Stadio Colombes. Il Bologna e la finale dimenticata

Parigi, 1937. I rossoblu vincono la coppa dell'Esposizione Internazionale e anticipano di un anno il successo mondiale della Nazionale di Vittorio Pozzo.
BOLOGNA 1937

Stadio Nazionale PNF, Colombes*, Bernabeu, Olympiastadion.
La Storia con la maiuscola del nostro calcio è stata scritta in quattro stadi del vecchio continente. Tre vittorie ed una conferma, Colombes, cinque miglia dalla torre Eiffel.  L’Italia ribadisce la supremazia planetaria, solo il Brasile ci riuscirà più avanti. Era domenica il 19 giugno 1938, 4-2 ai magiari, Vittorio Pozzo ed i suoi ragazzi entrano definitivamente nella leggenda. 
Prima di loro, però, al Colombes c’era stata un’altra finale, una finale con l’Italia che tifava il rossoblu del Bologna.
Una finale dimenticata.

L’altra finale

Un anno e tredici giorni prima, il  Colombes ospita un’altra finale, tutta da raccontare.
In campo italiani ed inglesi per l’ultimo atto del Trofeo dell’Esposizione Internazionale di Parigi (“Arts et techniques dans la Vie moderne“).

L’Italia onora l’Expo – che apre al calcio, ma è soprattutto altro – come meglio può.
L’architetto Giuseppe Pagano coordina la nostra partecipazione, Marcello Piacentini disegna il padiglione esterno, Mario Sironi ed Arturo Martini presentano lavori che raccontano il paese mediterraneamente vibrante di sole ed idee. Nel foot, come lo chiamano i cugini, rispondiamo all’invito con la nostra squadra migliore, il Bologna FC, fresco scudettato per la quarta volta, lo squadrone che fa tremare il mondo**, Parigi compresa.

Con i rossoblu, sette sorelle dell’aristocrazia del calcio europeo: Austria Wien (Coppa Europa Centrale ’36), Slavia Praha (Campione nazionale ’37), OM (Campione nazionale ’37), Sochaux (Coppa di Francia ’37), Leipzig (Coppa di Germania 1936), Phoebus Budapest (4′ nel campionato ungherese ’37) e soprattutto perché raro incontrarli fuori dai propri confini, i rappresentanti del calcio inglese, i londinesi del Chelsea

Il torneo è compresso tra il 30 maggio ed il 6 giugno, si gioca a Parigi, Le Havre, Strasburgo, Antibes e Lille.
Come costantemente accade per l’Italia, il Bologna non riceve i favori del pronostico che si dividono fra gli austriaci di Sindelar e l’incognita albionica. I dodicimila del Colombes, fomentati dalla stampa locale, immaginano il Sochaux in grado di imporsi anche con margine. 
Sorride in tribuna il presidente federale Giorgio Vaccaro, e la sua non è arroganza. Da prima di subito i rossoblu dimostrano una superiorità tecnica e tattica, primi sulla palla, ordinati, incisivi. Il pubblico apprezza ed applaude, conta la parte ma di più la cavalleria.
La sequenza delle reti: Busoni, due volte Schiavio, rigore francese, e Sansone per il definitivo 4-1. 

Musica diversa in semifinale.

C’è il viaggio in treno fino a Lille, ma soprattutto un avversario più ostico e determinato. La partenza razzo dei cechi dello Slavia costringe l’undici di Arpad Weisz a ridosso della propria area, sono almeno tre gli interventi decisivi di Carlo “saracinesca” Ceresoli.
Il Bologna tiene botta, conservando preziose energie per la seconda parte della partita quando l’uno due Reguzzoni-Busoni decide.
Dall’altra parte del tabellone bravi e fortunati gli inglesi, prima a piegare Marsiglia con il sorteggio e poi la corazzata austriaca con due goal a cui i viennesi avevano risposto solo con tante mazzate sugli stinchi, ma zero palloni alle spalle di John Jackson, keeper della nazionale scozzese. 

(Bologna FC, 1937)

Domenica 6 giugno 1937

La partita decisiva è talmente bella da meritare la menzione degli interpreti: Ceresoli; Fiorini, Gasperi; Montesanto, Andreolo, Corsi; Busoni, Sansone, Schiavio, Fedullo, Reguzzoni. Loro con Jackson; Barkas, Barber; Mitchell, Craig, Weaver; Spence, Argue, Bambrick, Gibson, Reid. La Francia in finale c’è con l’arbitro Leclercq.  

Andre’ Reichel racconta la partita dalle pagine de Le Figaro.
Conferma che tre quarti degli addetti ai lavori vedeva gli inglesi favoriti, ma che il feroce desiderio di vincere degli italiani ha fatto la differenza. Come si può ancora negare le qualità del calcio italiano? 
La domanda, in effetti, doveva essere come mai ci si fa la domanda.

Il Chelsea – per evitare confusione ma soprattutto per attirare i favori del pubblico – gioca con la maglia azzurro bianca del Racing – parte forte, Bologna si chiude e riparte, e quando riparte fa male.
Tre reti nei primi 45: Reguzzoni sfrutta un’indecisione di Barkas (14′), poi Busoni (22′), poi ancora implacabile Reguzzoni assistito da Schiavio (30′). Ripresa di marca inglese con Ceresoli e Gasperi sugli scudi. Reguzzoni arrotonda (65′) prima del 4-1 finale dopo spunto personale di Weaver, l’ultimo ad arrendersi. 

Gazzetta 1937I migliori? Ceresoli, Reguzzoni, Sansone, Andreolo e Fedullo.
Al cronista non sfugge che gli ultimi tre sono di scuola sudamericana. 
Si rimarca altresì la correttezza degli italiani – sconosciuta ai più, maestri inglesi compresi – che, vista la malaparata, non avevano esitato ad andar giù pesante.
Paris Soir, a denti stretti, evidenzia che meglio del Bologna, c’è forse ma solo forse l’altra squadra londinese, l’Arsenal, vista di recente in azione dalle quelle parti. 

Busoni a destra, Reguzzoni a sinistra sono due martelli.
Dai piedi educati di Schiavio partono cannonate. Le parate in tuffo di Ceresoli sono efficaci ma strizzano l’occhio anche allo spettacolo come è giusto che sia. Andreolo, al centro della mediana, è avanti di chissà quanti anni: copre e riparte, gioca semplice, fa giocare bene i laterali. Ma a vincere è soprattutto il WM, il modulo 3-2-2-3, l’abito disegnato su misura da Weisz per i suoi ragazzi. 

La Coppa di Angelo Schiavio

Capitan Schiavio alza il trofeo tra gli applausi di un pubblico ancora sportivissimo e sinceramente ammirato.
Schiavio che aveva già annunciato il ritiro, ma che il presidentissimo Renato Dall’Ara aveva insistito per vedere in campo. 

“Questa Coppa ti appartiene” non è solo un modo di omaggiare una volta di più l’Angiolino, artefice delle più belle vittorie della squadra che fa tremare il mondo, ma è proprio il desiderio di tutta una città. 

Angelo Schiavio
(Angelo Schiavio riceve la Coppa)

Schiavio si porta a casa la Coppa che, dopo essere stata data per smarrita, torna meravigliosamente alla luce nel 2009 durante i lavori di preparazione per il centenario del club. 
Andreolo e Ceresoli sono nella spedizione azzurra che si ritrova a Colombes per difendere la Rimet solo una manciata di mesi dopo. Andreolo, l’uruguagio con radici campane, da incontrastato dominatore del mezzocampo. Ceresoli, infortunato, da primo tifoso a bordo campo per sostenere Aldo Olivieri che difende i nostri pali.
Intanto, a Bologna, la stella di Schiavio non si è spenta, ma si chiama Amedeo Biavati. È lui a completare l’attacco dei sogni azzurri con Meazza, Piola e Colaussi

Bologna 1937I più forti

1930 Coppa Internazionale, Italia; 1932 Coppa Europa Centrale, Bologna; 1934, Coppa Rimet, Italia e Coppa Europa Centrale, Bologna; 1935 Coppa Internazionale, Italia; 1936, Olimpiadi, Italia; 1938, Coppa Rimet, Italia.
Nessuno ci diceva di essere i più forti e, chissà quanti di questi straordinari successi sono arrivati anche per la consapevolezza che quello che conta davvero è battersi.

Generazione Highbury

 

* Il Colombes è dedicato alla memoria del mediano di apertura della nazionale francese di rugby, Yves du Manoir, scomparso in un incidente aereo all’età di 24 anni

**Lo squadrone che tremare il mondo fa, come viene battezzato il Bologna nella prima metà del secolo scorso, è parte dell’inno composto nel 1912 dai giovani del bar Libertas di via Ugo Bassi 

 

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

Francesco Fiorini

Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.

Leggi tutto »
Achille Lauro

Achille Lauro. Estetica di un Comandante

1956. Stadio del Vomero. Alla prima di campionato il Napoli incontra l’Atalanta. Achille Lauro, ‘O Comandante, è lì. In prima fila, anzi, oltre la prima fila. È in campo. La fotografia ci restituisce una storia, ma soprattutto ci restituisce il ritratto di un mondo scomparso

Leggi tutto »
Federale 102

Federale 102

Dopo quasi 90 anni il mitico Federale 102, il pallone ufficiale del Mondiale 1934 (giocato in Italia e vinto dalla Nazionale del grande Vittorio Pozzo), è tornato finalmente a casa, a Roma, dove tutto ebbe inizio.

Leggi tutto »
JUVENTUS 1905

Juventus. La maglia e l’equivoco di Nottingham

125 anni fa, il primo novembre 1897, inizia una grande storia del calcio italiano. Riuniti intorno a una pachina di Corso Re Umberto, un gruppo di liceali fonda la Juventus Football Club. La maglia che conosciamo, invece, arriva qualche anno più tardi, forse per un equivoco, ma sarà la maglia del primo scudetto.

Leggi tutto »
Hajduk Dalmazia

Hajduk. Orgoglio della Dalmazia

Dalmazia, Spalato. Hajduk la squadra fondata in birreria nel 1911, ma a Praga, da un gruppo di studenti spalatini affascinati dal calcio danubiano. Non solo una storia sportiva, ma una storia sociale e popolare. Una storia di tifo che travalica il campo da gioco per entrare nel campo della vita. La squadra di Spalato non vince più nulla dal 2005, ma dal cuore dei suoi tifosi non è mai uscita.

Leggi tutto »
Montespaccato

Montespaccato. Legalità in campo

La terza puntata di Roma Sport Sociale, il docu-reportage realizzato da Sportmemory con il supporto della Regione Lazio. Una storia di identità, orgoglio e riscatto. Una storia di talento e tenacia, quello che al campo della legalità di Montespaccato si insegna ai ragazzi. Per giocare e vincere le partite, certo. Anche quella più grande di tutte: la partita che si chiama vita.

Leggi tutto »
Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto hanno una storia comune e una vita che condividono nel campo e fuori. Una storia al servizio del bene comune. Una storia di sport che fa bene a tutti.

Leggi tutto »
Napoli- Juventus

1958 Napoli-Juventus. Mai una partita qualunque

Un 4 a 3 storico, per il tifo napoletano forse anche più di quello di Italia-Germania all’Azteca nel 1970. Una partita epica quel Napoli-Juventus del 20 aprile 1958, una vittoria che diventa gioia incontenibile di popolo e che oggi possiamo rivivere negli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi