Ezio Pascutti, il talento del goal

Attaccante di grande coraggio e dal carattere polemico, Ezio Pascutti non era bello da vedere, giocava sui nervi e questo lo portava a sbagliare reti già fatte. Ma aveva un talento straordinario per segnare quelle che sembravano impossibili. E ne segnerà veramente tante
Ezio Pascutti

Friulano dal carattere fumantino, quando ha solo 17 anni Gipo Viani lo porta al Bologna e lui non si muoverà più da sotto le due torri.
Con la maglia rossoblu gioca 296 partite, dal 1954 al 1969, e soprattutto segna 130 gol, tutti su azione senza mai battere un rigore.
Comincia a segnare già all’esordio in serie A, il 1° gennaio del 1956 in un Vicenza-Bologna. I rossoblu vincono 3 a 2 e il secondo gol del non ancora diciannovenne Ezio Pascutti annuncia il talento del goal che diventerà dopo.

Pascutti e Bulgarelli
(Ezio Pascutti in allenamento con Giacomo Bulgarelli)

Il talento del goal

Le caratteristiche di Ezio Pascutti erano un terribile riportino per nascondere la precoce calvizie, un fisico niente di che e una tecnica non sopraffina, ma anche un fiuto del goal formidabile. Attaccante di grande coraggio e dal carattere polemico, non era bello da vedere, giocava sui nervi e questo lo portava a sbagliare reti già fatte per poi andare a realizzarne altre che sembravano impossibili.
Nella stagione 1961-62 segna per dieci giornate consecutive, un record che resterà imbattuto per 32 anni, fino al 1994 quando Battistuta riuscirà a infrangerlo con l’aiuto però di qualche rigore.

I duelli con Burnich

Tra i tanti gol realizzati, resta nella memoria, e negli archivi fotografici, quello segnato di testa contro l’Inter in tuffo a venti centimetri da terra marcato anche in volo dal suo corregionale Tarcisio Burgnich.
Nelle sfide tra nerazzurri e rossoblu di quegli anni i duelli tra i due erano tutti da vedere. Una partita nella partita.

Ezio Pascutti
(Ezio Pascutti in Nazionale)

In Nazionale

Croce e delizia dei tifosi dell’ultimo Bologna che grande fu, quello degli anni Sessanta, Ezio Pascutti era amatissimo da Edmondo Fabbri che ne fece la punta di diamante della sua nazionale, quella degli abatini Bulgarelli, Mazzola e Rivera. 17 presenze e sei gol il suo curriculum in azzurro. Non male, ma c’è un ma.

Il pugno di Mosca

Il 13 ottobre del 1963 l’Italia gioca a Mosca contro l’Unione Sovietica.
Ezio Pascutti mentre è lanciato a rete viene falciato dal terzino Dubinski. Lui reagisce e mette le mani in faccia al russo. Gli dà anche un pugno o fa solo il gesto di darglielo? La questione è tuttora insoluta.
Fatto sta che ne conseguono la sua immediata espulsione, che esce subissato dai fischi dei centomila dello stadio Lenin, e un mezzo incidente diplomatico, perché quella era la prima partita ufficiale tra Italia e Urss con tanto di delegazione di deputati italiani al seguito.
Al ritorno a casa Pascutti viene esposto al pubblico ludibrio e per anni sarà beccato in tutti gli stadi italiani come “il cattivo”.

Ezio Pascutti espulso
(1964. Ezio Pascutti espulso a Mosca)

 La vita dopo il calcio

Tartassato dagli infortuni alle ginocchia, chiude precocemente la carriera a soli 31 anni. Poi per qualche stagione fa l’allenatore nelle serie minori, ma raccoglie più squalifiche che soddisfazioni.
Diventa anche osservatore per il suo Bologna, ma il caratteraccio è sempre quello per cui finisce per rompere definitivamente i ponti con il calcio e si mette a fare l’assicuratore.

Ezio Pascutti muore il 4 gennaio del 2017 nell’indifferenza generale.

Silvano Calzini è nato e vive a Milano dove lavora nel mondo editoriale. Ama la letteratura, quella vera, Londra e lo sport in generale. Ha il vezzo di definirsi un nostalgico sportivo.

ARTICOLI CORRELATI

Arrivano i Superboys

Arrivano i Superboys!

Tutti ricordano le straordinarie sfide calcistiche di Holly & Benji, con ragazzini capaci di prestazioni fisiche al di sopra delle possibilità umane su campi che sembravano prolungarsi fino all’orizzonte. Ma il primo cartone animato giapponese dedicato al calcio risale a ben quindici anni prima, con una storia a tinte più fosche e interessanti analisi sociali.

Leggi tutto »

Sócrates. Il dottore e la squadra del popolo

“Noi calciatori siamo artisti, e gli artisti sono gli unici lavoratori che hanno più potere dei loro capi” diceva così Socrates, O Doutor, intellettuale prestato al calcio che festeggiava i suoi goal alzando il pugno al cielo. Al Corinthias sarà protagonista di stagioni di calcio, sogni e utopia. In fondo, l’essenza del calcio, è proprio questa.

Leggi tutto »
George Best

George. Best, pop, rock

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo.

Leggi tutto »
Oronzo Canà allenatore

L’allenatore e tutti gli altri nel pallone

Sport nazionale italico, ma anche fenomeno di costume, il calcio ha ispirato a più riprese il cinema nostrano. Attori importanti e amatissimi hanno dato vita a commedie ironiche, spensierate, divertenti, che raccontano il pallone da ogni punto di vista: giocatori, arbitri, allenatori, presidenti e tifosi. Ecco una carrellata, rigorosamente in ordine cronologico, delle 5 pellicole più amate da almeno 2 generazioni di spettatori italiani.

Leggi tutto »
Fortunato Frezza

Fortunato Frezza, Cardinale in giallorosso.

C’è una storia giallorossa dentro l’annuncio di Papa Francesco che nel prossimo Concistoro del 27 agosto ordinerà 21 nuovi Cardinali. Tra loro c’è monsignor Fortunato Frezza,per trenta anni cappellano della Roma, trascorsi da portiere, grande tifoso romanista e da oltre 15 anni Cavaliere della Roma

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi