Search
Close this search box.

Nuoto a vista. Federico Bassani e il S.Alessio

La sesta puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Federico Bassani e il S.Alessio. Una storia di sport, volontà e resilienza. Una storia di disabilità visiva che ancora una volta dimostra come lo sport sia il linguaggio elettivo dell’inclusione sociale.
COVER BASSANI

Tor Marancia. Tessuto urbano stretto tra via Cristoforo Colombo e l’Appia Antica. Come dire tra il futuro immaginato, quello dell’arteria veloce che porta verso l’EUR e dopo ancora al mare di Roma, e il passato che non può passare, quello della regina viarum e del suo corollario di catacombe.
Case popolari a Tor Marancia, oggi diventate meta di scoperta artistica con i loro murales che hanno fatto il giro del mondo.
Da alcune di quelle stesse case popolari, nelle mattine degli anni sessanta, più di uno si affacciava da finestre e balconi e aspettava.
I ragazzi del S. Alessio, al tempo ancora Opera Pia ed oggi moderna Azienda di Servizi alla Persona incardinata nel sistema socio-assistenziale della Regione Lazio, uscivano per giocare a pallone.
Tutto normale, certo. I ragazzi giocano da sempre a pallone e per sempre ci giocheranno.
Tutto normale anche per loro, con l’unico particolare che i ragazzi del S. Alessio sono non vedenti.
Da allora è passato tempo, muri sono stati alzati ed altri abbattuti, ma i ragazzi del S. Alessio allo sport continuano a dare del tu.
Tra loro Federico Bassani, di cui questo documentario racconta.

Una storia di sport, volontà e resilienza quella di Federico. La storia di un bambino che perde la vista quando non ha ancora sei anni. I genitori gli fanno fare sport da subito. Tanti sport, ma in particolare nuoto.
Il S. Alessio c’è da subito. È con gli insegnanti del S.Alessio che Federico acquisisce la consapevolezza di sé, dello spazio, del proprio corpo e dei suoi movimenti. È qui che Federico inizia a diventare un campione e a coltivare i suoi sogni: la laurea, lo sport.

Studia, si allena, studia, si allena. Non si diventa campioni per caso.
Il Centro di Preparazione Paralimpica, una di quelle strutture di eccellenza che rompe il disincanto romano, diventa una specie di appendice di casa. A Tokyo 2020 Federico Bassani arriva in finale dei 100 rana e migliora il record nazionale. Per la seconda volta nella stessa giornata; la prima in semifinale.

Federico Bassani oggi punta a Parigi  2024 e non ne fa mistero. Nel mezzo l’imminente laurea in ingegneria biomedica con un obiettivo preciso e anche di questo non ne fa mistero: vuole contribuire alla ricerca e alla realizzazione dell’occhio bionico.
Insomma, solo chi non guarda lontano non ha sogni. Solo chi non guarda lontano non li realizza.
I ragazzi e le ragazze non vedenti del S.Alessio guardano tutti lontano e i sogni li costruiscono.
Ogni giorno, proprio come Federico Bassani.
Ogni giorno, come le storie di Una storia di Roma Sport Sociale.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Anna Magnani

Anna Magnani. Un giorno di settembre

Anna Magnani in un giorno di settembre. Non il 26 del 1973, ma il 14 del 1952. Non il giorno della sua morte, ma un giorno di vita felice. Al Gran Premio di Formula 2 di Modena, ci piace ricordarla bellissima e spensierata.

Leggi tutto »
sinner bagnania

Jannik Sinner e Pecco Bagnaia. Campioni ed esempio.

Jannik Sinner e la squadra della Coppa Davis. Pecco Bagnaia e il team della Ducati, l’altra rossa italiana. Una domenica di sport, una straordinaria domenica di campioni e di vittorie a lungo attese. C’è anche altro però. Ci sono campioni che danno l’esempio.

Leggi tutto »
Annalisa Minetti

Annalisa Minetti. Non si vive una volta sola

Annalisa Minetti, cantante e atleta, lo dice con grande serenità: non si vive una volta sola nella stessa vita. Lei, la sua, l’ha inventata molte volte. Una storia di resilienza, di entusiamo e di passione. Una storia di sport che insegna a vivere.

Leggi tutto »
Roma Volley femminile

Roma Volley. L’urlo del Palazzetto

Domenica 15 ottobre. Dopo una chiusura di sette anni, Roma saluta la restituzione alla città del Palazzetto dello Sport. Un’assenza colpevole, stretta tra lungaggini burocratiche e Istituzioni qualche volta distratte. Il Palazzetto torna alla città nel modo migliore, con l’urlo delle ragazze della Roma Volley. Le prossime partite andranno meglio, ma sono le wolves le prime a firmare il patto per il futuro tra il Palazzetto e lo sport capitolino. È un buon segno, per Roma, per lo sport e per la cultura.

Leggi tutto »
EDOARDO BIANCHI

Edoardo Bianchi. Il signore della bicicletta

Il 17 luglio 1865 nasce a Varese Edoardo Bianchi. Orfano, a quattro anni va in orfanotrofio da dove esce quando ne ha otto per andare a fare il garzone da un fabbro ferraio. Edoardo guarda, osserva, ruba con gli occhi e mette da parte. Abbastanza per cambiare vita e destino a sé, ma anche a buona parte degli italiani.

Leggi tutto »
Bruce Lee

Bruce Lee. Il respiro del Drago

Artista marziale, filosofo, Maestro, attore, ma soprattutto sé stesso. Sempre. Il Piccolo Drago ha segnato il tempo, ha cambiato le arti marziali e ha lasciato un’impronta profonda nel costume. Bruce Lee. Uno. Unico.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi