Search
Close this search box.

Napoli. Ricomincio da tre

Il terzo scudetto del Napoli è un evento eccezionale, non solo perché il campionato italiano è cannibalizzato storicamente dalle 3 strisciate, tranne rare eccezioni, ma soprattutto perché soltanto nella vecchia Partenope il festeggiamento sa diventare così visceralmente popolare, caricandosi di risvolti psicologici e sociali. Una sorta di baccanale ancestrale al quale partecipano in egual modo tutte le frange sociali, dal popolo minuto dei quartieri e della periferia, alla borghesia di Posillipo e del Vomero, passando per il gotha della vita artistica della città più passionale d’Italia. 
Napoli

Troisi e “Scusate il ritardo”

Il 10 maggio del 1987 il Napoli di Maradona conquistava il suo primo attesissimo scudetto. I giornali, per sottolineare l’attesa durata ben 60 anni, presero a prestito il titolo del film di Massimo Troisi del 1983: “Scusate il ritardo”.
Durante la festa trasmessa in TV dagli studi Rai di Fuorigrotta, con la squadra azzurra al completo e una nutrita rappresentanza di artisti e intellettuali napoletani, il compianto Gianni Minà mandò in onda una esilarante intervista registrata poco prima proprio con Massimo Troisi. Con il geniale umorismo che lo contraddistingueva, l’attore di San Giorgio a Cremano ci regalò alcune perle rimaste storiche: “Festeggiate, ma non lasciate l’acqua e il gas aperti!” e “Meglio essere campioni del Nord Africa piuttosto che fare striscioni da Sudafrica.” E, soprattutto, Troisi espresse il desiderio che presto i giornali usassero un altro suo film per celebrare lo scudetto azzurro: “Ricomincio da tre”.
Dopo ben 36 anni, il suo auspicio è finalmente realtà!

Un Napoli da record

Uno scudetto vinto, anzi stravinto, quando mancavano ancora cinque giornate alla fine del campionato. E la matematica sarebbe giunta addirittura due giornate prima, senza il mezzo passo falso in casa con una coriacea Salernitana. Uno scudetto che più napoletano non potrebbe essere, perché vinto esagerando, con una cavalcata straordinaria che ha lasciato il vuoto in classifica. Migliore attacco, migliore difesa, capocannoniere (Victor Osimhen), e record storico di punti del Napoli (appartenente a Sarri con 91 punti nella stagione 2017-18) appena sfiorato. Insomma, niente male per una squadra che a inizio stagione tutti davano lontana dai piazzamenti che contano.

Napoli

Un successo figlio di un repulisti

E già, perché la stagione del Napoli era nata nel segno dell’incertezza. In una sola volta,  via i senatori. Lorenzo Insigne (capitano e profeta del tir’ a ggir’), Dries “Ciro” Mertens (il pittore fiammingo, miglior marcatore di sempre con la maglia azzurra), Kalidou Koulibaly (probabilmente il miglior difensore visto a Napoli dai tempi di “sua maestà” Ruud Krol) e David Ospina (portiere colombiano spesso preferito al buon Meret per la sua capacità di giocare con i piedi) e dentro l’esterno d’attacco georgiano Khvicha Kvaratskhelia, un carneade del pallone dell’Est, e il coreano Kim Min-Jae, difensore centrale pescato in Turchia.
Insomma, l’inopinato repulisti voluto dalla società di De Laurentiis suscitò preoccupazione tra i tifosi e perplessità tra gli addetti ai lavori. Sostituire giocatori forti ed esperti, anche se probabilmente a corto di stimoli, con degli illustri sconosciuti provenienti da campionati “deboli”, sembrava a tutti un azzardo. E invece…

A Napoli ci sono un georgiano, un coreano e un nigeriano…

Certe stagioni diventano trionfali solo se tutto si incastra alla perfezione, come un puzzle. È necessaria unità di intenti tra dirigenti e tecnico, ed è imprescindibile che la squadra segua attentamente i dettami dell’allenatore. Se poi i nuovi giocatori si integrano immediatamente nel gioco di squadra e nel tessuto sociale della città, allora i presupposti per vivere un’avventura straordinaria ci sono tutti.
È infatti sorprendente l’impatto sul campionato del 21enne georgiano, che con i suoi dribbling e il fiuto per il gol e per l’assist si guadagna subito il nomignolo di Kvaradona. Ma anche Kim si prende immediatamente il comando della difesa con la sua abnegazione e la determinazione tutta asiatica, unita a una fisicità importante. E poi c’è lui, il centravanti nigeriano Victor Osimhen. Martoriato da infortuni seri, tra i quali la frattura multipla del viso, nelle stagioni precedenti si erano solo intraviste le sue enormi qualità. Quest’anno, invece, si è scatenato segnando con regolarità disarmante, proponendosi come uno dei migliori centravanti in Europa, e ancora con margini di miglioramento. Al peso specifico di questi tre assi, però, vanno aggiunte le sapienti geometrie di Stanislav Lobotka, l’apporto determinante a tutto campo dell’instancabile nuovo capitano, Giovanni Di Lorenzo e, perché no, la ritrovata serenità in porta di Alex Meret. Insomma, la compagine azzurra si è rivelata fin da subito uno schiacciasassi straordinario in più esprimendo un calcio propositivo, spettacolare, irresistibile. Risultato, un bel gruzzolo di punti tra sé e le più accreditate concorrenti, vittorie e legge dettata su campi inospitali, dove lo sport più praticato è quello di inneggiare all’eruzione del Vesuvio.

Napoli Osimhen

Tanti meriti per un risultato esaltante

I meriti di questa clamorosa vittoria, quindi, vanno equamente divisi. Dei giocatori si è accennato. Va però anche ricordata la caparbietà del presidente Aurelio De Laurentiis, personaggio ineffabile, con esternazioni spesso sopra le righe, ma imprenditore illuminato e amministratore coscienzioso prestato al pallone, che per primo aveva parlato di scudetto a inizio stagione.  E poi, come non citare la competenza del direttore sportivo, Cristiano Giuntoli, capace con i suoi collaboratori di pescare giocatori a costi bassi, ma dal rendimento altissimo, in netta controtendenza con il resto delle squadre di vertice, abituate a strapagare giocatori poco più che mediocri, o ormai sul viale del tramonto. E anche l’ambiente ha la sua parte di meriti: tifoseria e stampa, per una volta, hanno remato dalla stessa parte.
Su tutti, però, campeggia e si staglia la figura di Luciano Spalletti, l’allenatore, colui che è riuscito a plasmare un meccanismo dagli ingranaggi perfetti mettendo al posto giusto tutti i pezzi del puzzle. E pensare che nella stagione precedente, dopo il crollo nelle ultime giornate e il terzo posto definitivo, in molti chiedevano la sua testa…

Il filosofOne di Certaldo

Con quel ghigno sornione, a volte vagamente diabolico, che ricorda Nosferatu e i ragionamenti in sala stampa spesso arzigogolati, ma mai banali, il filosofOne nato a Certaldo 64 anni fa è il vero artefice mago di questo Napoli che ha fatto sognare i tifosi dal cromosoma azzurro e che si è accaparrato le simpatie degli addetti ai lavori in patria e all’estero. Il suo motto “Uomini forti, destini forti. Uomini deboli, destini deboli. Non c’è altra via”, è diventato il simbolo dell’intera stagione azzurra.
Ma Spalletti ha saputo fin da subito costruire anche un rapporto di rispetto con i tifosi e di amore con la città. Prova ne siano la sua frase in napoletano riferita all’attesa della matematica certezza dello scudetto: “C’ ‘o stammo trezianno”, come chi lentamente scopre le proprie carte al poker, assaporando a pieno l’attesa di un punto importante; e, soprattutto, il famoso tatuaggio sul braccio con il terzo scudetto e la N napoleonica che campeggia nello stemma del Napoli. Un amore marchiato sulla pelle.  

Un precedente illustre

Circa 700 anni fa, un altro illustre figlio di Certaldo si recò a Napoli e se ne innamorò fino a diventare napoletano a tutti gli effetti. Giovanni Boccaccio, il maggiore prosatore europeo del ‘300, giunse a Napoli 14enne nel 1327 a seguito del padre, che voleva avviarlo alla carriera mercantile. Giovanni, invece, nella capitale di re Roberto D’Angiò scoprì la sua passione per le humanae litterae, diventando ben presto uno scrittore versatile che riusciva ad amalgamare generi letterari diversi facendoli confluire in opere originali, grazie a una fervida vena creativa e al gusto per la sperimentazione. Il suo soggiorno partenopeo fu particolarmente ricco dal punto di vista umano e proficuo da quello letterario. Quando fu costretto a lasciare la città per tornare a Firenze, sentì per tutta la vita la nostalgia per la sua amata città d’adozione. Un certaldese napoletano, dunque. Proprio come Luciano Spalletti.

Napoli

Molte luci e qualche ombra

La pur straordinaria stagione azzurra ha presentato tuttavia qualche ombra. Per esempio, l’eliminazione in Coppa Italia subita dalla volenterosa Cremonese, ultima in classifica. E ancor più dolorosa è stata l’uscita ai quarti di finale di Champions League nella sfortunata doppia sfida contro il Milan. Probabilmente si è perduta un’occasione irripetibile per lasciare il segno anche in Europa. Certo, il pallone non è scienza esatta. Non sempre vince il migliore, a volte basta crederci più degli avversari.
Ma l’ombra che più infastidisce i sostenitori dei colori azzurri è senz’altro la certezza che non si aprirà un ciclo vincente con questi protagonisti. Spalletti ha chiesto e ottenuto un anno sabbatico, dicendo in realtà addio alla panchina del Maradona. Giuntoli è corteggiato dalla Juventus e i migliori giocatori sono già nel mirino di Liga e Premier League, dove abbondano i denari e non si ha paura di usarli. Insomma, incredibile dictu, a Napoli c’è una inquietante aria di smobilitazione, come se in molti sapessero già che non sarà più possibile ripetere un’annata così straordinaria. La stagione finisce come era cominciata, in mezzo all’incertezza e alla perplessità.

Napoli. Una sola, grande macchia d’azzurro

Basteranno queste inquietudini per smorzare l’entusiasmo dei tifosi dal cromosoma azzurro? Neanche per sogno! Per le strade attraversate da Totò e dai De Filippo e cantate da Pino Daniele, la festa dura da più di un mese, gioiosa, colorata, chiassosa, ma civile e ordinata. I vicoli tappezzati d’azzurro si confondono con il cielo e il mare che accarezza la città della sirena. Una dose di energia di cui il sistema calcio italiano aveva decisamente bisogno.
Non ci piace scadere nella facile retorica dello scudetto come simbolo di rinascita per una città tanto meravigliosa quanto martoriata: il calcio, soprattutto quello attuale, sembra essere lontano dalle dinamiche sociali. Ma è la gioia di un popolo, attesa a lungo e meritata, che può fungere da stimolo, questo sì, perché nelle coscienze di ognuno si svegli quel desiderio di migliorare, sapendo di avere i mezzi per farlo.
Intanto, il famoso Largo Maradona, una piazzuola dei Quartieri Spagnoli diventata museo a cielo aperto del D10s, è ormai meta di appassionati e turisti da tutto il mondo, contribuendo a riqualificare una zona degradata e malfamata con un indotto importante, costituito soprattutto da ristoranti ben frequentati. Un dato incoraggiante.
L’augurio è che la città prenda spunto dalla squadra, per costruire un futuro da vivere con entusiasmo e serenità. E allora potrà davvero essere festa tutti i giorni.
Ma, prima, controlliamo di avere chiuso l’acqua e il gas!

 

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

il calcio di Melissa

Il calcio di Melissa

Melissa, 15 anni, grande appassionata di calcio e unica giocatrice della prima squadra dell’ASDD Roma 2000 per disabili visivi. Il racconto di come si è avvicinata a questo sport e le prospettive del domani.

Leggi tutto »
Campetto Napoli

Auti nostro! Sogni, estetica e sudore del calcio di strada

Napoli 1967. Ai giardini del Molosiglio si gioca al grande calcio. Il calcio del campetto, quello delle ore infinite, delle porte immaginarie e del bordo campo qualche volta strusciato per terra, quasi sempre immaginato anche quello. Ma è proprio quando la palla supera quel bordo campo che il grido rompe l’aria. Auti nostro! gridi, agguanti la palla e la rimetti in gioco per rovesciare la sorte. Proprio come la vita, grande gioco anche quella.

Leggi tutto »
Nicolò Carosio

Nicolò Carosio, lenticchie e whiskaccio

1 gennaio 1933. Appena ieri. Nicolò Carosio con la prima radiocronaca italiana di una partita di calcio, tra lenticchie e whiskaccio, inventa un linguaggio e segna la strada di un’epoca che ancora si mantiene giovane

Leggi tutto »
Battaglie volanti. Colpo di testaFabio Cannavaro

Battaglie volanti. Il colpo di testa tra tattica ed estetica

Cercato, ambito, temuto,il gioco di testa rischia di sparire dai campi? Protagonista indiscusso dell’estetica del calcio, gesto tecnico ambivalente, buono sia per la difesa e sia per l’attacco, il colpo di testa sopravviverà a nuove tattiche e a insorgenti preoccupazioni per l’intergrità fisica dei calciatori?

Leggi tutto »

Ago

Ago è una parola che punge, ma soprattutto è un nome che fa ancora male.

Leggi tutto »
Roma

Il botteghino. L’altare smarrito del calcio

Sole, pioggia, freddo, le file di prima mattina e quelle dell’ultimo minuto, la frenesia, la paura di arrivare e non trovare più nulla. Il botteghino è un altare smarrito del tifo e del calcio, proprio come quei biglietti che al tempo trattavamo come fossero un’ostia consacrata e che dopo molti di noi hanno conservato con la cura di una reliquia.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi