Search
Close this search box.

Gianni Minà ci credeva

84 anni. Una vita trascorsa a fare giornalismo. Non è stato l'unico, ma è stato tra i pochi capace di raccontare persone e non solo fatti e notizie. Nelle sue interviste, a lui non uscivano solo parole, ma brillavano gli occhi. Accade solo ai migliori. Gianni Minà credeva a tutto quello che ha detto, scritto e fatto. È stata una fortuna, per lui e per noi.
Gianni Minà

Gianni Minà ci credeva.
Ecco, oggi ricordarlo è un omaggio comune.

Volto e presenza familiare nelle nostre case per decenni, testimone di cronaca e di storia, spesso sportiva ma non solo, Gianni Minà non si è mai limitato a farne il resoconto in senso stretto. Nei suoi reportage, nelle sue interviste c’era qualcosa in più.
Gianni Minà non sorvolava sulle cose, non prendeva le notizie come se fosse un acchiappafarfalle; lui entrava nelle storie delle persone, capi di Stato, campioni o gente comune che fosse. Entrava e spaziava. Parlava di sport, ma non parlava mai solo di sport. Parlava di politica, ma non parlava mai solo di politica. Così sanno fare solo quelli capaci di istruire le parole sull’onda delle emozioni.

Gianni Minà e Muhammad Alì

Gianni Minà prima di parlare, sentiva, ma non fraintendete, non parlo di udito; lui sentiva con tutto sé stesso, non con le orecchie, ma con tutto l’insieme complesso  e articolato della sua sensibilità e dei suoi sogni. Innamorato di cause a volte perse, non si è mai fatto cruccio del farsene vanto ostentando una fedeltà a sé stesso di cui non possiamo non ringraziarlo.
In questo, oltre che nel modo di fare giornalismo, Gianni Minà è stato un esempio.

Le sue interviste non sono mai state solo interviste, ma racconti umani

I ritratti che ha lasciato di Fidel Castro, Muhammad Alì, Maradona  solo per citare i più noti, sono affreschi emotivi che vanno oltre quello che ciascuno di noi può pensare dei personaggi in questione. Quando parlava con loro e di loro a Gianni Minà non uscivano solo parole dalla bocca, ma brillavano gli occhi. Capita a pochi.

Gianni Minà
Oggi, in un mondo dell’informazione sempre più frettoloso dove la notizia scorre veloce incalzata da quella successiva, tutti si esibiscono in piroette verbali, ma quasi a nessuno brillano gli occhi.
Non serve ora fare il resoconto di tutto quello che ha fatto nella sua vita giornalistica e culturale. Non serve.
Quello che serve è ricordare che Gianni Minà ci credeva.

Buona vita Gianni.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Varenne

Varenne il Magnifico

“Magnifique! Volo irresistibile, festa italiana. Storico trionfo di Varenne a Parigi”. Era il 28 gennaio 2001. Non si può correre dietro al ricordo, non si può raccontare Varenne, non ci sono le parole. Bello, eterno, invincibile? No, ancora troppo poco

Leggi tutto »

Carovane Azzurre. Passione in trasferta

Tifare in trasferta significava partenza all’alba e spesso anche prima. Treni, pullman, auto. Panini da casa o viaggio tutto compreso. Sono le Carovane Azzurre degli anni ’50 e ’60, proprio come quella per Lazio-Napoli del 20 ottobre 1957 che raccontiamo con gli scatti di Riccardo Carbone.

Leggi tutto »
Riccardo Acerbi

Riccardo Acerbi. Sport tra ciack e click

Fotografo, attore, film maker e sportivo.Dal tuffo nelle onde gelide a largo di Cape Town, passando per Londra e Milano, in giro per l’Italia e per il mondo, dovunque il suo lavoro come testimonial di un noto brand internazionale lo stia portando, Riccardo Acerbi non vede l’ora di tornare a casa, nella sua amata Roma. Oggi con un motivo in più.

Leggi tutto »
Ernesto Servolo Vidal

Ernesto Servolo Vidal. Un istriano in Uruguay

Ai mondiali 1950 c’è un italiano nella rosa dell’Uruguay, clamorosamente campione del mondo. Si chiama Ernesto Servolo Vidal. Istriano di Buie, quando ha solo 2 anni la famiglia emigra in Argentina. Come tanti, il destino di Ernesto inizia così. Il suo sarà un destino di pallone e questa è la sua storia dimenticata.  

Leggi tutto »
Marco Pantani

Marco Pantani. Prima della fine

Venti anni di Marco Pantani, venti anni senza Marco Pantani, ma non è di un 14 febbraio e del suo mare grigio che voglio dire. Voglio dire di quello che c’è stato prima. Voglio dire di un’estate, quella del ’98, una delle più grandi del ciclismo. Oggi il Jolly Roger non è a mezz’asta. Oggi il Jolly Roger è alto al cielo.

Leggi tutto »
Pinne di Bucciarelli

Le pinne e il nuoto veloce del signor Bucciarelli

Una piccola storia di inizio novecento. Un illustre sconosciuto, la sua passione per il nuoto e il suo ingegno. La storia delle pinne passa anche per una tappa non registrata, Portoferraio, Isola d’Elba, e per A. Bucciarelli, un signore di cui non sappiamo nulla, ma che salutiamo come un vecchio amico

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi