Secondi. Vite a bordo ring. Il documentario

"È fighissima la vita a bordo ring. Non la cambierei con la vita a bordo di chissà che cosa" lo dice il Maestro Giorgio Maccaroni in "Secondi. Vite a bordo ring", la serie documentaria ideata e prodotta da Sportmemory in collaborazione con la Wilson Basetta Boxing School. Un racconto dell'universo emotivo che si addensa intorno alle sedici corde, da oggi on line con la sua prima puntata.
Secondi. Vite a bordo ring

Corde, sacchi, guanti. Cinture, quelle ambite. Sogni e sudore. Rispetto.
Nel quadrato c’è tutto questo. Nel quadrato il tempo si ferma, ma solo perché è troppo veloce per stargli dietro.
Il tempo, nel quadrato, racchiude tutto quello che il pugile è stato prima e sarà dopo.
Con lui, nel tempo veloce e interminabile delle riprese, c’è anche chi lo ha portato lì sopra. C’è chi lo ha visto crescere, migliorare. Chi lo ha visto prendere a pugni delusioni e accarezzare sogni, tanto si sa, poi ci pensa la vita a mettere a posto le cose.
Secondi. Vite a bordo ring racconta vite ed emozioni di pugili, di Maestri, di promoter. Racconta tutto l’universo emotivo che si addensa intorno a quelle sedici corde che non sono un recinto, ma un perimetro di vita.

Secondi. Vite a bordo ring è una storia che abbiamo annunciato a luglio e che oggi trova il suo primo racconto documentario.
Il primo, ma non l’ultimo, perché questo mondo si porta dentro storie incredibili e di umanità profonda. Storie che meritano di essere conosciute al di là del risultato sportivo che anzi, spesso le mette in secondo piano.
Storie che meritano di essere raccontate perché tutti, lì dentro, possiamo trovare esempio e suggestioni.
In questo primo racconto abbiamo avuto con noi il promoter Davide Buccioni, i Maestri Italo Mattioli della Team Boxe Roma XI e Giorgio Maccaroni della Fortitudo Boxe, i pugili Michael “The Lone Wolf” Magnesi e Pietro “The Butcher” Rossetti. Da ognuno abbiamo raccolto impressioni e stati emotivi. Da ognuno abbiamo avuto qualcosa che non avevamo, qualcosa che ci era sfuggito e abbiamo preso esempi che abbiamo messo da parte. Lo sappiamo che prima o poi ci saranno utili.

Se mai avessimo avuto dubbi, ce li ha fatti passare Giorgio Maccaroni quando, mentre con gli occhi cercava ispirazione nella sua sala, ci ha detto “è fighissima la vita a bordo ring. Non la cambierei con la vita a bordo di chissà che cosa”.
Ecco in questa frase c’è se non tutto, veramente tanto.

Nella vita è importante raccontare storie, ma ancora più importante è essere esempio.
Da oggi, sulle tracce di esempi e di suggestioni, ci siamo anche noi con Secondi. Vite a bordo ring.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

SPORTMEMORY VACANZA

La villeggiatura e il ciclismo pop delle biglie

Sportmemory racconta storie e rispetta il rito della vacanza agostana che, dell’Italia, è una grande storia di costume italiano dentro la quale ci siamo un po’ tutti. Torneremo con l’aggiornamento mensile il 5 settembre e, a seguire, il 5 di ogni mese che sarà la nostra nuova data editoriale. In questo mese, però, non vi faremo mancare del tutto le nostre storie. Ne pubblicheremo alcune in maniera estemporanea nella sezione Diorama e, come sempre, cercheremo di raccontarle non per informare, ma per emozionare.

Leggi tutto »
Barber Ring

Barber Ring. La vera storia di Manuel Ernesti

Una vita che sovverte un destino non è solo da apprezzare, ma da portare come esempio. Questa è la vera storia di Manuel Ernesti, ragazzo di Ostia diventato uomo con il pugilato. Una storia esemplare che ora Manuel insegna ad altri ragazzi perché tutti, come lui, devono poter prendere la propria vita in mano e scegliere dove portarla

Leggi tutto »
Carmen Basilio

Carmen Basilio, il pugile di Dio

Carmen Basilio, pugile di Dio, religioso praticante a fine match si faceva sempre il segno della croce. Una sera, però, ha fatto qualcosa in più. Ma quella non era una sera qualunque. Quella era la sera in cui sconfisse Sugar Ray Robinson.

Leggi tutto »
Cus D'amato e Mike Tyson

Chi ha paura di Cus D’Amato?

Cus D’Amato, italiano d’America, uno dei tanti che ne hanno fatto la storia, uno dei tanti che ha lasciato un segno. E anche colpi. Come quelli dei suoi pugili, come quelli di Mike, di Floyd, di Josè, di Muhammad e dei tanti altri che ha allenato, rimasti senza onori di cronaca e diventati ombre sul ring.

Leggi tutto »
Jean Paul Belmondo

Jean Paul Belmondo. Gli ultimi guanti

Oggi, 6 settembre, a 88 anni Jean Paul Belmondo ha fatto i suoi ultimi guanti. Ma non è detto che da qualche altra parte, sguardo di sottecchi e sorriso sornione, non sia già a bordo ring pronto a combattere un nuovo incontro.

Leggi tutto »
RING

Il Ring. Uno spazio magico

Il vecchio Cesare m’aveva guardato non molto convinto ma non essendoci nessun altro disponibile mi aveva detto interrogativo: “ma che voi sali’ te?”, “Volentieri, qualche volta me so’ già mosso” avevo risposto mentre mi levavo i guantini da sacco e prendevo il paradenti e i guantoni.

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi