Napoli 10 maggio 1987. Cronaca di una giornata memorabile

Napoli 10 maggio 1987. Non una giornata qualunque, ma "la giornata memorabile" che fece diventare lo scudetto cuore di un popolo. Un'emozione ancora viva nel racconto di chi non l'ha più dimenticata.
Napoli 10 maggio 1987)

Ero di “guardia” quel giorno.
Non un giorno qualunque. Era il 1987, ma a Napoli il 10 maggio non sarà mai più un giorno qualunque.
In Clinica, i turni di guardia si preparavano circa un mese prima, quindi non potei prevedere quello che sarebbe successo. Durante tutta la settimana antecedente a quella data non trovai un solo collega che potesse farmi un “cambio turno”.
Solo il mio collega Antonio mi disse: “Carmine, a fatica sono riuscito a trovare il biglietto per la partita, ti prometto che ti darò il cambio prima delle ore 20”.
Mano a mano che si avvicinava l’ora – le partite se non ricordo male iniziavano alle 14,30 – la tensione aumentava.
Insieme ad alcuni infermieri ci organizzammo con un vecchio televisore, ancora funzionante, nella stanzetta del custode.
Si venne a sapere che il terzo canale della RAI, regionale, avrebbe trasmesso in diretta il secondo tempo della partita.
La tensione aumentava sempre di più, alle 14,30 dopo aver fatto il “giro di terapia”, ci attaccammo alle radio.

Nella quiete della Clinica non si udiva volare una mosca.

Anche i pazienti, maschi e femmine, erano nelle loro stanze vicino alle radio. Intorno alle 15 i vetri delle finestre iniziarono a tremare, un rombo sordo misto a fragore percorse tutta la clinica, si udivano urla e grida di gioia dei pazienti: il Napoli aveva segnato! Goal di Carnevale.
Alle 15,30 scesi in portineria insieme a due infermieri. Con custode Pasquale iniziai ad armeggiare intorno al vecchio televisore.

Iniziava il secondo tempo.

Dopo circa dieci minuti Baggio pareggiava l’incontro, altro tonfo dietro di noi. Mi girai di scatto e mi resi conto che eravamo una decina di persone a seguire la partita. Oltre a noi quattro si erano aggiunti dei pazienti. Uno di questi, al pareggio della Fiorentina, aveva sferrato un calcio nella porta per la disperazione.
Rassicurato e tranquillizzato, restammo tutti attaccati l’un l’altro fino al fischio finale.

Napoli 10 maggio 1987)
(Napoli 10 maggio 1987. Photo credit: Archvio Fotografico Carbone)

L’apoteosi

Mentre da lontano giungevano le urla della città, da noi, in Clinica, fu apoteosi; grida di giubilo, abbracci e, non si sa da dove, spuntò una bottiglia di spumante.
Alle 19,30 vidi sbucare nel vialetto che conduceva alla Clinica, il mio collega Antonio con una sciarpa azzurra al collo. Era stremato, sfinito, ma felice come un bambino. Aveva fatto tutta la strada a piedi, dallo stadio fino alla Clinica (zone opposte della città) in circa tre ore. Mi disse raggiante: “Sono stato di parola? Ora vai, non so a che ora arriverai a casa. È tutto bloccato”.
Avevo una vespa 200GT, color blu. Uscii dalla Clinica intorno alle 19,45.
Napoli era tutta paralizzata, tutti fuori: in macchina, a piedi, in bici, tutti fuori…anche di testa!
Nonostante la Vespa, per fare circa tre chilometri, arrivai a casa alle 22.

Ero di “guardia”, quel giorno!

Carmine Mollo classe 1958, Psichiatra. Ex giocatore di pallone, malato del Napoli.

ARTICOLI CORRELATI

Campetto Napoli

Auti nostro! Sogni, estetica e sudore del calcio di strada

Napoli 1967. Ai giardini del Molosiglio si gioca al grande calcio. Il calcio del campetto, quello delle ore infinite, delle porte immaginarie e del bordo campo qualche volta strusciato per terra, quasi sempre immaginato anche quello. Ma è proprio quando la palla supera quel bordo campo che il grido rompe l’aria. Auti nostro! gridi, agguanti la palla e la rimetti in gioco per rovesciare la sorte. Proprio come la vita, grande gioco anche quella.

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
Maradona

A tavola con Maradona

Cosa unisce a tavola un architetto, grande divulgatore di cibi e alimentazioni e uno psicoterapeuta amante del mangiar bene? La passione per il calcio, il Napoli e, naturalmente, le chiacchiere su Maradona

Leggi tutto »
Palio Marinaro Napoli 1952

Napoli. Il Palio Marinaro del 1952

È una grande festa di mare e di popolo quella che dal 2 al 9 agosto del 1952 anima le acque di Napoli con la Settimana Motonautica promossa dal quotidiano Il Mattino. Festa nella festa è il Palio Marinaro, sintesi felice dell’anima del Golfo e che vede tutte le marinerie competere tra di loro. Un festa di cui, dopo 70 anni, gli scatti di Riccardo Carbone ci restituiscono intatti sapori ed emozioni.

Leggi tutto »
Napoli tuffi piazza Sannazzaro

Tuffi di strada, di testa, di pancia e di cuore

Napoli, i tuffi, le fontane. Libertà assolute e trasgressioni innocenti quando tutto era possibile, anche fermarsi a mezz’aria e guardare il mondo intorno prima di piombare in acqua lasciandosi scivolare la vita addosso.

Leggi tutto »

Helenio Herrera, la normalità del Mago

Hugo Pratt ed Helenio Herrera, un parallelo che al di là delle apparenze è forse meno ardito di quanto possa sembrare. Argentina, avventura e amore per Venezia ricorrono nella vita di tutti e due e all’esoterico Hugo Pratt il soprannome di Mago avrà sicuramente fatto sorridere

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi