Don Bosco al Tuscolano. Quando lo spirito è sportivo

La quinta puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di spirito sportivo nella sua essenza e nella sua sacralità. La storia dell’Oratorio Don Bosco al Tuscolano, dove generazioni sono cresciute, si sono passate la palla e hanno trovato una seconda casa.
Don Bosco Tuscolano

1952. 24 ottobre. Un venerdì.
A guardarti intorno vedi in lontananza i palazzoni della spina Tuscolana che si allungano verso la fabbrica dei sogni. Poi pratoni, gru che si alzano al cielo, cantieri, voragini che diventeranno fondamenta e un mondo intero da scoprire.
Lì, proprio lì, accade però qualcosa di diverso.
Sono tanti i ragazzini, quasi tutti con i pantaloni corti che al tempo si levavano che era quasi Natale, quasi tutti con le ginocchia annerite o sbucciate, qualcuno accovacciato, qualcuno in piedi, tutti a smaniare, tutti pronti.
La partita sta per iniziare, ai più fortunati la conta ha concesso di giocare per primi, gli altri devono attendere e lo faranno senza nascondere l’impazienza.
Davanti a loro uno sterrato, le squadre improvvisate, il pallone buono e qualche salesiano in tonaca pronto anche lui a dribblare e tirare in porta. Che poi, porta si fa per dire. In ogni caso il pallone lo hanno portato loro, i salesiani.
Lo sport per loro è un atto di fede.

L’Oratorio Don Bosco al Tuscolano nasce così, con una partita di pallone improvvisata sotto il sole tiepido degli ultimi giorni di ottobre, ben prima dell’inaugurazione della Basilica che avverrà solo nel 1959.
Da allora l’Oratorio ha dato accoglienza e fatto trovare porte aperte a generazioni e generazioni di ragazzi e ragazze.
Per tanti di loro l’Oratorio Don Bosco è stato ed è ancora una vera e propria seconda casa.
Soprattutto, in un quartiere che ormai conta quasi 300.000 abitanti – praticamente una grande città di provincia – l’Oratorio è una struttura sportiva di base. Qui tutti possono fare sport, anche chi con lo stipendio non arriva alla terza settimana e non può permettersi di pagare una quota per far fare sport ai figli.

Don Salvatore è il salesiano responsabile dell’Oratorio. Lo incontriamo e con lui parliamo a lungo.
Ci dice, ci racconta, ci fa esempi, ci presenta i suoi ragazzi e poi ci spiega la chiave di volta dello spirito salesiano.
Qui noi affianchiamo i ragazzi in un percorso che gli consenta di diventare il miglior sé stesso possibile.
Ci dice così e questa frase vale più di ogni altra spiegazione.
Il resto è tutto in discesa.
Il resto è tutta una storia di Roma Sport Sociale

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Hajduk Dalmazia

Hajduk. Orgoglio della Dalmazia

Dalmazia, Spalato. Hajduk la squadra fondata in birreria nel 1911, ma a Praga, da un gruppo di studenti spalatini affascinati dal calcio danubiano. Non solo una storia sportiva, ma una storia sociale e popolare. Una storia di tifo che travalica il campo da gioco per entrare nel campo della vita. La squadra di Spalato non vince più nulla dal 2005, ma dal cuore dei suoi tifosi non è mai uscita.

Leggi tutto »
Ultima giornata

Ultima giornata. Una storia vera

Cosa accade prima, durante e dopo l’ultima giornata di campionato? Come vivono l’attesa i ragazzi, la società, le famiglie? Come si confrontano con il risultato? Lo racconta “Ultima giornata”, il docufilm di Sportmemory che porta sullo schermo la squadra under 19 del Montespaccato Calcio nel vissuto sportivo ed emotivo dell’ultima settimana dello scorso campionato.

Leggi tutto »
Genoa serie A

Il Genoa ritornA

La serie A ritrova il Genoa. Hai presente il figliol prodigo? La festa più grande che ci sia. La festa per chi non è mai andato via. La festa per chi vuoi vedere e lo rivedrai. Siamo tutti figli tuoi, Genoa Football & Cricket Club 1893. Bentornato!

Leggi tutto »
Nicolò Carosio

Nicolò Carosio, lenticchie e whiskaccio

1 gennaio 1933. Appena ieri. Nicolò Carosio con la prima radiocronaca italiana di una partita di calcio, tra lenticchie e whiskaccio, inventa un linguaggio e segna la strada di un’epoca che ancora si mantiene giovane

Leggi tutto »
El trinche

El Trinche. Maglia numero 5.

Non tutti lo conoscono, ma chi lo ha conosciuto lo ricorda bene. Soprattutto chi lo ha incrociato su un campo di calcio. Si chiama El Trinche e sa fare una cosa sola, giocare a pallone meglio di tutti. A modo suo. La lunga storia del Maradona che non è mai stato. 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi