Claudio Moroni, il Professore

Claudio Moroni, professore vero, giornalista di garbo e di stile, inventore di linguaggi televisivi, ma soprattutto innamorato perso della Roma.
Claudio Moroni

Claudio Moroni, il Professore, voce e volto di uno stile.
Provare a fare sintesi di Claudio è arduo. Uomo di cultura amante dei classici, professore, giornalista, protagonista assoluto dell’epica delle tv e delle radio libere – così si chiamavano nei primi anni settanta, mica private come le avremmo chiamate dopo – inventore di linguaggi televisivi e radiofonici, Claudio ci accompagna dal 1974 e, nel frattempo, è diventato in pratica uno di famiglia, uno che se anche non conosci personalmente, fa parte del tuo panorama umano.
Arduo quindi farne sintesi se non prendendolo come esempio di stile con il suo modo di raccontare, informare e intrattenere orientato al garbo, all’ironia, all’intelligenza.

Basta così?

No, non proprio, perché la miscela esplosiva di tutto questo è una passione.
O meglio, non una passione, ma “la” passione, quella che gli appartiene come una seconda pelle, quella che è battito e respiro: ovviamente la passione di Claudio Moroni si chiama Roma.
Passione incondizionata con la quale il giornalista Moroni ha dovuto fare i conti, cercando di contenere il Moroni tifoso.
Non sempre facile e nell’ incontro che ha inaugurato la serie di appuntamenti promossi da I Cavalieri della Roma proprio per raccontare fuori dalle righe e dagli abiti professionali la passione che li accomuna tutti, Claudio si espone a ruota libera e, tra gli altri, ricorda due episodi in particolare.
Episodi che sono monumenti, legati come sono all’indimenticabile epopea della Coppa dei Campioni 83/84.

Roma – Goteborg

Il primo riguarda il ritorno con il Goteborg, dopo il 2-1 dell’andata. ” Tutti ci ricordiamo come la Roma di Liedholm quel giorno giocò una partita meravigliosa ” dice Claudio “ma il mio momento di giallorossa follia accadde in occasione del terzo gol. Il pallone passò per i piedi di Conti, Cerezo, Falcao, ancora Cerezo…tuttavia, se vi ricordate, quell’azione è quasi impossibile da raccontare; perché avvenne a grande velocità e con due veli brasiliani che sconcertarono l’intera difesa svedese e tutti noi che la stavamo seguendo. Mi ricordo bene solo che Toninho chiuse l’azione con un gran gol e che si fece una scampagnata sotto la Sud in delirio. Ecco, a quel punto, mi raccontano i tecnici della troupe televisiva che lavoravano con me, che io cominciai a prendere per la giacca o la maglietta i colleghi giornalisti dell’ultima fila vicino all’uscita, urlando “Andiamo via, andiamo via tutti! Non è possibile vedere di più!”. Praticamente ero uno squilibrato che invece di pensare a realizzare le interviste di fine partita, volevo andarmene in quanto, a mio avviso, il calcio, quella sera, mi aveva già mostrato il massimo possibile. Ed era solo il 70°; mancavano ancora 20′.”

Roma – Liverpool

Sull’onda dell’emozione che ancora gli fa accapponare la pelle, Claudio da immancabile Professore sfoglia il registro dei ricordi ed entra a gamba tesa nella serata della finale contro il Liverpool, andata come tutti sappiamo. “Dopo l’ultimo calcio di rigore che assegnava la Coppa agli Inglesi” continua Claudio “io, che dovevo passare negli studi di T.R.E. alla Balduina per offrire il mio commento, ho saltato l’impegno professionale e me ne sono tornato a casa. Arrivato a pochi metri dal mio portone, in via Bernardino Telesio all’angolo con la Via Olimpica, vidi sulla mia sinistra un manifesto di una nota pasta che era anche lo sponsor della Roma. Un altro tifoso era passato poco prima di me e ci aveva scritto a pennarello nero Roma, 30 maggio 1984. Domani è un altro giorno. C.U.C.S. Quando ho preso l’ascensore e mi sono specchiato, avevo gli occhi lucidi”.

1983  e 2001

E poi gli scudetti, 1983 e 2001, praticamente tutte le partite viste e anche qui episodi, ricordi ed emozioni che potrebbero riempire un libro. Vittorie, sconfitte, patemi d’animo, gioie immense. “Roma di Capello, ottava giornata dell’andata, Batistuta che segna di testa contro la Fiorentina, lui da ex che giustamente non esulta, indimenticabile però lo stadio intero che gli esplode intorno“. E poi ancora, questa volta un passo indietro, la Roma del Barone “la Juve dietro di 3 punti, noi primi e obbligati a vincere. Ci pensarono Falcao di testa e Agostino con una punizione delle sue. Partite forse non bellissime queste due, ma di cuore immenso”.

Ma, in fondo, la Roma non è forse proprio cuore immenso?

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Cavalieri della Roma

Cavalieri della Roma. Nozze d’argento con i nominati del 2023

Parterre d’eccezione per le nomine dei Cavalieri della Roma in occasione del venticinquesimo anniversario dell’Associazione. La prestigiosa investitura va a Francesco De Gregori, Noemi, Zibì Boniek e ad altri dieci tra imprenditori, manager, magistrati e professionisti, tutti testimoni e protagonisti di assoluta fede giallorossa.

Leggi tutto »
Roma Milan

Roma. Atto di fede

Seconda sconfitta su tre partite, una strisciata negativa che allunga in continuità quella dello scorso campionato. Uno schema che vacilla, giocatori imprecisi e non ancora pienamente in forma, fragili e con l’infortunio sempre in agguato. Non è incoraggiante, per questo serve un atto di fede per la Roma che verrà. Come sempre.

Leggi tutto »
Giorgio Rossi

Giorgio Rossi. Cavaliere della Roma

Il 23 settembre 2018 Giorgio Rossi cambia campo. Uomo raro, prezioso, capace di lasciare segni profondi. Tutti gli hanno voluto bene e a tutti manca. I Cavalieri della Roma oggi lo ricordano come ha voluto essere ricordato lui, sul marmo e sul cuore.

Leggi tutto »
Marco Bruschini

Marco Bruschini. Nel mondo da romanista

Una conversazione giallorossa con Marco Bruschini, oggi direttore dell’Agenzia per il Turismo delle Marche e una carriera che lo ha portato a promuovere l’immagine di Roma nel mondo da Romanista o meglio, da Cavaliere della Roma.

Leggi tutto »
AS Roma Dybala

Roma – Empoli. La partita dei segni

Roma – Empoli, un risultato sonoro, una vittoria attesa che fa bene a tutti, ma anche una partita di cui leggere i segni. Segni destinati a rimanere nel tempo. Segni che da ieri fanno essere la Roma, squadra, società e comunità di tifosi, più forte.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi