Tokyo 2020. La leggenda dei 15 minuti d’oro dell’Italia

Quando la storia ti diventa leggenda sotto gli occhi non si può rimanere indifferenti. Gianmarco Tamberi e Marcel Jacobs entrano nella storia olimpica e scrivono una pagina leggendaria dello sport italiano. Tutto in 15 minuti.
Gianmarco Tamberi, Marcel Jacobs

Ci sono giorni che entrano nella storia.
Oggi, primo agosto 2021, alle Olimpiadi di Tokyo 2020 nasce la leggenda dei 15 minuti d’oro dell’Italia.

Gianmarco “Gimbo” Tamberi e Marcel Jacobs  conquistano due medaglie d’oro nella regina delle discipline olimpiche, l’atletica leggera,  in due tra le competizioni più ambite, la velocità pura dei 100 metri e lo slancio assoluto del salto in alto, e nell’arco di 15 minuti segnano una pagina indelebile dello sport italiano.

Lontani dai riflettori di discipline più abituate alla ribalta degli schermi, le vittorie di Gianmarco Tamberi e Marcel Jacobs ristabiliscono le priorità assolute di un valore sportivo fatto di sudore e sacrificio.

I 9,80 di Jacobs e i 2,37 di Tamberi sono risultati atleticamente strabilianti che meritano l’onore di tutto lo sport italiano.

Tamberi arriva all’oro con la perseveranza e la resilienza di chi  aveva dovuto rinunciare per infortunio a partecipare alle Olimpiadi di Rio dal 2016.
Eppure né l’infortunio né il ritardo pandemico hanno tolto smalto al sogno che oggi si è andato a prendere con la leggerezza che serve per passare l’asticella a 2,37 da terra.

Jacobs ha vinto il vento e, per fortuna, anche una deviazione di percorso che lo voleva prima prestato al calcio e poi al salto in lungo, ma che invece lo ha poi restituito al suo destino, quello che mamma Viviana conosceva già, perchè le mamme il destino dei figli se lo portano dentro e qualche volta lo anticipano anche.
Proprio come ha fatto lei che aveva detto a tutti che Marcel sarebbe andato sotto i 9,90, cosa che è successa sia in semifinale che in finale, e che forse sapeva più di quanto non ha detto.

Onore al merito sportivo di Gianmarco Tamberi e Marcel Jacobs, protagonisti della leggenda dei 15 minuti d’oro dell’Italia, atleti di una bella Italia che sorride al futuro dei suoi figli.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

1960. Il mio straordinario anno olimpico

Il ciclismo di Marino Vigna è una storia di famiglia. Una passione che passa di padre in figlio come nelle migliori tradizioni. Una passione che lo porta a vincere la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma del 1960 nell’inseguimento a squadre. Una passione che diventa una vita dedicata al ciclismo da atleta, da dirigente e da esempio.

Leggi tutto »
Wilma Rudolph e Livio Berruti

Roma 1960. Wilma, Livio e l’amore impossibile

25 agosto 1960. In una Roma bella e ingenua come forse mai più, si aprono i Giochi della XVII Olimpiade. Dal Settebello ai ciclisti d’oro, da Cassius Clay a Nino Benvenuti, da Abebe Bikila a Livio Berruti e Wilma Rudolph, tante sono le storie dei giorni olimpici. Tra queste quella dell’amore impossibile, forse immaginario e solo da copertina di Livio e Wilma, ma anche quella di una Roma impossibile da non amare.

Leggi tutto »
Alice Milliat

Alice Milliat. La donna delle Olimpiadi

Alice Milliat è la donna delle Olimpiadi perché senza di lei, senza i suoi sogni e senza la sua voglia di realizzarli, le Olimpiadi sarebbero state più difficili per tutte le donne. Una storia straordinaria da insegnare a scuola, in terza media, quando bisogna iniziare a sapere chi è stato in grado di cambiare la storia.

Leggi tutto »
sorpasso

Sor Sorpasso

Marcel Jacobs raccontato da uno sguardo d’artista che scova analogie ed assonanze con Vittorio Gassman, l’uno come l’altro protagonista di un Sorpasso indimenticabile.

Leggi tutto »

L’oro due

Giganti. Potremmo forse chiamare diversamente Pietro Mennea e Usain Bolt? Giganti e veloci. Velocissimi, non più del vento, ma della stessa essenza del vento.

Leggi tutto »
daniele lupo beachvolley

Il beachvolley, le Olimpiadi e mio nonno

Il Maracanà non è solo uno stadio. Il Maracanà è uno stato dell’animo, identità collettiva, emozioni fuse. Per questo in Brasile ogni luogo diventa in un attimo un Maracanà. Proprio come il rettangolo di spiaggia della nostra finale olimpica di Rio 2016.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi