Search
Close this search box.

Fernando De Napoli. Una vita da mediano.

Dal passato nell’Avellino al Napoli di Diego Armando Maradona, fino al Milan dei Tulipani, passando per il Rimini di Arrigo Sacchi, una vita al servizio del centrocampo per l’ex calciatore irpino
Fernando De Napoli

Uno dei temi ricorrenti nelle biografie dei protagonisti del pallone degli anni Ottanta riguarda le radici della propria passione. Non è raro, infatti, leggere in alcune loro interviste un richiamo al gioco del calcio coltivato da bambini, per strada, talvolta sul cemento. Un imprinting che contribuisce a forgiarne la personalità futura sul campo, al di là degli schemi con i quali si misureranno e degli allenatori chiamati a migliorarne il talento.
Così, fra le tante storie sportive che animano la provincia italiana, c’è posto per quella di Fernando De Napoli, da Chiusano di San Domenico, e della sua vita da mediano.

I primi passi

Nella località montana a ovest di Avellino, Fernando De Napoli nasce nel cuore degli anni Sessanta. Il pallone è un costante compagno di giochi al punto che, da giovanissimo, comincia a muovere i primi passi nel calcio, fra le file della Mirgia di Mercogliano, società sportiva alle falde di Montevergine. Da lì al salto nelle giovanili dell’Avellino è un passaggio quasi naturale. Ed è proprio fra i Lupi che si guadagnerà l’eloquente soprannome di Rambo, per via di una grinta e di un’attitudine a recuperare palloni saldate a un’estetica da maglia intrisa nel fango che non può non ricordare l’emblematico film di Sylvester Stallone. Polmoni generosi e piedi buoni catturano l’attenzione del Rimini che, nella stagione 1982/83, milita nel girone A della C1 ed è allenato da un giovane Arrigo Sacchi. Un’annata in Romagna dove il diciottenne Fernando De Napoli si confronta con l’organizzazione di gioco di un allenatore destinato a rivoluzionare il calcio moderno.

Fernando De Napoli

La maturità

L’anno successivo è quello del rientro nella squadra biancoverde, e soprattutto dell’esordio nella massima serie. Le prestazioni positive ne agevolano un ingresso nel giro dei titolari, in attesa della chiamata in maglia azzurra da parte del commissario tecnico Enzo Bearzot. Il suo è finora il primo e unico caso di calciatore dell’Avellino convocato ai Mondiali. Nel 1986, la sua definitiva maturazione coincide con la fase finale del ciclo azzurro, detentore del titolo spagnolo. Fra le nuove leve, pronte a raccogliere l’eredità dei campioni del Vecio, c’è anche lui. In campo in Messico contro la Bulgaria, condivide il reparto con Salvatore Bagni e Antonio Di Gennaro. Esce a pochi minuti dalla fine, sostituito da Beppe Baresi, nella successiva sfida con l’Argentina. Entrambe le gare finiscono 1-1. È presente anche nella vittoria per 3-2 contro la Corea del Sud, e nella sconfitta contro la Francia che, con le reti di Michel Platini e di Yannick Stopyra, estromette l’Italia dalla competizione.

I successi al Napoli

Il punto di svolta della carriera di Nando De Napoli è senza dubbio il trasferimento al Napoli, nella stagione 1986/87.
Il suo acquisto insieme a quello dell’attaccante Andrea Carnevale nella sessione estiva, oltre a quello del centrocampista Francesco Romano nel mercato di ottobre, è funzionale a un definitivo salto di qualità della rosa, arricchita da un fuoriclasse come Maradona.
Il cammino in campionato culminerà così con uno storico scudetto, unitamente a una vittoria anche in Coppa Italia.
Un contributo tanto silenzioso quanto prezioso nella mediana azzurra, per un giocatore che esplode di gioia davanti al suo capitano mentre gli porge il microfono, a sua volta cedutogli dal giornalista Gian Piero Galeazzi, durante i festeggiamenti negli spogliatoi.
«Una cosa stupenda!», esclama così Fernando De Napoli in un video tornato in auge nella ricorrenza del trentennale dello scudetto partenopeo.

Arriveranno ulteriori trofei con quella casacca addosso.

Dalla Coppa Uefa al secondo scudetto, oltre alla Supercoppa italiana. Un percorso lungo e coinvolgente, quello della competizione internazionale targata 1988/89, caratterizzato da sfide secche con andata e ritorno, e partito dai trentaduesimi di finale. In un autentico crescendo, il Napoli di Ottavio Bianchi elimina nell’ordine Paok Salonicco, Lokomotive Lipsia, Bordeaux, Juventus dopo una travolgente rimonta ai tempi supplementari e Bayern Monaco.
L’ultimo ostacolo prima del traguardo è rappresentato dallo Stoccarda.
Fulcro del gioco partenopeo è naturalmente il fantasista con la maglia numero 10.

Fernando De Napoli

La maglia sudata

Il centrocampo è un reparto dove Fernando De Napoli dialoga con compagni come Alemão e Massimo Crippa, senza tralasciare elementi come Luca Fusi e Francesco Romano. A testimoniare l’impegno in campo è la solita maglia sudata, oltre ad assist precisi e inserimenti. Non manca qualche brivido proprio nel ritorno della finale.
C’è spazio, infatti, per due svarioni ininfluenti, negli ultimi minuti della partita a Stoccarda. Un autogol e un assist involontario all’avversario Olaf Schmäler che fisseranno il punteggio sul 3-3, non inficiando il 2-1 a favore del Napoli dell’andata, e soprattutto non pregiudicando il rendimento nel percorso europeo dello stesso Rambo. Che, pur non sottraendosi a un’autocritica nell’intervista a fine incontro («li ho fatti pareggiare»), correrà a festeggiare la conquista del trofeo insieme a compagni e tifosi.

La conclusione della carriera

L’addio del Pibe de oro dalla compagine azzurra sarà accompagnato da una progressiva e inevitabile involuzione del gioco della squadra partenopea.
Nella stagione 1992/93 Fernando De Napoli si trasferisce al Milan.
Nelle file rossonere vincerà un paio di scudetti e uno Champions League. Dovrà però fare i conti un infortunio al ginocchio che, sostanzialmente, porrà la sua carriera verso la strada del ritiro.
Meno di una decina, le presenze nel Milan. Seguite da un’annata convincente nella Reggiana, intervallata da una breve parentesi al Cagliari.
In Nazionale, infine, la sua partita conclusiva è datata 25 marzo 1992. Reduce da una mancata qualificazione ai campionati europei, l’Italia ha da poco sostituito Azeglio Vicini con Arrigo Sacchi.
In panchina siede dunque il Profeta di Fusignano e gli avversari dell’amichevole sono i tedeschi di Berti Vogts. Si gioca al Delle Alpi di Torino e Roberto Baggio, su rigore, siglerà l’1-0 definitivo.
Nando De Napoli uscirà dopo un quarto d’ora della ripresa, rilevato da Gianluigi Lentini.

Giuseppe Malaspina giornalista con la passione per il calcio e per le storie. Scrive sul blog www.salvataggisullalinea.it. Ha collaborato con il Resto del Carlino.

ARTICOLI CORRELATI

JUVENTUS 1905

Juventus. La maglia e l’equivoco di Nottingham

125 anni fa, il primo novembre 1897, inizia una grande storia del calcio italiano. Riuniti intorno a una pachina di Corso Re Umberto, un gruppo di liceali fonda la Juventus Football Club. La maglia che conosciamo, invece, arriva qualche anno più tardi, forse per un equivoco, ma sarà la maglia del primo scudetto.

Leggi tutto »
Luisa Petrucci

Luisa Petrucci. Cuore, sciarpa e ombrello

Luisa Petrucci, icona della Curva Sud, madre giallorossa di noi che la ricordiamo col cuore in subbuglio. Una storia di calcio e di amore romanista, certo. Soprattutto, però, una storia di vita esempio per tutti.

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
Mister Panzini

Mister Panzini

Sì, inutile girarci intorno. Sono passati tanti anni dalla prima volta, eppure mi fa ancora effetto quando mi chiamano così. Mister è una parola con dentro un mondo intero, formula magica capace di aprire porte misteriose. Sullo sfondo del quartiere Tuscolano di Roma, questa volta ho deciso di raccontare una storia che conosco meglio delle altre: la mia. La storia di una vita iniziata in un campetto, passata per un campo e proseguita su una panchina. Andata e ritorno di un moto circolare che si chiama vita.

Leggi tutto »

Alberto Picco, lo Spezia e la sfida mai vista prima

Alberto Picco di Ulrico non solo è tra i fondatori dello Spezia Calcio, ma ne segna anche il primo goal. Eroe del Monte Nero, a sua memoria eterna è lo stadio cittadino. A sua memoria è lo scudetto d’onore, quello non assegnato del ’43-’44. Da allora cucito sul cuore dei tifosi e dal 2002 cucito con orgoglio anche sulla maglia della squadra.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi