22 luglio il primo atto organizzativo. Cercare una data esatta per la nascita di un mito, più che difficile è quasi sempre superfluo. Vale per la fondazione di Roma e vale anche per la narrazione fondativa dell’AS Roma. Per questi colori e questo nome il tempo è poco più che un dettaglio.

Leggi tutto »
Piero Schiavazzi

Piero Schiavazzi. L’Oltretevere giallorosso

Piero Schiavazzi, cavaliere della Roma, giornalista, vaticanista, ci svela il tratto dell’Oltrevere giallorosso, quello che spesso si è affiancato e sovrapposto con il suo lavoro. Come la sera del terzo scudetto, ad esempio. Ma soprattutto raccoglie e rilancia una suggestione. È tempo di invitare il Papa al derby?

Leggi tutto »
Alberto Ginulfi

Alberto Ginulfi. Il Portiere

Il rigore parato a Pelé, certo, ma come disse Alberto Ginulfi nel 2018 “…non vorrei essere ricordato solo per quello. Certo, non è una cosa che capita tutti i giorni, ma io credo di aver fatto tanto per la Roma.” Quattordici anni di maglia e un amore infinito per la Roma. Alberto Ginulfi non è stato un portiere, ma il Portiere.

Leggi tutto »
Trigoria

Trigoria. La tana dei lupi

Il 27 marzo, nella splendida cornice di Palazzo Brancaccio, i Cavalieri della Roma hanno presentato il libro del giornalista Paolo Assogna “Trigoria. La tana dei lupi”. Un affresco letterario sull’onda dei ricordi e delle testimonianze di prima mano che ripercorre con storie e aneddoti quaranta anni di vita giallorossa.

Leggi tutto »
Ettore Viola

Ettore Viola. Il figlio che ti aspetti.

Ettore Viola si racconta nell’incontro con i Cavalieri della Roma. Una storia di calcio e di amore dove la Roma è parte inscindibile del suo panorama emotivo e familiare, una Roma vissuta da tifoso, da figlio di un Presidente indimenticabile e da dirigente della società.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi