Secondi. Vite a bordo ring

Prende il via Secondi. Vite a bordo ring la serie documentaria ideata e prodotta da Sportmemory in collaborazione con la Wilson Basetta Boxing School dedicata a raccontare il pugilato con il filtro emotivo del rapporto tra pugile e Maestro. A settembre la prima puntata
Secondi. Vite a bordo ring

La vita, un quadrato, sedici corde.
È tutto lì. Il ring non è un luogo, è un tempo sospeso scandito da minuti irripetibili. Quello che accade sul ring non lo puoi riparare, non lo puoi ripetere, è definitivo, impresso sulla pelle, nella fatica, nel sudore.
Quello che accade sul ring è storia emotiva vasta, profonda, ancestrale.

È così che noi che di memorie vaste e profonde andiamo alla ricerca, abbiamo deciso di raccontarlo.
È così che nasce Secondi. Vite a bordo ring, la serie documentaria ideata e prodotta da Sportmemory in collaborazione con Wilson Basetta Boxing School, dedicata a raccontare il pugilato con il filtro emotivo che unisce pugile e Maestro.
Il Maestro è amico, fratello, padre, è tutto questo messo insieme. Soprattutto, il Maestro è esempio.

Tra magia e mistero

Se quadrato è il luogo magico dove il tempo trova altre velocità, l’angolo è l’ara pagana dove si consacra il mistero che lega pugile e Maestro. 
Nell’angolo c’è il prima e c’è il dopo, c’è tutto quello che il pugile era prima di iniziare a fare il sacco e tutto quello che sarà una volta sceso dal ring. Nel mezzo di questa parentesi, c’è riscatto e assalto alla vita.
Nell’angolo il Maestro è voce, anima e mani che non lasciano mai solo il pugile, perché il Maestro non è soltanto accanto a lui, ma è dentro di lui quando combatte.
Il Maestro è ogni colpo che il pugile porta e ogni colpo che prende.

 

Secondi. Vite a bordo ring racconta storie

Storie di vita che durano tutta una vita, anche quando il tempo del ring finisce per sempre.
Secondi. Vite a bordo ring è narrazione emotiva, fatta di parole, immagini e suggestioni, e parla non solo a chi conosce il pugilato, ma anche e forse soprattutto a chi non lo conosce.

Di tutti gli sport, l’unico che ami veramente è il pugilato

Scrive così Jack London, a lui noi ci ispiriamo per raccontare un mondo di cuori coraggiosi.
A settembre la prima puntata che anticipiamo con il trailer e una clip.
Il viaggio è iniziato.
Adesso a bordo ring ci siamo anche noi.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Vittorio Tamagnini

Vittorio Tamagnini. L’uragano di Amsterdam

Vittorio Tamagnini, pugilato eroico, altra Italia, altri ring, altri pugni. Quell’11 agosto 1928 ad Amsterdam con Tamagnini, Orlandi, Toscani e Cavagnoli il pugilato italiano segna una pagina di storia olimpica mai più eguagliata e diventa leggenda

Leggi tutto »
Jean Paul Belmondo

Jean Paul Belmondo. Gli ultimi guanti

Oggi, 6 settembre, a 88 anni Jean Paul Belmondo ha fatto i suoi ultimi guanti. Ma non è detto che da qualche altra parte, sguardo di sottecchi e sorriso sornione, non sia già a bordo ring pronto a combattere un nuovo incontro.

Leggi tutto »

…a sentire Nino Benvenuti

Tra sport e costume, la grande boxe ha incollato alla radio centinaia di migliaia di italiani. Il 4 marzo 68 l’Italia si ferma per il terzo match di Benvenuti contro Griffith. Nessuno può sapere come andrà a finire. Molti lo scopriranno davanti a una radiolina portatile, un’occasione che a Napoli Riccardo Carbone non si fa scappare.

Leggi tutto »
teofilo stevenson

Teofilo Stevenson vs. Muhammad Alì. Il gran rifiuto.

I più grandi. Muhammad Alì contro George Foreman, ma ancora di più Muhammad Alì e la sfida interminabile con Joe Frazier. Storia del pugilato senza alcun dubbio. Non sapremo mai però come sarebbe cambiata la storia se ci fosse stato l’incontro tra Teofilo Stevenson e Muhammad Alì. Ci siamo persi tanto. Veramente tanto.

Leggi tutto »
Monzon vs. Griffith

Carlos Monzòn. Campione sul ring, perdente nella vita

“Anche se una stella muore la sua luce continuerà a brillare”. Tra i tanti, al funerale di Carlos Monzòn uno striscione recita così e non è solo una scritta; è tutto vero. Pugile maledetto che più maledetto forse non si può, Carlos Monzòn tra gloria e tragedie ha lasciato segni che nessuno ha dimenticato. Proprio come i suoi pugni.

Leggi tutto »
Sandro Mazzinghi

Sandro Mazzinghi. Mio padre

Sandro Mazzinghi, pugile italiano tra i più grandi, sei titoli europei, otto titoli mondiali. Un campione sul ring e nella vita, un uomo che non ha mai dimenticato il sudore e i sacrifici che gli fecero guadagnare il successo. Un uomo che non ha mai dimenticato di essere e di fare il padre.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi