Search
Close this search box.

Un Mondo Nuovo da scoprire

Per tenace volontà di Giampaolo Sodano nasce Il Mondo Nuovo, testata digitale che afferma la cultura delle parole per migliorare il mondo, quello vero. Un'avventura di ambizione ampia, una navigazione in mare aperto che vede issare vela anche Sportmemory.
Il Mondo Nuovo

Caro Direttore, anzi caro Giampaolo per l’amicizia e la stima che ho di te e della tua storia.
Una storia di persona perbene, termine che a citare oggi si rischia di essere lucciole nella notte, e di innovatore.
Innovatore di linguaggi nella tua vita televisiva, lasciata quando i linguaggi iniziavano a diventare troppo stretti e forse anche meno liberi. Innovatore nella tua vita reinventata da olivicoltore, dove in un mondo ancestrale come quello della terra hai portato metodo e visione. Innovatore di passioni nell’ulteriore vita da editore digitale, scelta per seguire la fascinazione mai abbandonata della cultura.

Ebbene proprio di questo parliamo

Parliamo della nuova avventura de Il Mondo Nuovo, la testata digitale che hai tenacemente voluto e che nasce sposando l’ambizione della riscoperta delle parole come tessuto connettivo di esperienze, visioni, territori e persone. Parole che raccontano storie, storie che lasciano segni, segni che cambiano persone, persone che cambiano il mondo.
Proprio questa è la sfida: convincersi e convincere che le parole siano agenti di portata sovrasensibile, capaci di avventurarsi in profondità inesplorate dell’animo, capaci soprattutto di essere innesco di risorse latenti e preziose tali che per moltiplicazione esponenziale dei cambiamenti individuali cambino il mondo. Soprattutto lo migliorino.

Qui, da Sportmemory, facciamo anche noi qualcosa di simile

Raccontiamo storie nel metalinguaggio dello sport. Mai solo gesti tecnici, mai solo gesti atletici.
Sportmemory racconta storie di persone e di fatti.
Cerchiamo di cogliere non tutto quello che c’è dietro, ma dentro fatti e persone. In un tempo governato da apparenze e retro pensieri ci sembra rivoluzionario.
Il nostro non è giornalismo in senso stretto, la nostra è narrazione emotiva. Se ci fosse un fuoco, sarebbe racconto intorno alla brace.
Sportmemory nasce così, con quindici mesi ad oggi di editoria indipendente e non supportata, con 450 storie all’attivo e con infinite altre da raccontare.

Il Mondo Nuovo

È così che oggi Sportmemory accoglie con piacere l’opportunità di condividere con Il Mondo Nuovo i suoi editoriali perché la condivisione non è un fatto tecnico, una procedura per catturare lettori: la condivisione è un abito mentale, una pratica emotiva.
Iniziamo un percorso nuovo, in qualche modo un’avventura come sempre accade quando ci spingiamo verso qualcosa che non conosciamo.

Navigare necesse est
Il mare è aperto, la rotta è comune, il Mondo può essere nuovo ogni volta che lo reinventiamo.
Buon viaggio Direttore!

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Wings for life

Wings for life. Correre per una buona causa

Organizzata ogni anno, la Wings for Life dona il 100% dei suoi proventi alla ricerca per le lesioni al midollo spinale. La più grande gara del mondo che coinvolge migliaia di atleti da ogni parte del mondo, ha una linea di partenza ma non una di arrivo.

Leggi tutto »
Azzurri Budapest 1924

Italia – Ungheria. Dalla disfatta del ’24 al riscatto del ’38

Quattordici anni. Una storia che inizia nel 1924 quando i danubiani sono maestri veri e noi ci stiamo inventando. Una storia che inizia male: il 6 aprile del ’24 a Budapest perdiamo 7 a 1. Non accadrà mai più. Una storia che finisce bene: a Parigi, il 19 giugno del ’38, quando battiamo l’Ungheria e ci portiamo a casa il secondo Mondiale. È l’Italia di Vittorio Pozzo, l’allenatore più vincente e più dimenticato della nostra Nazionale

Leggi tutto »

1969. Stella Polare alla Middle Sea Race

Ottobre 1969, Giovanni Iannucci torna al comando di Stella Polare. Missione: partecipare alla Middle Sea Race. Promossa dal Royal Malta Yacht Club, la regata era solo alla sua seconda edizione, ma già si annunciava per quella che sarebbe presto diventata: una delle più ambite e prestigiose competizioni veliche. Stella Polare sarà protagonista di una bella pagina di vela italiana e, come il racconto del suo Comandante preziosamente restituisce, non solo in regata.

Leggi tutto »
george best

George. The best

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo. Questo episodio del podcast lo racconta, ma soprattutto gli parla.

Leggi tutto »
A fil di spada

A fil di spada. La scherma bella e inclusiva

Il 16 settembre, nella suggestiva cornice di piazza della Rotonda e del Pantheon, la tredicesima edizione di “A fil di spada” ha visto grandi campioni e atleti alle prime stoccate incrociare le lame per promuovere la scherma nella sua declinazione più bella, inclusiva e senza età.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi