Dinamo Rock. Gli anni 90 tra football e rock’n’roll

Anni '90. Tra football e rock'n'roll, la musica irregolare cerca una strada e adotta la bussola della solidarietà. Nasce così la Dinamo Rock e prendono vita iniziative come il Progetto Libellula e l'Operazione Tibet.
dinamo rock

La Dinamo Rock rappresentò un piccolo sogno a spicchi, fatto di musica, rock e campi di calcio.
Erano gli epocali anni 90′, nei campi c’erano i trionfi del Milan e nei walkman le cassettine con i Blur e gli Oasis. Le fiammanti maglie della Dinamo Rock, calcarono i campi per un breve periodo di tempo, ma indimenticabile. Anche se le scopo era esclusivamente benefico, tutti i rocker videro realizzati i propri sogni: una squadra composta da miti come Piero Perù, Ligabue, Zucchero e Jovanotti. Il dio pallone aveva imbracciato, finalmente, la chitarra di Hendrix.

Gli inizi, l’erba del terreno che profuma di rock

C’è un minimo comune denominatore che unisce il calcio al rock’n’roll. Il profumo dell’erba e gli stadi. Calpestarla, viverla, sentirne l’odore. Rende unica l’esperienza. Se in un concerto ti rimane addosso quello che vivi, il tuo corpo è tutt’uno con quello con cui fisicamente hai contatto, e le emozioni ti fanno ricordare l’esatto posto in cui eri, il tempio, gli spalti o una curva, sono la cornice sacra dell’evento. Proprio come un concerto rock, dove il pubblico sulle gradinate diventa tutt’uno con il proprio artista, nel calcio i giocatori diventano tutt’uno con i propri tifosi. È il fuoco sacro che alimenta da millenni la musica e anche lo sport. Non si esce dal vortice, come diceva Pasolini, uomo ed intellettuale di estrema cultura: il calcio è l’ultima rappresentazione sacra dei nostri tempi.
Il nesso logico che lega la cultura, l’arte e quindi, anche la musica, al mondo del football è il suo spirito popolare. Non è una questione di popolarità ma bensì di aggregazione, di equità e di rapporti sociali.
I tifosi, il pubblico, la gente ha bisogno di sentirsi uguale in un modo sempre più divisorio e diviso. E sceglie e celebra i suoi momenti, i suoi spazi, e le sue emozioni in base a ciò che la rende unica. Il calcio è un fenomeno di massa, ma ciò non vuol dire che deve essere intenso come una demagogia. Il football piace perché trasforma i sogni in realtà e gli attimi in momenti indimenticabili. Proprio come un concerto. Ma non in un teatro, in un’arena, o in un palasport. Il rock’n’roll è storicamente celebrato negli stadi. Proprio perché si è uguali. Si è un unicum con il proprio artista. Si è protagonisti.

Dinamo Rock

La nascita. Sogni benefici di rock’n’roll

I sogni a volte, nascono all’improvviso. Per raggiungerli ci vuole tanta volontà e autodeterminazione. La voglia e l’impegno sono come un atleta che getta il cuore oltre l’ostacolo.
Per partire dall’inizio di questa storia, facciamo un balzo a ritroso di quasi trent’anni.
La stagione del 1994 verrà ricordata come il passaggio trans generazionale verso il nuovo millennio. Gli adolescenti delle medie, rappavano tra le note di Serenata rap di Jovanotti e nelle discoteche spopolava The Rythm of Night di Corona.
Nel mondo del calcio, gli sportivi italiani piangevano ancora sul quel maledetto rigore tirato da Baggio. E la politica vedeva alla luce nuove ere e discese in campo (e non parliamo di calcio).
In un una piccola cittadina, tra la via Emilia e il West, come direbbe Guccini, inizia a muovere i passi il piccolo ma grande sogno targato Dinamo Rock. Il 3 Novembre 1994, a Correggio si radunano i piccoli e grandi gruppi rock italiani, con lo scopo di conoscersi e dar vita ad un progetto che unisca rock, calcio e beneficenza. Una sorta di Stati Generali della musica rock italiana, realizzati su un terreno di gioco. Sebbene l’altra squadra italiana, la Nazionale Cantanti Italiana, vanti oltre tre decenni di storia ed impegno nel campo della beneficenza, con nomi illustri tra le sue fila come Morandi, Ramazzotti, Mingardi e tanti altri ancora, la Dinamo Rock punta essere un autentico progetto fuori dalle righe, ma con l’intento di regalare sorrisi ai più sfortunati. Una sorta di simpatico ed epico duello, (citando la storia del rock), tra mods e rocker, dove i nostri leggendari rockers italiani mettono in campo tutta la loro tempra mista al puro spirito rock’n’roll.

Dinamo Rock

La filosofia

La Dinamo Rock parte con una filosofia ben precisa: “In rock’n’roll we trust”. Con questo spirito, in soli 8 giorni si forma il primo direttivo composto da: Tolmino Menozzi (Presidente), Cavalli Cocchi (vice), Filipazzi (dei Ritmo tribale consigliere), Paolo Bruni (dei Negrita, consigliere) e Ulderico Zanni (dei Rats, consigliere).

Un calcio al pallone ed uno alla chitarra

Ed è una vita da mediano quella dei rocker. Stare nel mezzo, come cantava Ligabue. Sempre lì, finché ce ne hai.  Con i polmoni e la chitarra sempre accordata. Sono i versi congiungenti che legano l’amore per il cuoio al mondo del rock’n’roll.
Le prime uscite sono sui campi piccolissimi, come quello di Crema. Le prime maglie, gialle e verdi (le fiamme arriveranno in secondo momento), indossate dai primi componenti e giocatori, tra i tanti: Ulderico Wilko Zanni e Lorenzo Lunati (Rats), Scaglia (Ritmo Tribale), Gianfranco Fornaciari (Clandestino), Fabrizio Tavernelli, Drigo (Negrita ), Omar Pedrini e Enrico Samuele Ghedi (Timoria), Feiez alias Paolo Panigada (Elio e Le Storie Tese), Max Cottafavi (Clandestino e Ligabue), Pau (Negrita).

Perché questo era lo spirito della Dinamo Rock: l’aggregazione, la passione, l’amicizia

Pensata e strutturata come il senso della musica e la vita: da soli non si va da nessuna parte.  Tra scarpette e divertimento il progetto dal 95 al 1999 cresce sempre maggiormente, insieme alle tante operazioni benefiche portate in campo, è proprio il caso di dirlo, dal coinvolgente e trascinante collettivo foot-rock.
I nomi delle mission portate a termine portano i nomi di Progetto LibellulaOperazione Tibet e tanti altri ancora. Le sfide sono “epiche” e gli avversari i più variegati e disparati. Si va dalla Nazionale Tibetana, alla Nazionale Italiana Magistrati. Un condensato di allegria e amore per il calcio.  Senza vincoli e senza frontiere. Lo scopo è sempre e solo unico: aiutare chi è in difficoltà.
Proprio come fa un testo rock, un album o una canzone: porgerti una mano nei momenti più bui della vita. E non importa chi è il destinatario. L’importante è farlo. Alle soglie degli anni 2000, i giocatori ruotano. Cambiano i nomi. Un po’ come il mercato delle grandi squadre, ma senza soldi o contrattazioni.

Il calcio, i sogni, il rock e la democrazia

Diciamoci la verità, assistere ad un concerto rock o una partita di calcio, ci regala le stesse emozioni.
L’enfasi si trasforma in sogno e il coinvolgimento ci rende tutti democraticamente uguali. Non c’è nulla di artefatto, ma bensì spontaneo. Il rapporto è viscerale, autentico, di fratellanza. Un artista, una band, un musicista diventa per un determinato arco temporale, un nostro padre, una sorella, un gemello mai avuto. E poi c’è l’altra faccia, quella dei sogni, dell”utopia, della fantastica chimera. È quello il senso incarnato dalla Dinamo Rock. Una favola, una meteora musico-calcistica che ci ha fatto sognare. Sempre con il sorriso e l’allegria.
Come direbbe lo scrittore Nick Hornby, il maestro che con la sua penna ha unito meglio di chiunque altro il calcio, il rock e la musica: …Vorrei essere nei miei sogni, come Bruce Springsteen prima di un concerto. Perché l’intesa tra pubblico e fans, intesi anche come appassionati di football, è totale, chimica allo stato puro. Non c’è nulla di più meraviglioso di sognare attraverso gli occhi dei propri idoli. È quello che ha incarnato la pelle, il sudore, e la passione della Dinamo Rock. Proprio come in un riff di chitarra, un assolo di batteria, ma mai senza il supporto del pubblico. E non c’è nulla di male se il tutto è durato 90 minuti, o 180.
La Dinamo Rock è stata la rappresentazione popolare ed artistica di un football ad “alto voltaggio”, oppure, per ricordare Hornby, ad alta fedeltà.

                                                                   

Sergio Cimmino Nasce a Napoli nel 1982. Collabora in ambito comunicativo, radiofonico, musicale e culturale. Da freelance lavora per testate nazionali, web tv e ha contribuito alla realizzazione di musical ed eventi.

ARTICOLI CORRELATI

Petisso

Il Petisso a 45 Giri. Un tricolore viola tra gommalacca e vinili

Bruno Pesaola, il Petisso, italiano di Argentina, in campo sempre con passione, anima, intelligenza e persino humour. Da calciatore ha lasciato goal, dribbling, discese veloci e punizioni al millimetro. Da allenatore uno scudetto alla Fiorentina e Coppe al Napoli e al Bologna. Scaramantico quanto si deve, difficilmente si separava dal suo iconico cappotto di cammello, aveva un rapporto speciale con la musica, in particolare con Peppino Gagliardi. E anche un suo 45 giri, “Settembre”, gli sarà a lungo compagno di fortuna.

Leggi tutto »

Helenio Herrera, la normalità del Mago

Hugo Pratt ed Helenio Herrera, un parallelo che al di là delle apparenze è forse meno ardito di quanto possa sembrare. Argentina, avventura e amore per Venezia ricorrono nella vita di tutti e due e all’esoterico Hugo Pratt il soprannome di Mago avrà sicuramente fatto sorridere

Leggi tutto »
El trinche

El Trinche. Maglia numero 5.

Non tutti lo conoscono, ma chi lo ha conosciuto lo ricorda bene. Soprattutto chi lo ha incrociato su un campo di calcio. Si chiama El Trinche e sa fare una cosa sola, giocare a pallone meglio di tutti. A modo suo. La lunga storia del Maradona che non è mai stato. 

Leggi tutto »
Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto

Le ragazze del calcetto hanno una storia comune e una vita che condividono nel campo e fuori. Una storia al servizio del bene comune. Una storia di sport che fa bene a tutti.

Leggi tutto »
Carlo Mazzone

Carlo Mazzone. Come un padre

Carletto Mazzone, ultimo romantico del calcio, è un esempio per tutti. Amato da tifosi e da giocatori che ha allenato e cresciuto, Carletto è stato per tanti come un padre. Così ce lo racconta il bel docufilm di Alessio Di Cosimo disponibile su Prime Video dal 2 novembre.

Leggi tutto »
Pelè 1000

Pelé. Il millesimo

19 novembre 1969. Maracanà. Trentaquattresimo del secondo tempo. El Gato Andrade sfiora il pallone che O’Rey Pelé dal dischetto insacca alla sua sinistra. Non è un goal qualunque, è il suo millesimo e nessuno lo ha dimenticato.

Leggi tutto »
Salernitana

Salernitana. Una storia che fa bene al calcio

Due volte in serie A e due volte retrocessa per un punto, alla sua terza volta la Salernitana proprio per un punto rimane in A. Un punto guadagnato sul campo, ma anche sugli spalti, con un tifo che anche nei momenti più difficili ha partecipato in maniera corale al destino della sua squadra e non l’ha mai abbandonata. Un punto di merito che può fare la differenza. Sicuramente il punto che fa della Salernitana una bella storia di calcio.

Leggi tutto »
bebe vio cavaliere della Roma

Bebe Vio con i Cavalieri della Roma

Bebe Vio nominata Cavaliere della Roma. Con lei undici imprenditori, giornalisti, magistrati e docenti universitari, tutti romanisti di fede assoluta, testimoni di impegno professionale e di una sana cultura sportiva

Leggi tutto »
campionato a frontiere chiuse

Campionato a frontiere chiuse

Può suonare quantomeno strano, oggi, quando gli stranieri in squadra sono la maggioranza, ma c’è stato un periodo durato ben 14 anni in cui le porte del campionato di calcio italiano restarono chiuse per gli atleti stranieri.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi