Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.
Francesco Fiorini

Si emoziona Francesco Fiorini quando parla della Roma. La Roma di famiglia, come la chiama lui.
Si emoziona a ricordare papà Lando piangere come un bambino dietro un albero all’uscita dallo stadio. Era il giorno della finale di Coppa Campioni.  Fu Gigi Proietti a consolarlo quella volta; passando se ne accorse, si avvicinò e gli disse daje che mo’ ricominciamo. Quanta Roma e quanta romanità in una frase.
È un filo giallorosso quello che attraversa tre generazioni di Fiorini; papà prima, Francesco poi, i suoi figli dopo e, c’è da giurarci, anche chi verrà dopo di loro.
Francesco Fiorini si racconta nell’incontro promosso dai Cavalieri della Roma ed è un fiume in piena di aneddoti e di passione.

 Una storia di passione

Passione che inizia da lontano e di cui i tratti bonari del viso e del carattere di papà Lando, insieme alla voce calda impastata di romanità sono icona non dimenticata. Lando Fiorini ha amato Roma e la Roma senza misura, amore ricambiato da città, società, calciatori e tifosi.  Testimone ultimo in ordine di tempo, il murales che la Roma in collaborazione con l’Istituto Autonomo Case Popolari gli ha recentemente dedicato a Testaccio, cuore pulsante della romanità proprio come quello trasteverino, dove Lando e lo stesso Francesco tanto hanno dato a Roma con lo storico Puff.
Con queste premesse, naturale che la Roma accompagni Francesco Fiorini da sempre.

Tifoso da sempre

Non posso ricordare la mia prima volta da tifoso” racconta FrancescoPer me e per la mia famiglia una vita senza tifo non c’è mai stata. Allo stadio, vista in televisione, ascoltata alla radio, la Roma per noi è sempre stata una presenza costante e indiscussa, forse più che una squadra una persona di famiglia“.

 Una storia di umanità

Per me il tifo è sempre stato sinonimo di umanità” continua Francesco FioriniQuelle domeniche che iniziavano alle 11.00 con i panini portati da casa, la fila per l’apertura dei cancelli, l’ingresso accodato per chi quel giorno lì non aveva il biglietto. Tutto impresso sulla mia pelle come un tatuaggio da portare per la vita“.
Romanità indiscutibile, bonaria e paracula (inutile cercare un termine inglese), mai coatta.
Domeniche di cui, in effetti, la preparazione casalinga del panino era già parte del rito, con l’odore della frittata che si sovrapponeva a quello della colazione. Frittata perché sia chiaro, il panino con la frittata sta allo stadio quanto il Caffè Borghetti urlato dal bibitaro.

La radiolina al Puff

E ricordo anche bene che negli anni della partita delle 15,00 il Puff presentava uno spettacolo pomeridiano che iniziava proprio alla stessa ora” continua FrancescoÈ così che dietro le quinte non solo c’era la radiolina sempre accesa, ma anche qualcuno che papà incaricava dell’ascolto, pronto a riferirgli quello che accadeva in campo al primo momento utile“.

Lo scudetto del 1983

Nel 1983, a 16 anni, la festa infinita dello scudetto ritrovato. “Una gioia immensa” dice Francesco “Giorni e giorni di festa in una citta che da ogni angolo rideva, cantava ed era felice come non mai“.
Una città che cantava anche l’inno di papà Lando che dal 1977 accompagnava la squadra, quel “Forza Roma, forza lupi” inno ufficiale di quello scudetto e che ancora echeggia nella testa dei più grandi.

Gianicolo 2001

Nel 1983 e nel 2001 papà volle festeggiare gli scudetti con un concerto in uno dei luoghi simbolici di Roma e che più gli apparteneva: il Gianicolo. Per noi trasteverini, in pratica l’attico di casa dove andare a respirare il panorama più bello del mondo. Troppo piccolo nel 1983, nel 2001 ero invece già bello grande e mi occupai di tutta l’organizzazione. Una cosa che mi ci volle una settimana per riprendermi” racconta Francesco Fiorini. “Un’esperienza bellissima quel 4 luglio avere 15.000 persone e tante famiglie che cantavano e gioivano insieme. In effetti quella fu un’occasione particolare. Grande festa il milione di persone al Circo Massimo il 24 giugno, ma la squadra, forse, fu un po’ schiacciata da altri protagonisti. Non dico che ci fosse del malumore per questo, però fu proprio Francesco Totti a suggerire a papà di ripetere il concerto dell’83. Fu un successo e fu emozionate quella sera sentire Carlo Zampa chiamare sul palco prima Bruno Conti e poi lo stesso Francesco venuti a salutare quel popolo giallorosso“.

Emozioni come sogni

Un’emozione che Francesco Fiorini ancora oggi fatica a nascondere.
Ma il bello della passione è proprio questo, non nascondere le emozioni.
Se la passione poi si chiama Roma, allora ogni emozione è anche un sogno che passa di padre in figlio.

 

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

El trinche

El Trinche. Maglia numero 5.

Non tutti lo conoscono, ma chi lo ha conosciuto lo ricorda bene. Soprattutto chi lo ha incrociato su un campo di calcio. Si chiama El Trinche e sa fare una cosa sola, giocare a pallone meglio di tutti. A modo suo. La lunga storia del Maradona che non è mai stato. 

Leggi tutto »
campetto

Il campetto della Subaugusta

Ci vediamo sul campetto, quello di via Subaugusta, vicino il muro di cinta di Cinecittà.  Alle tre in punto, noi giochiamo con la maglietta bianca, voi tutti gli altri colori.

Leggi tutto »
Horacio Pagani

Horacio Pagani. Il sogno della bellezza

Incontro Horacio Pagani in un pomeriggio di novembre che di autunno non vuole saperne, il cielo emiliano è pulito, il sole gentile. Entrare in Pagani significa entrare in un mondo altro. Significa dimenticare tutto quello che immaginiamo, sappiamo o pensiamo di sapere di automobili. Qui, nell’Olimpo dei motori, si maneggia arte, bellezza, memoria e futuro. Questo è il racconto di una conversazione. Di automobili, anche. Ma soprattutto sul senso della vita

Leggi tutto »
campo

In campo si gioca col cuore

Il malore che ha colpito Christian Eriksen nel corso di una partita degli Europei di calcio ha richiamato l’attenzione sui possibili rischi di arresto cardiaco negli sportivi, che sono comunque minori di quelli della popolazione generale (anche se gli studi sono ancora controversi). Indiscutibile invece l’importanza, in questi casi, di effettuare rapidamente interventi medici, quali la rianimazione cardiopolmonare e l’utilizzo di defibrillatori automatizzati esterni. Spiega quanto accaduto Lorenza Pratali dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr.

Leggi tutto »
Roberto Mignemi Roma Volley femminile

Roma. Lettera aperta alla città e alle Istituzioni

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera aperta indirizzata alla città e alle Istituzioni da Roberto Mignemi, direttore generale della Roma Volley femminile. I quesiti posti da Roberto Mignemi riguardano tutti. C’è un futuro per lo sport a Roma? Le Istituzioni e le realtà economiche del territorio sono disposte a investire sullo sport come strumento di coesione sociale?

Leggi tutto »
Il viaggio degli eroi

Azzurri. Il viaggio degli eroi

Se c’è stato un tempo del sogno azzurro, sicuramente è stato in quel Mondiale spagnolo nel 1982. Quando tutto sembrava per essere perduto, tutto invece accadde. Un’avventura del calcio azzurro che il film di Manlio Castagna, con protagonista d’eccezione Marco Giallini, racconta toccando le corde che più ci sono care.

Leggi tutto »

D’annunzio, lo scudetto tricolore e la Roma

D’Annunzio, inventore di parole come nessuno, inventa anche lo scudetto tricolore. Ambito da tutti, vera icona del calcio giocato e anche parlato, di scudetti la Roma ne ha vinti tre e sognati molti, ma ne ha avuto uno in più, quello appuntato sulla maglia nella tourneé venezualana del 1953

Leggi tutto »
Carlo Galli

In ricordo di Carlo Galli

Roma-Lazio, 6 novembre 2022. Il derby non è mai una partita qualunque. Quella sera meno che mai. Dai tabelloni dell’Olimpico arriva la triste notizia della morte di Giancarlo Galli, da tutti chiamato Carlo, Carletto per affetto e Testina d’Oro per merito.

Leggi tutto »
Paolo Sollier

Paolo Sollier. Il rivoluzionario del pallone

Paolo Sollier, un anno in serie A con il Perugia e una vita passata su campi e campetti, da calciatore e da allenatore. Sempre senza perdersi, sempre pronto alle sfide in campo e fuori. Sempre pronto a chiudere il pugno e ad alzarlo in faccia a tutti.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi