Search
Close this search box.

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all'Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.
Napoli- Juventus

Napoli-Juventus non è mai stata e mai sarà una partita qualunque.
Napoli-Juventus più che una partita di calcio è un mondo intero.
Persino la classifica diventa quasi un dettaglio, tali e tante sono le emozioni, le aspettative, i sogni e le rivalse che si riversano in campo in quel momento lungo 90 minuti.
Quello che conta sempre veramente in Napoli-Juventus non è la classifica però, ma il risultato capace persino di riscattare l’umore di un’intera stagione.
E anche il campo di calcio come luogo della partita è sempre stato un perimetro convenzionale, ma sensibilmente falsato perché Napoli-Juventus è sempre giocata non solo dai calciatori in campo, ma da una comunità emotiva vasta di cui i calciatori sono parte essenziale, ma non unica.
Proprio così andò il 20 aprile del 1958.

Stadio del Vomero
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Ressa all’ingresso. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

Nel 1958 Napoli è un cantiere.

La ricostruzione procedeva a rilento, ma la città respirava profondamente e provava ad arrangiare il futuro.
La televisione era arrivata da quattro anni; ancora a casa di pochi, era generalmente fruita come bene collettivo in bar e ritrovi.

Rigorosamente in bianco e nero il calcio faceva capolino dai piccoli grandi schermi armati di immenso tubo catodico posteriore, oppure nei resoconti della Settimana Incom, rotocalco che accompagnava le proiezioni cinematografiche con notizie di attualità varia, dalla cronaca nera allo sport.
In questa Italia andare allo Stadio era anche un’esperienza cromatica. Il manto verde del campo, i coloratissimi cartelloni pubblicitari, i puntini di decine di migliaia di spettatori ognuno vestito del suo colore; tutto contribuiva a fare dello stadio un luogo liturgico dove, nei 90 minuti in cui veniva officiato il rito, il tempo si fermava.

Stadio del Vomero
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Pubblico a bordo campo. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

20 aprile del 1958

Il tifo napoletano attendeva Napoli-Juventus con grande trepidazione. Attendeva da giorni, probabilmente anche dalla partita di andata, vinta a Torino per 3 a 1.
La comunità emotiva si era mossa per tempo. Affatto intimorite da una pioggia leggera, fiumi di persone avevano iniziato presto a sciamare verso il Vomero.
Quelli con i biglietti si sarebbero stipati sugli spalti, pigiati contro la rete di bordo campo e alcuni sarebbero stati lasciati andare persino oltre, quasi fino alla linea di fondo campo neanche il Vomero fosse l’Old Trafford.  
Di quelli senza biglietti, qualcuno sarebbe riuscito a entrare comunque, e più d’uno avrebbe usato come strapuntino l’impalcatura di uno degli enormi cartelloni pubblicitari che capeggiavano sopra le tribune.
Altri ancora avevano invece rinunciato allo stadio preferendo farsi corona umana dello spettacolo, assiepati come erano su balconi e tetti dei palazzi circostanti.
E tutto questo già da ore prima del fischio d’inizio.

1958 Napoli-Juventus
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Achille Lauro. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

Il Napoli in campo

Non andava per nulla male il Napoli quell’anno. Il 21 novembre 1957, nella partita di andata, aveva steso la Juventus con goal di Vinicio, Novelli e Di Giacomo. Tanta l’attesa e tanta la sfida, quindi.
Il Napoli in campo era quello di Achille Lauro, l’uomo che a Napoli è stato tutto e più di tutto: armatore, presidente della società, sindaco, idolo, capopopolo.
Ma era anche il Napoli di Amedeo Amadei, che dopo averne vestito la maglia per sei anni giocando 171 partite e segnando 47 goal, lo allenerà per altri cinque.
E naturalmente era il Napoli di due grandissimi.
Luis Vinicio, O’ Lione, brasiliano arrivato al Napoli nel 1955, ma che per chissà quale miracolo divino Napoli doveva averla avuta nel sangue anche prima della nascita.
Bruno Peasola, argentino, anche lui napoletano elettivo che al Napoli avrebbe dato tanto da calciatore e da allenatore, in un destino quasi fotocopia con quello di Vinicio.

1958. Napoli-Juventus
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. La partita dai cartelloni pubblicitari. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

La Juventus dei calibri da 90.

La Juventus era comunque fortissima.
In campo c’era il gallese John Charles, noto al secolo come King John, autore dell’unico goal juventino all’andata.
L’argentino Omar Sivori, uno degli angeli con la faccia sporca, un piccoletto che avrebbe cambiato il calcio italiano e avrebbe concluso la carriera da calciatore proprio con il Napoli.
L’italianissimo Giampiero Boniperti, uomo Juventus a tutto tondo che con la sua lunga vita da calciatore e dirigente diventerà icona dell’intero calcio italiano.

1958. Nando Martellini
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. La radiocronaca di Nando Martellini. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

L’arbitro e il cronista

Tra i protagonisti di quella giornata dobbiamo ricordarne altri due, di cui uno è ben restituito nella foto di Riccardo Carbone.
Nando Martellini, campione della parola e del calcio raccontato, signore del giornalismo, affabulatore del microfono che vediamo colto nella sua postazione a bordo campo. Racconta la partita a vista Martellini, senza statistiche pronte sui respiri dei giocatori da snocciolare nei momenti di buco, senza replay, senza telecamere indiscrete. Solo parole con la loro forza. Quanti ne sarebbero capaci oggi?
L’altro è Concetto Lo Bello, arbitro elegante e campione a tutti effetti anche lui. Anzi, campione come pochi, forte di uno stile e una personalità che farebbero gran bene al calcio di oggi.

Non una partita, un’epopea.

Sette goal, capovolgimenti di fronte, tre volte in vantaggio il Napoli, tre volte raggiunto.
Quarto minuto, il fischio, qualche passaggio e Vinicio segna. Due minuti e il pareggio è opera di Elio Greco che buca la porta del Napoli, peccato che sia la sua.

1958. Louis Vinicio
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Louis Vinicio al tiro. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)


Neanche venti minuti dopo Luigi Brugola riporta in vantaggio i partenopei.
All’inizio del secondo tempo il Napoli tiene per meno di un quarto d’ora; Gino Stacchini riporta la Juventus in parità.
Il pareggio non lo vuole nessuno però.  Ci pensa Vinicio al 77′, doppietta e Napoli di nuovo in vantaggio.
Ma se alla Juventus non andava bene pareggiare, figuriamoci perdere. È assedio. Nove minuti dopo, all’86’, Antonio Montico segna ed è di nuovo parità.

Palla al centro, fischio, palla avanti, tutti avanti, tutto il Napoli avanti, il Vomero preme sul campo, cuori, grida e sudore, mischia in area Juventus, si lotta.

1958. Napoli-Juventus
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Il portiere juventino Mattrel battuto. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)


120 secondi e Gino Bertucco centrocampista onesto e solido, ma non un piede speciale, vive il minuto della sua vita: è l’88’ quando su respinta corta rompe la mischia e segna.
È il quarto goal del Napoli. Poi finisce il tempo.

1958. Bruno Pesaola
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Bruno Pesaola in festa. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

Il Vomero viene giù

Non lo stadio, ma tutta la comunità emotiva che ha giocato Napoli-Juventus in campo e fuori, sulle tribune e sui tetti.
L’invasione di campo è gioia allo stato puro.

1958. Napoli-Juventus
(1958, Stadio del Vomero, Napoli-Juventus. Tifosi in festa. Photo Credit: Archivio Riccardo Carbone)

La partita è vinta, una sola partita che vale quanto tutto il resto, quanto quello che si è vinto e quello che si è perso.
Una partita che le foto di Riccardo Carbone non ci fanno solo vedere, ci fanno sentire.
La Juventus vincerà il campionato, il Napoli finirà quarto, ma quella partita, quella vittoria, molti tifosi napoletani la ricordano ancora come bellissima.
Una partita che è riuscita nel miracolo di fermare il tempo.
Il resto è solo cronaca.

 

Archivio Fotografico Carbone si occupa della conservazione, digitalizzazione e catalogazione degli oltre 700mila scatti realizzati da Riccardo Carbone (Napoli 1897-1973), primo fotoreporter del quotidiano napoletano Il Mattino, che documentano i principali avvenimenti accaduti a Napoli ed in Campania attraverso le varie fasi politiche che hanno caratterizzato la storia del Novecento. www.archiviofotograficocarbone.it

ARTICOLI CORRELATI

Fausto Coppi

Fausto Coppi. Napoli come destino

1945. Di ritorno dalla prigionia in Africa, Fausto Coppi sbarca a Napoli. Un falegname di Somma Vesuviana gli regala una Legnano verde per riprendere gli allenamenti. Lui ci farà 800 chilometri per tornare a casa. A Napoli ritorna nel ’47 quando vincerà l’ottava tappa del Giro d’Italia che, alla fine, sarà suo per la seconda volta. Sul filo del traguardo di Napoli lo attende il fotografo Riccardo Carbone che ne fisserà il tempo e lo farà arrivare sino a noi.

Leggi tutto »
Crazy Gang

Crazy Gang. La pazza squadra di Wimbledon

Il 14 maggio 1988 il Wimbledon, vero underdog del campionato inglese, conquistò la FA Cup battendo i molto più quotati rivali del Liverpool. Ma la squadra allenata da Bobby Gould aveva una particolarità: era formata da veri bad boys, ragazzi che nulla avevano da invidiare ai teppisti della periferia londinese. Per questo li chiamarono la Crazy Gang.

Leggi tutto »
Totonno Juliano

Totonno Juliano. Nunn’ ‘e penzà!

Lo scorso 13 dicembre, pochi giorni prima del suo 81esimo compleanno, ci ha lasciato Antonio Juliano, per tutti semplicemente “Totonno”. Fu bandiera del Napoli prima da calciatore e poi da dirigente. La sua è la figura carismatica di un calcio mitico che ormai non esiste più.

Leggi tutto »
Ernesto Duchini

Ernesto Duchini. Il maestro del calcio argentino

Se il calcio argentino ha un maestro, non può essere altri che lui. Calciatore con il Chacarita sin dagli anni’30, alla fine degli anni ’40 si siede dall’altra parte del campo. Venti anni come responsabile tecnico e altri venti da supervisore della nazionale giovanile. Una vita passata a vedere campioni dove altri vedevano solo ragazzi. Ernesto Duchini ha avuto una vita straordinaria e questa è la sua storia

Leggi tutto »
Pelè 1000

Pelé. Il millesimo

19 novembre 1969. Maracanà. Trentaquattresimo del secondo tempo. El Gato Andrade sfiora il pallone che O’Rey Pelé dal dischetto insacca alla sua sinistra. Non è un goal qualunque, è il suo millesimo e nessuno lo ha dimenticato.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi