Gianni Minà ci credeva

84 anni. Una vita trascorsa a fare giornalismo. Non è stato l'unico, ma è stato tra i pochi capace di raccontare persone e non solo fatti e notizie. Nelle sue interviste, a lui non uscivano solo parole, ma brillavano gli occhi. Accade solo ai migliori. Gianni Minà credeva a tutto quello che ha detto, scritto e fatto. È stata una fortuna, per lui e per noi.
Gianni Minà

Gianni Minà ci credeva.
Ecco, oggi ricordarlo è un omaggio comune.

Volto e presenza familiare nelle nostre case per decenni, testimone di cronaca e di storia, spesso sportiva ma non solo, Gianni Minà non si è mai limitato a farne il resoconto in senso stretto. Nei suoi reportage, nelle sue interviste c’era qualcosa in più.
Gianni Minà non sorvolava sulle cose, non prendeva le notizie come se fosse un acchiappafarfalle; lui entrava nelle storie delle persone, capi di Stato, campioni o gente comune che fosse. Entrava e spaziava. Parlava di sport, ma non parlava mai solo di sport. Parlava di politica, ma non parlava mai solo di politica. Così sanno fare solo quelli capaci di istruire le parole sull’onda delle emozioni.

Gianni Minà e Muhammad Alì

Gianni Minà prima di parlare, sentiva, ma non fraintendete, non parlo di udito; lui sentiva con tutto sé stesso, non con le orecchie, ma con tutto l’insieme complesso  e articolato della sua sensibilità e dei suoi sogni. Innamorato di cause a volte perse, non si è mai fatto cruccio del farsene vanto ostentando una fedeltà a sé stesso di cui non possiamo non ringraziarlo.
In questo, oltre che nel modo di fare giornalismo, Gianni Minà è stato un esempio.

Le sue interviste non sono mai state solo interviste, ma racconti umani

I ritratti che ha lasciato di Fidel Castro, Muhammad Alì, Maradona  solo per citare i più noti, sono affreschi emotivi che vanno oltre quello che ciascuno di noi può pensare dei personaggi in questione. Quando parlava con loro e di loro a Gianni Minà non uscivano solo parole dalla bocca, ma brillavano gli occhi. Capita a pochi.

Gianni Minà
Oggi, in un mondo dell’informazione sempre più frettoloso dove la notizia scorre veloce incalzata da quella successiva, tutti si esibiscono in piroette verbali, ma quasi a nessuno brillano gli occhi.
Non serve ora fare il resoconto di tutto quello che ha fatto nella sua vita giornalistica e culturale. Non serve.
Quello che serve è ricordare che Gianni Minà ci credeva.

Buona vita Gianni.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

San Giuseppe Due

San Giuseppe Due. Una feluca in Antartide (I)

27 giugno 1969: la feluca San Giuseppe Due, capolavoro di ascia e di vela, si lascia il porto di Anzio alle spalle. Non prende il mare per una gita, la sua destinazione è l’Antartide. Un’impresa marinara e scientifica da ricordare. La bella penna di Claudio Ressmann ne ha raccontato sul numero di luglio 2019 del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale. Un racconto che noi riproponiamo in due puntate perché la San Giuseppe Due, ad onor del nome, in Antartide andrà due volte

Leggi tutto »
Hèlene de Rothschild van Zuylen

Hélène van Zuylen. La poetessa pilota

Nata in una delle famiglie più influenti al mondo, Hélène de Rothschild non può tenere a freno il suo spirito ribelle. Dopo aver sposato il barone van Zuylen, nel 1898 è lei la prima donna a gareggiare in una competizione internazionale. Il suo vero trofeo però è stato abbandonare tutte le certezze per una vita d’amore.

Leggi tutto »
FERNANDO FABBRI

Fernando Fabbri. Dirigente accompagnatore

I presidenti, i calciatori e gli idoli, certo. Una squadra, una grande squadra, è fatta però anche di altri personaggi che, seppur con ruoli diversi, sono parte integrante dell’amore che lega i tifosi ai colori e alla maglia. Proprio come Fernando Fabbri, dirigente accompagnatore della Roma di Dino Viola e del secondo scudetto, papà elettivo di tanti campioni giallorossi.

Leggi tutto »
Ivan Francescato

Ivan Francescato. Sembra ieri

Catch me if you can. Ora prenderti è davvero impossibile. Hai combattuto il destino, pensavamo bastasse una finta delle tue, il cambio di passo, di direzione, puntare e sgusciare. Hai poggiato l’ovale a terra, senza avvisare, venticinque anni fa e sembra ieri. Ivan Francescato. Indiano, zingaro, selvaggio. Unico. 

Leggi tutto »
Maurice Tillet

Maurice Tillet. L’Angelo Francese

Oggi conosciuto dal grande pubblico come colui che, probabilmente, ha ispirato il personaggio dell’orco verde Shrek, Maurice Tillet è stato uno dei più grandi wrestler del secolo scorso. La storia però è più complicata di così, complice un angelo e tanta fortuna.

Leggi tutto »
Italo Zilioli

Italo Zilioli. L’Amleto del ciclismo

Un campione nonostante tutto. Più che altro un campione nonostante i suoi dubbi e le sue insicurezze. Una persona perbene Italo Zilioli, fisico e tecnica, gambe e polmoni che potevano fare tutto se solo la testa gli avesse dato spago. Tanti piazzamenti importanti, 58 vittorie ma nessuna di queste il grande successo che avrebbe meritato. È andata così e forse proprio per questo di Italo Zilioli ci piace raccontare ancora.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi