Search
Close this search box.

Team Boxe Roma XI. Di cuore e di pugni

La seconda puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di Maestri visionari ,capaci di vedere il futuro dove non ce n'era neanche l'ombra. Una storia di cuore e di pugni. La storia della Team Boxe Roma XI.
Team Boxe Roma XI

Montagnola, un cuneo urbano di Roma Sud che protende verso il mare. Lontano. Quasi quanto i sogni che a lungo, in quella che era una borgata, sono stati merce rara.
La Team Boxe Roma XI nasce nel 2003 da un capannone comunale abbandonato al degrado.
Italo Mattioli e Luigi Ascani sono due Maestri di pugilato.
Italo Mattioli e Luigi Ascani sono due visionari. Dove c’èra abbandono e degrado loro hanno visto il futuro. Non il loro personale, ma quelli dei ragazzi che lì dentro lo avrebbero trovato.

È così, di cuore e di pugni, che nasce la Team Boxe Roma XI.  È così che lì dentro ragazzi, e ormai anche tante ragazze, al futuro danno assalto. Qualcuno diventa un campione sul ring, tutti diventano campioni con sé stessi per essersi migliorati, per aver imparato ad asciugare sudore e masticare sacrificio. E anche a fare docce fredde, perché lì dentro l’acqua calda è conquista recente.

Una storia di pugilato e di Roma, che per tradizione e vocazione il pugilato ha sempre guardato in faccia e gli ha sempre dato del tu.
Una storia di identità forte, come quasi sempre sono le storie di periferia.
Una storia di Roma Sport Sociale.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Ludovico Scarfiotti

Lodovico Scarfiotti. Gentleman Driver

“Corro perché mi piace”. Così diceva Lodovico Scarfiotti a chi, per amore, tentava di allontanarlo dalle corse. Gentleman driver, eclettico, campione in pista, su strada e nelle cronoscalate, ultimo italiano a vincere nel 1966 il Gran Premio di Monza, quella di Scarfiotti è una storia dispersa troppo presto. Noi lo abbiamo ricordato così.

Leggi tutto »
Tiger Mask

Tiger Mask. Il primo anime dedicato al wrestling

L’Uomo Tigre è la prima serie animata giapponese dedicata al wrestling. Amatissima in Italia, raggiunse in Giappone una fama tale che la Federazione Giapponese Pro-Wrestling pagò i diritti alla Toei Animation per portare sul ring un wrestler ispirato proprio a Tiger Mask.

Leggi tutto »
pallone finale Brasile - Uruguay 1950

Superball. La storia del pallone che ha cambiato il calcio

Non propriamente sferico, dodici strisce di cuoio cucite intorno a una camera d’aria, il pallone degli anni eroici aveva una specie di bubbone esterno per il gonfiaggio e quando pioveva diventava una pietra. Colpirlo di testa provocava quasi sempre ferite piuttosto dolorose. Ci penseranno tre italiani d’Argentina a cambiare le cose. Sono loro che nel 1931 brevettano il Superball, pallone completamente sferico, facilmente gonfiabile e che fa nascere il calcio moderno.

Leggi tutto »
Respiro profondo

Alessia Zecchini. Respiro profondo

Alessia Zecchini, pluricampionessa mondiale dell’immersione in apnea in sei diverse discipline, nel 2017 scende fino a -104 metri, conquista il titolo mondiale AIDA nel Vertical Blu e diventa la donna più profonda del mondo. La sua storia sportiva e umana la racconta il bel documentario Respiro Profondo disponibile su Netflix.

Leggi tutto »
Roma Volley femminile

Roma Volley. L’urlo del Palazzetto

Domenica 15 ottobre. Dopo una chiusura di sette anni, Roma saluta la restituzione alla città del Palazzetto dello Sport. Un’assenza colpevole, stretta tra lungaggini burocratiche e Istituzioni qualche volta distratte. Il Palazzetto torna alla città nel modo migliore, con l’urlo delle ragazze della Roma Volley. Le prossime partite andranno meglio, ma sono le wolves le prime a firmare il patto per il futuro tra il Palazzetto e lo sport capitolino. È un buon segno, per Roma, per lo sport e per la cultura.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi