Alberto Mandolesi. Voce di Roma

Alberto Mandolesi, signore del giornalismo, per quasi 50 anni voce narrante giallorossa, tifoso appassionato e trasparente, Cavaliere della Roma che salutiamo con affetto e che mancherà a tutti
Alberto Mandolesi

Cosa vuoi dire di Alberto Mandolesi? Ti guardi indietro e sembra un attimo.
Il fatto è che Alberto Mandolesi c’è sempre stato. Alla radio, in televisione, allo stadio, Alberto è diventato grande mentre noi diventavamo grandi dietro a lui. Voce e volto familiare, di Alberto siamo tutti stati amici anche senza conoscerlo, perché di lui tutti sapevamo di poterci fidare. Cresciuto in una città più genuina, più ingenua, ma al tempo stesso più smaliziata, Alberto ha vissuto l’effervescenza delle prime parole libere alle radio libere. Fate caso, c’è stato un tempo in cui le radio prima di essere private erano libere. E Alberto, sì, è stato una voce libera.

Alberto Mandolesi

La Roma dentro

Alla Roma Alberto ha dedicato la sua vita da narratore e da tifoso ed è stato talmente avanti da saper essere un signor narratore e un signor tifoso. Mai oltre le righe, ricco di una passione trasparente, ha iniziato a raccontare della Roma nel 1975, il 16 giugno. Il primo minuto di etere libero a Roma è il suo. Il suo di Radio Roma e della Roma. E poi dalle tv locali, Teleroma 56 soprattutto, e ancora una volta a guardarsi indietro sembra un attimo rivederlo a Goal di notte.
L’epica degli anni ’80 – lo scudetto, le Coppe Italia, la Champions sfuggita – l’ha raccontata da maestro appassionato; stimato da tutti, con i campioni di allora aveva un rapporto speciale fatto di simpatia contagiosa e di professionismo estremo.  Il 28 marzo 1993 racconta Brescia – Roma; di quel ragazzino che Boškov fa esordire si innamora da subito e assicura che farà grandi cose. Francesco Totti da promessa diventerà presto una certezza. E poi tutto quello che è venuto dopo; il terzo scudetto, le Coppe Italia vinte e perse, la Supercoppa fino alla Conference e al destino tradito di Budapest. Fino a poco tempo fa, quando ho chiacchierato con lui allo stadio. Sempre stessa verve, sempre stessa voglia di dare assalto al mondo, passione romanista senza compromessi.
Cavaliere della Roma dal 2012, testimone della storia romanista e capace di raccontarla con garbo e precisione, nel 2017 ha raccolto vita e aneddoti giallorossi nel libro Roma 80, con prefazione – non a caso – di capitan Giannini, con il quale aveva un rapporto speciale.

Alberto Mandolesi

Ancora un gol, Alberto

Adesso all’Olimpico, in tribuna stampa, non ci sarà un posto in meno, ma ce ne sarà uno in più, un posto riservato, che sarà lì per sempre. Il posto di Alberto Mandolesi che da lì continuerà a ridere, soffrire, gioire e raccontare i suoi colori.
E sì, sarà proprio come recitava lo striscione comparso ieri in tribuna Tevere: Forza Alberto raccontaci un altro gol!

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Francesco Fiorini

Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.

Leggi tutto »
AS Roma

AS Roma. La fondazione come destino

L’anno è certo, il 1927. Le date si alternano tra quelle ufficiali e quelle del cuore. Il 2 maggio nelle intenzioni, il 7 giugno dal notaio, il 22 luglio il primo atto organizzativo. Cercare una data esatta per la nascita di un mito, più che difficile è quasi sempre superfluo. Vale per la fondazione di Roma e vale anche per la narrazione fondativa dell’AS Roma. Per questi colori e questo nome il tempo è poco più che un dettaglio.

Leggi tutto »
Alberto Mandolesi

Alberto Mandolesi. Voce di Roma

Alberto Mandolesi, signore del giornalismo, per quasi 50 anni voce narrante giallorossa, tifoso appassionato e trasparente, Cavaliere della Roma che salutiamo con affetto e che mancherà a tutti

Leggi tutto »
Andrea Belotti

Belotti. Il canto del Gallo

Il campionato della Roma inizia così, con Andrea Belotti che finisce l’anno sabatico e ritrova la strada del goal. Una strada che un giocatore onesto e di sacrificio come lui merita. È una buona notizia, per lui e per la Roma. Poi c’è la partita e prima ancora l’attesa della partita. Conferme, sorprese, amarezze. È il Gioco. È il bello del Gioco.

Leggi tutto »
Piero Schiavazzi

Piero Schiavazzi. L’Oltretevere giallorosso

Piero Schiavazzi, cavaliere della Roma, giornalista, vaticanista, ci svela il tratto dell’Oltrevere giallorosso, quello che spesso si è affiancato e sovrapposto con il suo lavoro. Come la sera del terzo scudetto, ad esempio. Ma soprattutto raccoglie e rilancia una suggestione. È tempo di invitare il Papa al derby?

Leggi tutto »
Calicchia e Righetti a Tor Marancia

Agostino Di Bartolomei. Tor Marancia ricorda.

Con una targa apposta sul muro del palazzo dove è cresciuto e vissuto, Tor Marancia ricorda Agostino Di Bartolomei. Un’iniziativa voluta dal Comitato di Quartiere Ardeatino-Tor Marancia, sostenuta dalle Istituzioni e alla quale anche i Cavalieri della Roma non hanno voluto far mancare fattiva testimonianza di comune fede giallorossa.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi