Ad occhi aperti. Sport e disabilità visiva

Sport e disabilità visiva diventano narrazione per favorire l'inclusione sociale. Questo l'obiettivo del progetto "Ad occhi aperti" che nasce dalla collaborazione tra la storica Azienda per i Servizi alla Persona S.Alessio-Margherita di Savoia e Sportmemory, insieme per divulgare storie, esperienze e buone pratiche. Da ottobre il magazine ospiterà la rubrica mensile, entro dicembre sarà presentato il primo documentario e prenderà il via la linea di podcast. Una sfida "Ad occhi aperti" che riguarda tutti.
sport e disabilità visiva

La rubrica

È solo un caso che la rubrica Ad occhi aperti dedicata allo sport e alla disabilità visiva curata dall’Azienda per i Servizi alla Persona S. Alessio –Margherita di Savoia in collaborazione con Sportmemory, prenda il via durante le Paralimpiadi di Tokio 2020 (+1). Ma il semplice fatto che nasca in questi giorni in cui sport e disabilità sono sotto i riflettori di tutto il mondo, è per noi un segnale di buon auspicio e di incoraggiamento!

Sappiamo bene come lo sport sia una scuola di vita che ha bisogno di volontà e consapevolezza, impegno e determinazione, sia ai livelli agonistici che amatoriali, sia per le persone con disabilità sia per chi disabile non è.
Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo ce lo hanno ricordato giorno dopo giorno, gara dopo gara.

In questa rubrica dedicata a sport e disabilità visiva, mensilmente, avremo modo di raccontare storie di campioni italiani e internazionali, insieme a storie di vita quotidiana.
Il centro di tutto sarà sempre lo sport e le infinite modalità in cui è possibile viverlo.

Le storie

Vi racconteremo dello sci e dello sci nautico, dei tornei di calcio e di quelli di baseball, del nuoto e del lancio del peso, dello yoga, della vela e della danza, e di molto altro.
Racconteremo delle mille opportunità di fare sport per le persone con disabilità presenti nel nostro territorio, degli accorgimenti necessari a rendere alcune attività sportive accessibili alle persone cieche e ipovedenti.
Vi racconteremo di esperienze di rinascita che passano attraverso lo sport, e altre che invece nulla hanno di miracoloso, se non il potere salvifico dello sport, fatto di sudore, incontro e passione.

La memoria

Perché lo sport è sempre più un’opportunità per aumentare l’autonomia e la stima verso se stessi.
Ne sono testimonianza queste vecchie foto, documenti storici delle prime partite di calcio nel cortile del S. Alessio – Margherita di Savoia, la più grossa struttura del Centro e Sud Italia che da oltre 150 anni si occupa di riabilitazione, educazione, formazione e inclusione sociale di ciechi, ipovedenti e persone con disabilità aggiuntive a quella visiva.

Il futuro

Giovani – e meno giovani – di allora che, come i giovani – e meno giovani – di oggi, hanno voglia di giocare, ridere e crescere insieme, nel rispetto delle specificità individuali di ciascuno.

Sarebbe bello che diversi ragazzi disabili potessero avvicinarsi allo sport, che ti arricchisce la vita perché ti rende una persona migliore e non solo per portarti a competere“, ha detto in questi giorni Francesco Bocciardo, due medaglie d’oro nel nuoto alle Paralimpiadi di Tokio.

E non possiamo che essere d’accordo con lui.

Amedeo Piva Presidente dell’Azienda di Servizi alla Persona S. Alessio - Margherita di Savoia. Già assessore alle politiche sociali del Comune di Roma e responsabile delle politiche sociali delle Ferrovie dello Stato.

ARTICOLI CORRELATI

Attilio Fresia

Attilio Fresia. Oltre confine

Alla voce “pioniere” il dizionario di Oxford dice: “Scopritore o promotore di nuove possibilità di vita o di attività, collegate specialmente all’insediamento e allo sfruttamento relativo in terre sconosciute”. Spesso visionari, sempre coraggiosi. Attilio Fresia, forse né l’uno e né l’altro. È però il primo calciatore italiano all’estero. Non è poco. 

Leggi tutto »
Barazzutti e Connors

Corrado Barazzutti. Il furto di Forest Hills

1977. Us Open. Forest Hills, più che campi un tempio del tennis. Corrado Barazzutti arriva con la Davis cilena conquistata, è in forma e va avanti sino a dove nessun italiano era mai arrivato. La semifinale lo vede contro Jimmy Connors. Poteva finire in ogni modo, ma quello che fa Connors va oltre l’immaginazione e segna una delle più brutte pagine del tennis.

Leggi tutto »
San Siro

San Siro Rock Star. Dove suonano le leggende

Una lacrima,un ricordo, un emozione. La musica live è legata storicamente ai luoghi. L’attimo, un fermo immagine è impresso in un abbraccio, in una canzone, al compagno che avevi vicino. E quel tempio, San Siro ne ha regalati a milioni di fans. Oggi, parlare di demolizione è come abbattere un’idea, una storia, cancellare un luogo di culto. Da esso la parola cultura. Solo per ciò che ha rappresentato, ospitato e celebrato, bisognerebbe elevarlo a “monumento della musica nazionale”. San Siro, la Scala del rock, come lo definì Mick Jagger. Oltre 130 concerti, il meglio del rock mondiale ha calcato il suo terreno di gioco. Bowie, Vasco, Marley, Stones. Quarant’anni ed oltre a suon di musica e non sentirli. Finché ce ne hai stai lì, lì nel mezzo.

Leggi tutto »
GUERRA DEL FOOTBALL

La prima guerra del football

Terra, campo, pallone. Sembra un gioco, ma non sempre lo è. Non lo è stato nel 1969 quando El Salvador e Honduras si sono scontrati per la qualificazione a Mexico ’70. 100 ore di combattimenti e bombardamenti, 6.000 morti, 10.000 feriti non sono un gioco, sono la prima guerra del football.

Leggi tutto »
Armin Hary

Armin Hary. I 100 metri di Roma ’60

Armin Hary, forte di essere stato il primo a fissare il tempo sui 10 netti, arriva alle Olimpiadi di Roma da favorito. La gara regina dei Giochi Olimpici sarà serrata, ma Hary non deluderà le aspettative e sarà il più veloce. Veloce quanto la sua brevissima carriera.

Leggi tutto »
Alfred Wegener

Alfred Wegener. Il ghiaccio come destino

Una vita di studio e di avventura quella di Alfred Wegener. Scenziato ed esploratore, teorizza la Pangea e la deriva dei continenti, nel 1906 stabilsce il record di permanenza in volo su pallone aerostatico e per tre volte affronta il grande ghiaccio della Groenlandia. L’ultima spedizione nel 1930, poi anche il destino diventa ghiaccio

Leggi tutto »
Gigi Riva

Quando Gigi Riva tornerà…

9 aprile 1977. Gigi Riva lascia il calcio, quello giocato. Scarpini, maglietta, calzoncini, arbitri, fischietti e goal. Tanti goal. Sembra ieri. Era ieri. Il tempo, se sei Rombo di Tuono, è solo un opinione.

Leggi tutto »
Pink Floyd

Pink Floyd F.C. The dark side of soccer

Seconda metà anni ’60. Londra. L’altra Londra. Psichedelica, acida, onirica, visionaria oltre misura. I Pink Floyd si affacciano sulla scena per non uscirne più. Voce, chitarra, basso, batteria, tastiera: sembra una formazione classica, sarà una rivoluzione. E poi una passione inevitabile: il calcio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi