Nuoto a vista. Federico Bassani e il S.Alessio

La sesta puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Federico Bassani e il S.Alessio. Una storia di sport, volontà e resilienza. Una storia di disabilità visiva che ancora una volta dimostra come lo sport sia il linguaggio elettivo dell’inclusione sociale.
COVER BASSANI

Tor Marancia. Tessuto urbano stretto tra via Cristoforo Colombo e l’Appia Antica. Come dire tra il futuro immaginato, quello dell’arteria veloce che porta verso l’EUR e dopo ancora al mare di Roma, e il passato che non può passare, quello della regina viarum e del suo corollario di catacombe.
Case popolari a Tor Marancia, oggi diventate meta di scoperta artistica con i loro murales che hanno fatto il giro del mondo.
Da alcune di quelle stesse case popolari, nelle mattine degli anni sessanta, più di uno si affacciava da finestre e balconi e aspettava.
I ragazzi del S. Alessio, al tempo ancora Opera Pia ed oggi moderna Azienda di Servizi alla Persona incardinata nel sistema socio-assistenziale della Regione Lazio, uscivano per giocare a pallone.
Tutto normale, certo. I ragazzi giocano da sempre a pallone e per sempre ci giocheranno.
Tutto normale anche per loro, con l’unico particolare che i ragazzi del S. Alessio sono non vedenti.
Da allora è passato tempo, muri sono stati alzati ed altri abbattuti, ma i ragazzi del S. Alessio allo sport continuano a dare del tu.
Tra loro Federico Bassani, di cui questo documentario racconta.

Una storia di sport, volontà e resilienza quella di Federico. La storia di un bambino che perde la vista quando non ha ancora sei anni. I genitori gli fanno fare sport da subito. Tanti sport, ma in particolare nuoto.
Il S. Alessio c’è da subito. È con gli insegnanti del S.Alessio che Federico acquisisce la consapevolezza di sé, dello spazio, del proprio corpo e dei suoi movimenti. È qui che Federico inizia a diventare un campione e a coltivare i suoi sogni: la laurea, lo sport.

Studia, si allena, studia, si allena. Non si diventa campioni per caso.
Il Centro di Preparazione Paralimpica, una di quelle strutture di eccellenza che rompe il disincanto romano, diventa una specie di appendice di casa. A Tokyo 2020 Federico Bassani arriva in finale dei 100 rana e migliora il record nazionale. Per la seconda volta nella stessa giornata; la prima in semifinale.

Federico Bassani oggi punta a Parigi  2024 e non ne fa mistero. Nel mezzo l’imminente laurea in ingegneria biomedica con un obiettivo preciso e anche di questo non ne fa mistero: vuole contribuire alla ricerca e alla realizzazione dell’occhio bionico.
Insomma, solo chi non guarda lontano non ha sogni. Solo chi non guarda lontano non li realizza.
I ragazzi e le ragazze non vedenti del S.Alessio guardano tutti lontano e i sogni li costruiscono.
Ogni giorno, proprio come Federico Bassani.
Ogni giorno, come le storie di Una storia di Roma Sport Sociale.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Messner

Reinhold Messner. La solitudine del gigante

20 agosto 1980. Reinhold Messner arrampica l’Everest dal versante nord, da solo e senza ossigeno. Primo al mondo, anche i monsoni ne rispettano cuore e coraggio e lo lasciano andare. È cosi che i giganti si parlano. In solitudine.

Leggi tutto »
Vergarolla 1946

Vergarolla 1946. Nuoto rosso sangue.

Il 18 agosto del 1946 a Vergarolla doveva essere una giornata di sport. Una giornata di sport e di nuoto popolare, proprio com’era nello spirito della Coppa Scarioni e delle gare promosse dalla società sportiva Pietas Julia. Il 18 agosto invece fu una giornata di nuoto rosso sangue.

Leggi tutto »
ascari

Gli Ascari. La maledizione dei numeri

Antonio e Alberto Ascari. Padre e figlio. Stessa vita e stesso sangue da campioni, ma anche stesso destino segnato da una maledizione di numeri ricorrenti. Possiamo chiamarle coincidenze, ma Alberto Ascari alle coincidenze non credeva. Questa è la loro incredibile storia. Dopo averla ascoltata, forse, alle coincidenze non crederete più neanche voi.

Leggi tutto »
Daniele Cerra

Daniele Cerra. Il sogno di Parigi 2024

Daniele Cerra deve ripensare la sua vita a 20 anni, quando perde la vista. È così che inizia a guardare lontano. Affiancato dal Sant’Alessio diventa esperto di tiflodidattica informatica e, da alcuni mesi, è entrato in acqua al Centro Sportivo Paralimpico delle Tre Fontane con un obiettivo ambizioso: Parigi 2024.

Leggi tutto »
Bonucci e Furino

La carezza di Bonucci

La carezza di Bonucci a Giuseppe Furino. La maglia, certo. Il testimone passato da capitano a capitano come se fosse un moto circolare di eterno ritorno. Ma l’anima del momento è la carezza, gesto desueto, codice disperso, commozione che si fa gesto. Per questo noi ne parliamo.

Leggi tutto »
Wilma Rudolph e Livio Berruti

Roma 1960. Wilma, Livio e l’amore impossibile

25 agosto 1960. In una Roma bella e ingenua come forse mai più, si aprono i Giochi della XVII Olimpiade. Dal Settebello ai ciclisti d’oro, da Cassius Clay a Nino Benvenuti, da Abebe Bikila a Livio Berruti e Wilma Rudolph, tante sono le storie dei giorni olimpici. Tra queste quella dell’amore impossibile, forse immaginario e solo da copertina di Livio e Wilma, ma anche quella di una Roma impossibile da non amare.

Leggi tutto »
Monza partenza

Monza 100. Uomini, sogni e motori

Cento anni di storia di motori e di coraggio, di ingegno e di innovazione. L’autodromo di Monza è un tempio della velocità, ma soprattutto è un patrimonio culturale al quale rendiamo omaggio per il suo passato e per il futuro che gli spetta.

Leggi tutto »
Windsurf

Sulle onde del vento

Enrico Sulli, non vedente e windsurfer per passione da quasi 40 anni. La sua è una storia di vento, di onde, di tavola e di vela. E anche di un sogno che prende forma con il Vela Club Vico: insegnare ad altri non vedenti a prendere il largo con il windsurf.

Leggi tutto »
il calcio di Melissa

Il calcio di Melissa

Melissa, 15 anni, grande appassionata di calcio e unica giocatrice della prima squadra dell’ASDD Roma 2000 per disabili visivi. Il racconto di come si è avvicinata a questo sport e le prospettive del domani.

Leggi tutto »
Carlo Mazzone

Carlo Mazzone. Come un padre

Carletto Mazzone, ultimo romantico del calcio, è un esempio per tutti. Amato da tifosi e da giocatori che ha allenato e cresciuto, Carletto è stato per tanti come un padre. Così ce lo racconta il bel docufilm di Alessio Di Cosimo disponibile su Prime Video dal 2 novembre.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi