Search
Close this search box.

Francesco Marini Dettina. Il Presidente eroe

Venti anni dopo le sabbie di El Alamein, Francesco Marini Dettina diventa il tredicesimo presidente dell'AS Roma. La prende con i debiti, tanti,e la restituisce con i debiti. Ci mette del suo, ci perde del suo. Anni difficili, ma anche di tanto entusiamo. Anni che portano una Coppa Italia, Sormani, John Charles, ma anche la sera del Sistina. Gli anni della Roma di Franco Dettina, il presidente eroe.
Francesco Marini Dettina

26′ compagnia, IX battaglione, 187′ reggimento paracadutisti Folgore.
La storia scritta sulla sabbia di El Alamein non l’ha portata via il vento caldo.
Rimbombano i numeri: cinquemila di qua, sessantacinquemila di là. 80 pezzi di artiglieria contro 500. Zero carri contro 400. Zero aerei contro così tanti che nessuno è riuscito a sapere quanti. Ci si spiana a terra per lanciare a palomba le bottiglie svuotate di birra e colme di liquido che infiamma, piccoli cannoni, una manciata di mitragliatrici, bombe a mano, pugnali, grida di battaglia. Il deserto si prende migliaia dei nostri e tre volte tanto dei loro, l’italiano ripiega ma non arretra, l’ordine del comando supremo sentenzia la resa, vince chi aveva tutto, di certo non perde chi aveva poco.
La 26′ compagnia si batte a difesa del settore di Munassib, campo minato difensivo da cerniera con quota 105, manipoli di fratelli a fronteggiare due brigate corazzate e due di fanteria. Cinque giorni di strenua difesa chiusi con un’azione di contrattacco dove due rette, follia e coraggio, stanno su uno stesso piano e s’incontrano.
La 26′ compagnia del venticinquenne tenente Francesco Marini Dettina, Franco per tutti, anche per i suoi superiori che reclamano per lui la medaglia d’argento al valor militare.

Venti anni dopo

1 luglio 1962, Francesco Marini Dettina diventa il tredicesimo presidente della AS Roma 1927. Galantuomo appassionato, ma guai a ricordargli il blasone di famiglia, eredita una situazione economica pesante con un passivo che sfiora il miliardo di vecchie lire. Porta ambizioni e novità. L’entusiasmo costa zero, ma dura poco. Porta un ex campione del mondo, Alfredo Foni, sulla panchina. Poi porta mister mezzo miliardo, Angelo Benedicto Sormani, e il gigante buono, John Charles, che arriva ancora alto, ma non più prima degli altri come nei suoi anni migliori a strisce bianconere. Infine, porta soprattutto una Coppa Italia, quella del 1964 con il goal di Nicolè che spezza l’equilibrio della doppia sfida finale con il Toro del Paron Rocco.
Senza stellette, senza medaglie, Franco prova a tenere botta in un calcio già dominato da affari, squali e quaquaraqua. Fazioni, lotte, diffamazioni.
Il ponentino ci mette, a chiacchiere, il carico da undici quando è solo una collezione di errori tecnici (campioni o bidoni) e gestionali (spese leggere, affari farlocchi) a far precipitare la sua gestione fino al punto più basso, la sera di San Silvestro ’64 al teatro Sistina dove miseria, amore e nobiltà si mescolano come oggigiorno è impossibile immaginare.

Dettina Coppa Italia 1964
(Francesco Marini Dettina e la Coppa Italia del ’63/64. Photo credit: AS Roma Archivio Storico)

Disinvoltura, cuore puro e sfortuna

Francesco Marini Dettina prende la Roma con i buffi. La restituisce – sei anni dopo – con i buffi.
Ci perde di suo. Oltre a quello che lascia sui tavoli da gioco, perde anche un po’ di faccia, paga troppa disinvoltura, cuore puro e sfortuna.
Avanti anni luce per certi versi, ma sempre fuori sintonia con un mondo non suo.
Il suo mondo era a 4.000 km da Roma, il sacrario tra Alessandria e Marsa Matruh, a 14 km da El Alamein, dei suoi ragazzi. Progettato e realizzato da Paolo Caccia Dominioni, l’ex comandante guastatori genio di quel fronte onore e gloria. Il suo mondo era ricordare (“il sacrificio è stato enorme, il riconoscimento non è mai arrivato“), ricordare chi non era tornato, ricordare con i reduci, primo fra tutti Alberto Marchesi, amico e commilitone di reggimento con la stessa passione per lo sport, rugbista e poi meravigliosa penna che mi onoro di aver conosciuto. Discutevano di Roma e mortai da 88, di Angelillo angelo sporco da non far partire, e dei maori che venivano sotto la trincea imbottiti di bombe e rhum.
Discuteva di come era possibile che commercialisti e tecnici latini, per di più bolliti, gli potessero togliere il sonno più del nemico del deserto.
Delle giravolte della storia, beh, di quelle era meglio non chiedergli.

 

…………..

Se vuoi leggere altre storie di Roberto Amorosino clicca qui per acquistare il suo libro

Venti di calcio

 

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

Vittorio pozzo

Vittorio Pozzo. Il giorno del primo Mondiale

Vittorio Pozzo è un uomo perbene. Ufficiale degli alpini nella Grande Guerra, uno degli inventori del calcio pensato e giocato, il 10 giugno 1934, davanti a 55.000 spettatori assiepati sugli spalti dello Stadio Nazionale di Roma, il tenente Pozzo guida i suoi ragazzi contro la Cecoslovacchia. Orsi e Schiavio ci fanno diventare campioni del Mondo. Siamo ancora in tempo per ricordarlo.

Leggi tutto »
United 2026

United 2026. Il Mondiale che cambierà tutto

Alle vigilia dei Mondiali del 2022, possiamo già pensare ai Mondiali del 2026? Assolutamente sì perché United 2026 saranno radicalmente diversi da tutti i Mondiali precedenti. Grandi distanze, fusi orari diversi, condizioni climatiche diverse e, come se non bastasse, 48 finaliste contro le attuali 32. È abbastanza per dire che i Mondiali del continente americano cambieranno tutto?

Leggi tutto »
Mister Panzini

Mister Panzini

Sì, inutile girarci intorno. Sono passati tanti anni dalla prima volta, eppure mi fa ancora effetto quando mi chiamano così. Mister è una parola con dentro un mondo intero, formula magica capace di aprire porte misteriose. Sullo sfondo del quartiere Tuscolano di Roma, questa volta ho deciso di raccontare una storia che conosco meglio delle altre: la mia. La storia di una vita iniziata in un campetto, passata per un campo e proseguita su una panchina. Andata e ritorno di un moto circolare che si chiama vita.

Leggi tutto »
Kaiser Raposo

Kaiser Raposo. L’anticalciatore

Per oltre due decenni, Carlos Raposo ha ingannato numerosi club di calcio fingendosi calciatore, pur non sapendo giocare. Tra finzione e realtà, questa è la folle storia di “Kaiser”

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi