Search
Close this search box.

Wimbledon tra gemelli e fratelli

Le storie dimenticate di Wimbledon e i riconoscimenti tardivi a campioni di un'altra epoca dove, però, affonda radici il tennis moderno
WIMBLEDON RENSHAW

Sono i giorni di Wimbledon, del Torneo di Wimbledon, l’unico a giocarsi sull’erba. Abbiamo parlato sommariamente delle origini e citato i nomi di coloro che nel ventesimo secolo hanno fatto la storia del Tennis a Londra. I francesi Lenglen per le donne e Lacoste per gli uomini, ad esempio, affermatisi a Londra nel periodo tra le due guerre.
Proviamo invece a fare un passo indietro, andiamo alle origini del tennis e a scovare nomi e storie appena accennate che a mio parere meritano di essere menzionate, sia pure sommariamente, per via della scarsità delle notizie, o anche solo confliggenti, a noi giunte.
Abbiamo già raccontato che il tennis nasce nel 1874 e che tre anni dopo ha origine il tennis contemporaneo e, ufficialmente, il Torneo di Wimbledon.
Ma chi furono i primi miti dell’epoca sull’erba di Londra, chi raggiunse la popolarità in quella parte finale del XIX secolo?

I gemelli Renshaw

L’albo d’oro di Wimbledon riporta i nomi dei fratelli Renshaw, anzi dei gemelli William ed Ernest Renshaw, nati a gennaio del 1861 e purtroppo morti giovani, il primo a quarantatré anni, l’altro a trentotto. Con loro ebbe inizio anche l’atteggiamento favorevole di una pubblica opinione più attenta verso la nuova disciplina sportiva che andava diffondendosi proprio grazie alla notorietà che i media dell’epoca seppero dare ai due.
Le cronache ci restituiscono aneddoti non molto distanti da quelli cui assistiamo oggi: apparizioni pubbliche, autografi, fan in tutto il Paese. Scene alle quali la mia generazione ha assistito purtroppo solo per via mediatica ai tempi dei Beatles, uguali, ma vissute ottant’anni prima.
Il loro tennis, interpretato da addetti ai lavori, e a noi tramandato, è stato considerato molto vicino a quello moderno.
Dei due William era ritenuto il più forte; vinse ben dodici titoli di cui sette in singolo e cinque in coppia col fratello.

Il Challenge Round

Vi è da dire che all’epoca vigeva il Challenge round e pertanto, il vincitore, l’anno successivo doveva competere alla fine del torneo col finalista vincente senza dover passare i turni.
Quel regolamento venne modificato solo nel 1922.

La tardiva Hall of Fame

Del gemello più bravo si dice che fosse aggressivo – chissà se Nadal lo abbia preso a modello – che avesse una schiacciata potente e che fu il primo ad aver sofferto al gomito.
William ed Ernest, quest’ultimo il più riservato dei due, e anche il meno bravo, in realtà formarono la coppia più vincente nel doppio tanto da aggiudicarsi anche cinque edizioni di Wimbledon e accreditarsi come i più autorevoli promotori della disciplina in quegli anni.
Con la morte prematura dei due e quindi l’uscita di scena da ogni palcoscenico, il tennis a Londra, a Wimbledon in particolare, subì un calo di attenzione e di tensione, tanto da indirizzare gli occhi degli appassionati verso tutt’altra disciplina, il ciclismo.
Solamente nel 1983 i gemelli Renshaw sono entrati a far parte della Hall of Fame.

Lawrence Doherty
Lawrence Doherty

Il tennis moderno dei fratelli Doherty

Bisognò attendere qualche anno prima di poter vedere le tribune di Wimbledon riempirsi nuovamente.
Fu ad opera di un’altra coppia di fratelli, Reginald e Laurence Doherty, nati rispettivamente il 1872 e il 1875. Il più grande cominciò a vincere a quattordici anni e solo a vent’anni per la prima volta partecipò al più importante evento tennistico londinese uscendo tuttavia al primo turno. I Doherty seppero però sfruttare la loro notorietà grazie a un’importante vittoria in Coppa Davis, a Boston, contro gli americani, e così costruirono la propria autorevolezza in campo tennistico scrivendo uno tra i primi libri sulla tecnica del tennis e accreditandosi come gli inventori del tennis moderno.

Reginald Doherty.
Reginald Doherty.

Reginald vinse la Coppa Davis dal 1903 al 1906 e nel 1902 e l’anno successivo si aggiudicò anche due edizioni

del doppio agli US Open. Laurence ebbe il destino contro, morì giovane a soli 44 anni, il tennis però lo premiò quando il fratello pian pianino cominciò ad allontanarsi dai rettangoli di gioco.
A Wimbledon infilò cinque successi di fila, facendo meglio di Reginald ed entrando di diritto nell’albo d’oro. A Parigi si aggiudicò invece due ori alle Olimpiadi del 1900.

Al prossimo appuntamento con le storie dimenticate di Wimbledon.

Vincenzo Mascellaro, uomo di marketing, comunicazione e lobby, formatore, scrittore e oggi prestato al giornalismo

ARTICOLI CORRELATI

Abdon Pamich

Abdon Pamich. 90 anni da campione

Abdon Pamich, una leggenda in marcia. Da sempre. Da quando aveva 13 anni costretto a marciare per lasciare Fiume, lasciata di gambe, mai di cuore. Una vita sportiva ineguagliata, una vita da testimone che si porta dentro. Novanta anni lo scorso 3 ottobre. Auguri e tanta strada, Abdon. 

Leggi tutto »
Hector Roca

Hector Roca. Il Maestro cambia vita

Hector Roca, Maestro di campioni, stelle di Hollywood e di chiunque alla Gleason’s Gym volesse misurarsi con sé stesso salendo sul quadrato. Ricoverato in ospedale da prima di Natale, ieri notte il cuore lo ha lasciato e gli ha fatto cambiare vita. Perché così fanno i Maestri. Loro non muoiono, vanno solo altrove, e lui è sicuramente di nuovo a bordo ring a insegnare pugni e vita.

Leggi tutto »
José Beyaert

José Beyaert. L’uomo che rubò la maglia gialla

Un ciclista. Un campione con il suo oro alle Olimpiadi di Londra del 1948. Anche ex pugile, però. E anche avventuriero in America Latina, sempre con un piede al di là e uno al di qua della legge. José Beyaert è uno di quegli uomini per i quali ogni definizione non può che calzare stretta. Era simpatico, però. Gli piaceva scherzare e fare burle, proprio come quel giorno al Tour de France.

Leggi tutto »
Mille Miglia

Mille Miglia. La corsa delle corse

26 marzo 1927, a Brescia, è un sabato festante. Da giorni la città è in fermento, ma oggi ci ciamo. Oggi, novantasei anni fa, prende il via per la prima volta la corsa di tutte le corse: la Mille Miglia. Da oggi in poi per le corse su strada sarà tutta un’altra storia, per la Mille Miglia sarà una leggenda.

Leggi tutto »
Paul Elvström

Paul Elvström. Un gigante della vela

Velista scrupoloso, campione come pochi, innovatore capace di migliorare tecnica e regole per chi è venuto dopo di lui, Paul Elvström ha spiegato le vele il 7 dicembre 2016 nella sua Hellerup in Danimarca. Alcuni giorni dopo sul Notiziario del centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale, Carlo Rolandi ne traccia in prima persona un ricordo appassionato che oggi riproponiamo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi