Florent e Pernille. Dalla parte del bacio.

Florent Manaudou e Pernille Blume sono fidanzati. Francese lui, danese lei, nuotano persino la stessa distanza, una distanza che li fa salire sui rispettivi podi e li fa incontrare a bordo vasca dove, in favore di telecamera, si baciano. Qualcuno grida allo scandalo per il protocollo sanitario infranto. Noi no. Noi stiamo dalla parte del bacio.
Florent Manadou e Pernille Blume

Florent Manaudou, 31 anni, francese di Villeurbanne, da due giorni argento olimpico nei  50 stile libero. Si potrebbe dire che per lui il nuoto è una questione di famiglia visti i record e le medaglie della sorella Laure e sarebbe anche una bella storia da scrivere, ma questa è un’altra storia.

Pernille Blume, 27 anni, danese di Copenaghen, nuotatrice con un palmares importante, da due giorni bronzo olimpico, anche lei nei 50 stile libero.
Si somigliano i due, forse tutto inizia lì, in quel segreto delle coincidenze che a un vecchio detto popolare fa dire che chi si somija si pija.

In effetti i due si sono presi, e non da poco.
Florent e Pernille sono fidanzati o semplicemente, se la parola fidanzati vi dovesse suonare desueta, stanno insieme e insieme vivono la loro vita.

Pernille ha avuto il Covid, lo ha avuto ad aprile, con una ripresa lunga che faceva temere a Florent che la sua fidanzata – dai, usiamolo questo termine fuori moda – potesse avere problemi per la preparazione e partecipazione olimpica. A posteriori, possiamo dire che tutto è  andato per il meglio.

Florent e Pernille partono per Tokyo 2020 con le rispettive nazionali e vengono immessi nella bolla del villaggio olimpico, che poi tanto bolla non deve essere visti i ripetuti casi di Covid che si registrano all’interno della comunità olimpica.

Fatto è che i due, per quanto è dato sapere, vivono separati, stretti da maglie che chissà se sono mai riusciti a bucare per concedersi una parola, uno sguardo, una carezza o chissà cos’altro che potrebbe far crollare le mediatiche certezze pandemiche.

Per Florent e Pernille galeotto non fu il libro come per Paolo e Francesca di dantesca memoria, ma una piscina carica di cloro, quello che ti rimane a pelle e che va via solo dopo tante docce e, direi, anche una clessidra del tempo che non poteva essere più precisa di così.

Pochi minuti infatti separano le rispettive gare, pochi minuti in cui ognuno avrà pensato alla sfida del tempo da conquistare, della corsia da divorare, delle bracciate da infilare in sintonia perfetta l’una all’altra e l’una e l’altra con il respiro e il cuore.

Ecco, il cuore, il cuore che non ha bisogno di pensare e che non ha bisogno di leggere regolamenti per sapere come battere e per chi farlo.
Al cuore si appartiene e il cuore dei fidanzati per misteriosa alchimia d’amore appartiene almeno un po’ l’uno all’altro.
Nessun dubbio che nell’attesa delle gare, mentre cervello e muscoli si sintonizzavano e si isolavano dal mondo, lui, il cuore, abbia proseguito a battere a suo piacere pensandosi l’uno con l’altro.

Poi arrivano le gare, l’adrenalina è una scossa, i secondi essenziali e tutto finisce presto, prima un podio e poi l’altro e Florent e Pernille ad aspettarsi e trepidare – dai, di desueto mettiamoci anche questo verbo – ed è così che i due si ritrovano, anima e cuore, muscoli e nervi, tensione e felicità.

Si cercano, si trovano a bordo piscina, si avvicinano, si abbracciano, si baciano.
È un momento che ricorderanno per sempre, qualunque sarà il destino della vita che passeranno insieme o altrove.

Tanto basterebbe per scrivere una bella storia.
Invece no.

Sky TG24Il primo agosto alle 08.45 Sky TG 24 ci informa del fattaccio con tanto di fotografia.
Il bacio “proibito” – il virgolettato è forse un sussulto di pudore – è una palese violazione del regolamento sanitario dei giochi olimpici.
Scrivono proprio così.
Qualche ora dopo, alle 12.11, è l’Huffington Post a sottolineare Si baciano sul podio di Tokyo 2020, ma violano il regolamento sanitario.

Arriviamo al primo pomeriggio.
Marcel Jacobs e Gianmarco Tamberi scrivono la leggenda dei 15 minuti d’oro dell’Italia siglando un risultato strepitoso.
Al colmo della gioia, il tartan della pista li vede cercarsi, ridere, piangere e abbracciarsi.
L’abbraccio fortunatamente passa nel silenzio dei censori della felicità.

Huggington PostOra, dopo una giornata di pausa, la domanda è lecita.
Di preciso, a voi con il ditino alzato ed il sopracciglio arcuato, cosa ha dato fastidio del bacio tra Florent e Pernille al punto da farci titoli e articoli sulle vostre testate da dove a volte indugiate a dettare un po’ la linea del lecito e del riprorevole?

Perché avete invocato il regolamento sanitario per un bacio tra fidanzati e non per un abbraccio tra atleti con vite proprie e separate?
Cosa vi brucia così tanto?

Ormai decenni fa, leggendo Le scogliere di marmo di Ernst Junger, incontrai una frase mai dimenticata.
Profondo è l’odio che l’animo volgare nutre nei confronti della bellezza.
Così scrive Junger.
Peccato che non lo abbiate letto.

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Longboarding

Longboarding. LA to NY.

Longboarding. LA to NY. La sfida lanciata al mondo da quattro ragazzi. Partiti da Los Angeles per attraversare gli Stati Uniti, a New York arriveranno solo in due e non saranno più ragazzi, ma skater. E anche un po’ eroi.

Leggi tutto »
atletica leggera

Atletica Leggera. Ode alla Regina

Tokyo 2020 è storia dello sport italiano e segna il grande ritorno dell’atletica leggera, regina olimpica lontana dai riflettori e spesso trascurata dai media. L’atletica leggera è disciplina madre, pop, basica, può essere praticata con poco ed è la naturale via di accesso a una vita sportiva di lunga durata. Questa è una riflessione sul futuro dello sport come patrimonio nazionale. Un futuro che inizia con un’ode alla Regina.

Leggi tutto »
Francesco Marini Dettina

Francesco Marini Dettina. Il Presidente eroe

Venti anni dopo le sabbie di El Alamein, Francesco Marini Dettina diventa il tredicesimo presidente dell’AS Roma. La prende con i debiti, tanti,e la restituisce con i debiti. Ci mette del suo, ci perde del suo. Anni difficili, ma anche di tanto entusiamo. Anni che portano una Coppa Italia, Sormani, John Charles, ma anche la sera del Sistina. Gli anni della Roma di Franco Dettina, il presidente eroe.

Leggi tutto »
Monzon vs. Griffith

Carlos Monzòn. Campione sul ring, perdente nella vita

“Anche se una stella muore la sua luce continuerà a brillare”. Tra i tanti, al funerale di Carlos Monzòn uno striscione recita così e non è solo una scritta; è tutto vero. Pugile maledetto che più maledetto forse non si può, Carlos Monzòn tra gloria e tragedie ha lasciato segni che nessuno ha dimenticato. Proprio come i suoi pugni.

Leggi tutto »
VAR

Il calcio aVARiato

Una riflessione laica sul VAR. Una riflessione che tra gioco, filosofia e tecnologia, sottolinea il progressivo smarrimento del senso del gioco. Una riflessione che mette in campo la necessita di scegliere tra calcio e calcio aVARiato.

Leggi tutto »

Brescia ’90

1990, i miei primi campionati italiani donne di Pistola Standard e P10 al Tiro a Segno Nazionale di Brescia. La lettera è tratta dall’epistolario fra me e il mio allenatore Ugo Amicosante, al quale confido le mie emozioni post gara, dopo aver avuto una lieta, lietissima novella…  

Leggi tutto »

Allenarsi per lo Spazio

Il ritorno sulla Luna nel 2024 e poi Marte e poi chissà dove e come. La nuova avventura spaziale sarà la grande avventura del secolo e apre lo scenario della permanenza umana stabile in ambienti simil terrestri costruiti su altri pianeti. In questa prospettiva poteva forse mancare l’attività fisica?

Leggi tutto »
Achille Lauro

Achille Lauro. Estetica di un Comandante

1956. Stadio del Vomero. Alla prima di campionato il Napoli incontra l’Atalanta. Achille Lauro, ‘O Comandante, è lì. In prima fila, anzi, oltre la prima fila. È in campo. La fotografia ci restituisce una storia, ma soprattutto ci restituisce il ritratto di un mondo scomparso

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi