Diego, nume tutelare in nero/bianco azzurro

Diego Armando Maradona. Come fai a non fargli gli auguri di compleanno? Anche oggi, anche adesso e come sarà sempre. Buon compleanno Diego!
Diego Armando Maradona

Miett’ ‘a musica ‘e Maradona

“Quando hai un forte mal di testa, di quelli che pare tu abbia un martello pneumatico che incessantemente ti preme sulle tempie, stenditi sul divano o a letto e cerca di concentrarti. Chiudi gli occhi. Cerca di visualizzare ‘il terzo occhio’ come fosse una sorta di fascio di luce che illumina un grande schermo, come al cinema. E sul telone bianco fai scorrere un’immagine, un ricordo positivo, che ti fa stare bene”.
Questo fu il consiglio che mi diede un amico medico che cercava di aiutarmi ad alleviare i fastidi di una temporanea emicrania. Da quel momento in poi, quando mi capita, ci riesco davvero e mi addormento placidamente dopo pochi minuti.
Ho fatto sport, ho vinto trofei in campionati giovanili, gioco a calcio, ho fatto il dj suonando in locali bellissimi, faccio un lavoro che spesso è divertente, ho visto nascere mio figlio e credo sia l’emozione più bella che un uomo possa mai provare, mi sono divertito e mi diverto…ma l’unico film che scorre su quello schermo immaginario (ma non più di tanto) è sempre e solo il video del riscaldamento di Diego prima della semifinale di Coppa Uefa all’Olympiastadion di Monaco di Baviera, 19 Aprile 1989.

Le palpebre incontrano le congiuntive e partono gli applausi che fanno da intro a Life is life.
Prima piano, poi il volume aumenta gradualmente, e la telecamera del mio fronte occipitale inquadra il volto di quello scugnizzo con la folta e riccia chioma. E sorrido, non so se sorrido anche da ‘dormiente’, ma dentro di me sorrido.
Inizia quella famosa danza.
Palla, gambe piedi e capelli si confondono. La gran cassa ritma e cadenza il tempo e Diego ci gioca, il tempo non è nulla. Il tempo è suo. Quello dei 5 minuti del riscaldamento prima della gara col Bayern e quello che ha fermato con un tocco di spalla e una carezza con il suo sinistro a Fuorigrotta.
‘Essere e tempo’ di Heidegger con Diego diventa ‘Essere è eterno’.

Diego Armando MaratonaUn culto ancestrale redivivo 

Circa dieci giorni fa mio cognato mi ha girato un video su whatsapp senza aggiungere alcun commento.
Dall’anteprima del video non si capiva in anticipo di cosa trattasse e così, tra una cosa e l’altra, l’ho lasciato lì senza aprirlo. “Che figura ‘e merda” –mi sono detto- magari Giovanni voleva dirmi qualcosa. Dopo quasi due settimane apro la chat e premo play…un murales di Diego su un palazzo di Miano, decina di torce accese da bambini, uomini più anziani e meno anziani, donne. E, naturalmente, Life is Life di sottofondo per il rituale dell’inaugurazione dell’ennesima ‘immagine votiva’ per D10S, ovvero Diego Armando Maradona.

Nei Quartieri Spagnoli a Napoli oggi hanno ampliato e arricchito un luogo di culto laico in onore e in ricordo di Maradona. Edicole votive come quelle che si vedono nei vicoli e nelle piazze della vecchia Napoli per i Santi o per la Madonna, trasposizioni di antichi tempietti pagani.
È questa la grande magia di questo genio del calcio: essere riuscito a far rivivere un culto ancestrale nel cuore della Napoli antica. Maradona ha incarnato e incarna il Nume tutelare di Napoli.” Così Stefano Arcella, saggista, studioso di esoterismo e culti antichi, ha descritto pochi giorni dopo la dipartita terrena del Diez, in modo puntuale e come nessun altro, il legame che i napoletani, consapevoli o meno, hanno con Diego.

I napoletani vivono e si autoalimentano nel mito, da sempre.
È un qualcosa di profondo, che ribolle sotto il basalto delle strade del centro. Diego ha incarnato e incarna lo Yin e Yang partenopeo, la sospensione eterna tra il bianco e il nero, tra la luce e il buio che fanno di Napoli una città immutabile nel suo perenne movimento.
Sospesa, per l’appunto, ma centrata in una precisa identità che è sintesi di eccessi.
Proprio come la vita terribilmente bella che Diego ha vissuto e che continua a far vivere a tutti noi.
Buon compleanno Diego!

 

Antonio Mollo, 31 anni, social media manager, esperto di comunicazione politica e istituzionale. "Non ho mai visto esultare mio padre ad una mia partita. Tranne una."

ARTICOLI CORRELATI

Beppe Savoldi

Beppe Savoldi. Mr. 2 miliardi

Nell’estate del 1975 il Napoli del presidente Ferlaino acquistò il centravanti Savoldi dal Bologna per un valore complessivo di 2 miliardi di lire. Una cifra inaudita per l’epoca, che non mancò di sollevare polemiche in un contesto socio-economico problematico.

Leggi tutto »
matrimonio Luis Vinicio

Luís Vinicio. Il matrimonio di un campione

22 giugno 1957, Basilica di San Francesco. A piazza Plebiscito la gente si accalca e l’aria è quella della festa grande. Luis Vinicio e Flora Aida Piccaglia si sposano e i tifosi sono lì per vivere e festeggiare un momento di felicità corale con il loro capocannoniere. Una felicità che noi respiriamo negli scatti, mai più visti da allora, di Riccardo Carbone .

Leggi tutto »
Maradona

A tavola con Maradona

Cosa unisce a tavola un architetto, grande divulgatore di cibi e alimentazioni e uno psicoterapeuta amante del mangiar bene? La passione per il calcio, il Napoli e, naturalmente, le chiacchiere su Maradona

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
Internapoli

Internapoli. La squadra del Vomero

Anni ’60. Napoli, anzi Vomero. È qui che viene scritta una bella pagina del calcio napoletano. L’Internapoli, in pratica la squadra di quartiere, sfiora a più riprese la promozione in serie B. Stagioni esaltanti con importanti giocatori e allenatori che vestono e difendono i colori bianco-azzurri. Poi un lento declino fino all’odierno oblio fra i dilettanti. La storia, però, rimane e deve continuare a essere ricordata.

Leggi tutto »
Campetto Napoli

Auti nostro! Sogni, estetica e sudore del calcio di strada

Napoli 1967. Ai giardini del Molosiglio si gioca al grande calcio. Il calcio del campetto, quello delle ore infinite, delle porte immaginarie e del bordo campo qualche volta strusciato per terra, quasi sempre immaginato anche quello. Ma è proprio quando la palla supera quel bordo campo che il grido rompe l’aria. Auti nostro! gridi, agguanti la palla e la rimetti in gioco per rovesciare la sorte. Proprio come la vita, grande gioco anche quella.

Leggi tutto »
corsa dei camerieri

La corsa dei camerieri

Napoli 1945. Riccardo Carbone ferma il tempo e racconta la corsa dei camerieri. Prendetevi una pausa e guardate le foto, fermatevi sui dettagli, il taglio dei capelli, i papillon annodati, le posture perfette. Vi si aprirà un mondo e vi ci ritroverete dentro.

Leggi tutto »
Napoli- Juventus

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all’Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »
la punizione di Maradona

Maradona e la punizione del secolo

Il 3 novembre 1985, allo stadio San Paolo di Napoli, Diego Maradona segna uno dei gol più incredibili della storia del calcio. Una punizione impossibile che, sfidando tutte le leggi della fisica, si insacca nell’angolo in alto a sinistra della porta difesa da Tacconi e regala ai napoletani la vittoria contro la rivale di sempre, la Juventus.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi