Search
Close this search box.

Benedetta Pilato. Oro, cloro e lacrime

Budapest 2022. Campionati del Mondo di nuoto a un passo da dove il Mondo sembra impazzire. È qui che Benedetta Pilato diventa grande e non solo per l'oro straordinario vinto nei 100 rana, ma perché ha dimostrato che si può essere fortissimi senza nascondere nessuna fragilità.
Benedetta Pilato

Questa volta ce l’ha fatta. A Budapest Benedetta Pilato ha toccato il cielo con un dito e poi è finita sul gradino più alto, quello sul quale centinaia, forse migliaia di ragazze e ragazzi di tutto il mondo vorrebbero mettere anche solo un piede.
E questa volta quel gradino è tutto suo, se l’è preso con la forza e la volontà ed è quello che la porta sul tetto del mondo.

Tra oro, cloro e lacrime Benedetta Pilato non è solo campionessa del Mondo, ma ci ricorda che le fragilità ci fanno essere umani.

Benedetta, grande oltre misura

Parliamo di Benedetta Pilato, gigante nell’acqua, piccola piccola a vederla crollare davanti all’intervistatore, forse ancora inconsapevole di ciò che ha fatto. In fondo, ha solo vinto un oro ai mondiali di Budapest nella “rana”, la sua specialità.
In fondo. A 17 anni.
E la pressione deve essere stata davvero forte, chissà se non avrebbe potuto rubare qualche altro centesimo alle avversarie, la seconda ha toccato appena 5 centesimi dopo.
A vederla in tivù abbiamo avuto tutti la sensazione che la ragazza sia partita col freno a mano tirato, che non abbia voluto forzare come nella categoria che l’aveva vista trionfare tre anni fa. Infatti, alla virata era quarta, e chi mai avrebbe potuto immaginare che nei successivi cinquanta avrebbe invece lasciato dietro di sé Anna Elendt, l’olimpionica Meylutite e Lilli King?

Benedetta Pilato

Tokyo 2020

Soprattutto dopo la performance all’ultima olimpiade dove, va ricordato, l’emozione aveva preso il sopravvento e purtroppo fu squalificata per una sgambata errata. Fu proprio la campionessa Lilli King a parlare bene di Benedetta, a dire che aveva visto in lei la vera, unica, sua rivale.

Benedetta, da Taranto

Ma oggi tutti la ricorderemo per essere la ragazzina che arriva da Taranto che di strada, anzi di vasche, ne ha fatte proprio tante, che già a 14 anni aveva stupito il mondo a forza di grandi sacrifici e che ora, a soli 17 anni, continua a stupire. E che crolli pure davanti a un intervistatore purché si esalti e trionfi in acqua.

Coach D’Onghia

Per ultimo, ma non ultimo, un plauso a Vito D’Onghia, il suo coach che la segue da quando Benedetta era una bambina e insieme alla giovane Benny è legittimo affermare che sono una coppia d’oro.
Auguri a Vito, auguri a Benedetta e lunga vita di successi a entrambi

Vincenzo Mascellaro, uomo di marketing, comunicazione e lobby, formatore, scrittore e oggi prestato al giornalismo

ARTICOLI CORRELATI

Benedetta Pilato

Benedetta Pilato. Oro, cloro e lacrime

Budapest 2022. Campionati del Mondo di nuoto a un passo da dove il Mondo sembra impazzire. È qui che Benedetta Pilato diventa grande e non solo per l’oro straordinario vinto nei 100 rana, ma perché ha dimostrato che si può essere fortissimi senza nascondere nessuna fragilità.

Leggi tutto »
Greta Patterson

Greta Patterson. La sirena americana

1955. Greta Patterson ha solo 18 anni, ma le idee molto chiare da tempo. Il 4 luglio è il giorno dlla sua sfida. Con sé stessa e con il lago, tanto grande da sembrare un mare. Il lago Erie segna il confine tra Stati Uniti e Canada. Quando entra in acqua Greta ha davanti 15 miglia per arrivare all’altra sponda. Nuoterà per 13 ore, la raggiungerà e farà sua un’impresa mai compiuta prima.

Leggi tutto »
Diana Nyad

Diana Nyad. Da Cuba a Key West per una vita

“Non si è mai troppo vecchi per inseguire un sogno”, dice così Diana Nyad. Aveva 29 anni quando il 13 agosto 1978 sfida lo Stretto per la prima volta per nuotare da Cuba a Key West. La sfida finirà il 2 settembre 2013, quando di anni ne ha 64. “Non si è mai troppo vecchi per inseguire un sogno”, se lo dice lei c’è da credergli

Leggi tutto »
Ted May

Ted May. Il nuotatore solitario e i Rolling Stones

Edward James May, classe 1910. Operaio, meccanico, sottufficiale della Royal Navy negli anni della guerra, padre di 9 figli. Insomma, working class inglese, ma soprattutto uomo coraggioso. Con la passione del nuoto in acque libere, per due volte tenterà la traversata in solitaria del Canale della Manica. Dartford, paesino del Kent, ha visto nascere gente straordinaria. Come Ted, Mick e Keith.

Leggi tutto »
Pinne di Bucciarelli

Le pinne e il nuoto veloce del signor Bucciarelli

Una piccola storia di inizio novecento. Un illustre sconosciuto, la sua passione per il nuoto e il suo ingegno. La storia delle pinne passa anche per una tappa non registrata, Portoferraio, Isola d’Elba, e per A. Bucciarelli, un signore di cui non sappiamo nulla, ma che salutiamo come un vecchio amico

Leggi tutto »
Johanna Nordblad

Johanna Nordblad. Regina dei ghiacci

“Era un po’ fredda”. Dice così Johanna Nordblad alla sorella Elina dopo aver stabilito il record mondiale di apnea lineare sotto il ghiaccio nuotando per 113 metri, senza muta, senza pinne, senza pesi e solo in costume da bagno. Serve altro per considerare straordinaria l’atleta e la sua impresa?

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi