Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.
Francesco Fiorini

Si emoziona Francesco Fiorini quando parla della Roma. La Roma di famiglia, come la chiama lui.
Si emoziona a ricordare papà Lando piangere come un bambino dietro un albero all’uscita dallo stadio. Era il giorno della finale di Coppa Campioni.  Fu Gigi Proietti a consolarlo quella volta; passando se ne accorse, si avvicinò e gli disse daje che mo’ ricominciamo. Quanta Roma e quanta romanità in una frase.
È un filo giallorosso quello che attraversa tre generazioni di Fiorini; papà prima, Francesco poi, i suoi figli dopo e, c’è da giurarci, anche chi verrà dopo di loro.
Francesco Fiorini si racconta nell’incontro promosso dai Cavalieri della Roma ed è un fiume in piena di aneddoti e di passione.

 Una storia di passione

Passione che inizia da lontano e di cui i tratti bonari del viso e del carattere di papà Lando, insieme alla voce calda impastata di romanità sono icona non dimenticata. Lando Fiorini ha amato Roma e la Roma senza misura, amore ricambiato da città, società, calciatori e tifosi.  Testimone ultimo in ordine di tempo, il murales che la Roma in collaborazione con l’Istituto Autonomo Case Popolari gli ha recentemente dedicato a Testaccio, cuore pulsante della romanità proprio come quello trasteverino, dove Lando e lo stesso Francesco tanto hanno dato a Roma con lo storico Puff.
Con queste premesse, naturale che la Roma accompagni Francesco Fiorini da sempre.

Tifoso da sempre

Non posso ricordare la mia prima volta da tifoso” racconta FrancescoPer me e per la mia famiglia una vita senza tifo non c’è mai stata. Allo stadio, vista in televisione, ascoltata alla radio, la Roma per noi è sempre stata una presenza costante e indiscussa, forse più che una squadra una persona di famiglia“.

 Una storia di umanità

Per me il tifo è sempre stato sinonimo di umanità” continua Francesco FioriniQuelle domeniche che iniziavano alle 11.00 con i panini portati da casa, la fila per l’apertura dei cancelli, l’ingresso accodato per chi quel giorno lì non aveva il biglietto. Tutto impresso sulla mia pelle come un tatuaggio da portare per la vita“.
Romanità indiscutibile, bonaria e paracula (inutile cercare un termine inglese), mai coatta.
Domeniche di cui, in effetti, la preparazione casalinga del panino era già parte del rito, con l’odore della frittata che si sovrapponeva a quello della colazione. Frittata perché sia chiaro, il panino con la frittata sta allo stadio quanto il Caffè Borghetti urlato dal bibitaro.

La radiolina al Puff

E ricordo anche bene che negli anni della partita delle 15,00 il Puff presentava uno spettacolo pomeridiano che iniziava proprio alla stessa ora” continua FrancescoÈ così che dietro le quinte non solo c’era la radiolina sempre accesa, ma anche qualcuno che papà incaricava dell’ascolto, pronto a riferirgli quello che accadeva in campo al primo momento utile“.

Lo scudetto del 1983

Nel 1983, a 16 anni, la festa infinita dello scudetto ritrovato. “Una gioia immensa” dice Francesco “Giorni e giorni di festa in una citta che da ogni angolo rideva, cantava ed era felice come non mai“.
Una città che cantava anche l’inno di papà Lando che dal 1977 accompagnava la squadra, quel “Forza Roma, forza lupi” inno ufficiale di quello scudetto e che ancora echeggia nella testa dei più grandi.

Gianicolo 2001

Nel 1983 e nel 2001 papà volle festeggiare gli scudetti con un concerto in uno dei luoghi simbolici di Roma e che più gli apparteneva: il Gianicolo. Per noi trasteverini, in pratica l’attico di casa dove andare a respirare il panorama più bello del mondo. Troppo piccolo nel 1983, nel 2001 ero invece già bello grande e mi occupai di tutta l’organizzazione. Una cosa che mi ci volle una settimana per riprendermi” racconta Francesco Fiorini. “Un’esperienza bellissima quel 4 luglio avere 15.000 persone e tante famiglie che cantavano e gioivano insieme. In effetti quella fu un’occasione particolare. Grande festa il milione di persone al Circo Massimo il 24 giugno, ma la squadra, forse, fu un po’ schiacciata da altri protagonisti. Non dico che ci fosse del malumore per questo, però fu proprio Francesco Totti a suggerire a papà di ripetere il concerto dell’83. Fu un successo e fu emozionate quella sera sentire Carlo Zampa chiamare sul palco prima Bruno Conti e poi lo stesso Francesco venuti a salutare quel popolo giallorosso“.

Emozioni come sogni

Un’emozione che Francesco Fiorini ancora oggi fatica a nascondere.
Ma il bello della passione è proprio questo, non nascondere le emozioni.
Se la passione poi si chiama Roma, allora ogni emozione è anche un sogno che passa di padre in figlio.

 

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Fortunato Frezza

Fortunato Frezza, Cardinale in giallorosso.

C’è una storia giallorossa dentro l’annuncio di Papa Francesco che nel prossimo Concistoro del 27 agosto ordinerà 21 nuovi Cardinali. Tra loro c’è monsignor Fortunato Frezza,per trenta anni cappellano della Roma, trascorsi da portiere, grande tifoso romanista e da oltre 15 anni Cavaliere della Roma

Leggi tutto »
Napoli- Juventus

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all’Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »
ZOFF BARCELLONA 89"

Dino Zoff. Barcellona, minuto 89

Dino Zoff. Un gigante tra i pali. Non solo un portiere a difendere la porta, ma l’ultimo uomo a difendere una linea di trincea. Come in quel minuto 89 a Barcellona, il minuto che ha cambiato un Mondiale, quello che dopo qualche giorno avremmo vinto. Passati 40 anni da quel giorno e quel minuto, smessa la maglia e spirito immutato, Dino Zoff è un gigante della vita.

Leggi tutto »
Battaglie volanti. Colpo di testaFabio Cannavaro

Battaglie volanti. Il colpo di testa tra tattica ed estetica

Cercato, ambito, temuto,il gioco di testa rischia di sparire dai campi? Protagonista indiscusso dell’estetica del calcio, gesto tecnico ambivalente, buono sia per la difesa e sia per l’attacco, il colpo di testa sopravviverà a nuove tattiche e a insorgenti preoccupazioni per l’intergrità fisica dei calciatori?

Leggi tutto »
il calcio di Melissa

Il calcio di Melissa

Melissa, 15 anni, grande appassionata di calcio e unica giocatrice della prima squadra dell’ASDD Roma 2000 per disabili visivi. Il racconto di come si è avvicinata a questo sport e le prospettive del domani.

Leggi tutto »
Olympia Fiume

Fiume, il calcio e la dignità ritrovata

Fiume significa tante storie. Questa è la storia del suo calcio e dei campioni fiumani che hanno poi vestito tante altre maglie lasciando un segno che va oltre i goal fatti. Questa è la storia di una dignità ritrovata.

Leggi tutto »
partitella tra bambini

Quella Pasqua del 1951

Pasqua 1951. Durante le vacanze scolastiche, in un prato qualunque del nord Europa, dei bambini giocano una partitella che si chiama vita.

Leggi tutto »

Il mio Tredici da informatico

Il Totocalcio, ovvero il concorso a pronostico più popolare e più amato dagli italiani che, per decenni , si sono messi in fila davanti alle ricevitorie per tentare la fortuna giocando una schedina. Qualcuno, però, la fortuna ha provato ad aiutarla. Questa è la storia di chi ci è riuscito.

Leggi tutto »
Calcio periferia

Calcio, terra e polvere

Calcio, terra e polvere che seccava la gola e si attaccava alla pelle sudata. Quando andava bene. Altrimenti era fango scivoloso o indurito al primo sole. I campi della periferia romana degli anni sessanta non erano solo campi da calcio, erano un mondo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi