Search
Close this search box.

Ferdinando De Matthaeis. Da Lucera ai Cosmos di NY

Ai più, il suo nome non dirà nulla, ma Ferdinando De Matthaeis, centrocampista nato a Foggia 62 anni fa, giocò nei Cosmos di New York insieme a Franz Beckenbauer e a Giorgione Chinaglia. Una storia speciale, come solo lo sport può regalare.
Ferdinando De Matthaeis Cosmos

Nato nel 1961 ad Alberona, un paesino di poco meno di mille anime nel foggiano, alla fine degli anni ’70 Ferdinando De Matthaeis frequenta il liceo di Lucera. Lì viene notato dai dirigenti della locale formazione di serie D. Con i biancocelesti gioca due campionati. Suo compagno di squadra è Pietro Maiellaro, che successivamente giocherà in serie A con il Bari e con la Fiorentina di Gabriel Batistuta. Le prestazioni del giovane e talentuoso centrocampista non passano inosservate: su di lui puntano gli occhi Avellino, Inter e Perugia. Ma per lui le porte della serie A non si apriranno mai.

Quel matrimonio in New Jersey

Nell’estate del 1981 Ferdinando viene invitato a un matrimonio presso parenti emigrati nel New Jersey. Lì il fratello Leonardo, innamorato del soccer, gli suggerisce di provare a giocare nel campionato USA. Tentato dalla entusiasmante prospettiva, il ragazzo riesce a contattare Long John Chinaglia, all’epoca leggendario centravanti dei Cosmos, strappandogli l’invito per un provino.

Il provino negli USA

Ferdinando De Matthaeis chiede una settimana di permesso al Lucera, guardandosi bene dallo svelare a cosa serviranno quei giorni liberi. Si reca al provino, dove viene selezionato in mezzo a 300 ragazzi come lui. Il Cosmos rileva il suo cartellino dal Lucera per la somma di 100 milioni di lire.

Il contratto

Il 29 luglio del 1981 De Matthaeis firma per i Cosmos negli uffici della Warner Bros, proprietaria della squadra.
Davanti a lui c’è perfino un certo Steven Spielberg. Gli danno un appartamento a Manhattan e un’automobile. Più che un salto di qualità, è proprio un triplo salto mortale ritornato carpiato!

Cosmos 1982
(Cosmos NY 1982)

Lo spogliatoio dei Cosmos

Dalla serie D nella provincia pugliese arsa dal sole e abbandonata a se stessa, il ragazzo si trova proiettato nella gigantesca platea della Grande Mela, a cospetto di giocatori di fama internazionale. In quello spogliatoio, infatti, ci sono Chinaglia, Beckenbauer e l’ala brasiliana Carlos Alberto. Se è per questo, c’è anche il suo idolo assoluto, O Rey Pelè, che ufficialmente ha smesso di giocare, ma resta vicino alla squadra e partecipa volentieri alle partite di beneficenza.

1981-1984

In quattro campionati Ferdinando De Matthaeis timbra 38 volte il cartellino, mettendo a segno 17 reti e fornendo 12 assist. Ma l’interesse intorno ai Cosmos e alla North American Soccer League sta scemando: il pubblico diminuisce a vista d’occhio, molto più attratto dal football, dal basket e dal baseball, e le squadre vengono ridotte fino a quando il campionato chiude i battenti.

Ferdinando De Matthaeis
(Numero 29. Ferdinando De Matthaeis)

L’Italia negata

De Matthaeis si ritrova libero e padrone del cartellino. Tenta il ritorno in Italia: sarebbe felice di sudare la maglia per il suo Foggia, appena retrocesso in serie C. Purtroppo, il regolamento federale parla chiaro: pure essendo italiano, Ferdinando è un professionista proveniente da federazione estera e quindi assimilabile a uno straniero. Niente Foggia per lui.

ferdinando De Matthaeis allenatore
(Ferdinando De Matthaeis allenatore)

Il ritorno negli States

Al giocatore non resta che tornare negli States. Di nuovo Cosmos, poi Brooklyn, New Jersey, Boston. Ma ormai non è più il calcio che conosceva: campionati di 3 mesi che si disputano tra primavera ed estate, e i match 6 vs. 6 nelle arene al coperto. A 29 anni Ferdinando prende il patentino da allenatore e comincia una lunga carriera che dura ancora oggi, alla guida del Miami United, compagine della terza serie statunitense.
Una carriera senz’altro anomala, almeno secondo gli standard a cui siamo abituati. Ma De Matthaeis ha perseguito il sogno di giocare da calciatore professionista, lo ha fatto al fianco di grandi campioni, anche se forse nella fase discendente della loro carriera, e ha saputo trasformare la sua vita di provincia in una splendida avventura cosmopolita.

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

il calcio di Melissa

Il calcio di Melissa

Melissa, 15 anni, grande appassionata di calcio e unica giocatrice della prima squadra dell’ASDD Roma 2000 per disabili visivi. Il racconto di come si è avvicinata a questo sport e le prospettive del domani.

Leggi tutto »
dopolavoro

Storie di calcio perduto. Il Torneo del Dopolavoro

Roma, Tuscolano, Cinecittà, tra gli anni ’50 e i ’60. Una piccola storia di calcio, di lavoro e di Dopolavoro. Una storia che ci restituisce in controluce un mondo che nel frattempo è cambiato più e più volte. Una storia che si intreccia con quella del campo Patti e di un ragazzo andato via troppo presto. Una storia di calcio perduto che non è mai stato minore.

Leggi tutto »
Alberto Sordi

Alberto Sordi e lo sport immaginario

103 anni oggi, maschera iconica del cinema italiano e di uno dei suoi linguaggi originali, nella commedia Alberto Sordi ci porta tutti in scena con vizi e virtù. Anche con lo sport, spesso solo sognato e immaginato. Impossibile però dimenticare anche l’altra versione, quella del Sordi, sullo schermo e nella vita, tifoso di grande passione giallorossa.

Leggi tutto »
Roma-Los Angeles, Paolo Del Brocco

Roma – Los Angeles. Una coppia da Oscar

Los Angeles si tinge di giallorosso con l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale vinto da “Anatomia di una caduta”, coprodotto dalla Neon di cui è socio Dan Friedkin, e con la sciarpa dell’Amministratore Delegato di Rai Cinema, il Cavaliere della Roma Paolo Del Brocco.

Leggi tutto »
genoa

Genoa comunque e ovunque

Una grande storia di calcio, tifo, cuore e passione. Un ritratto corale, una comunità che fa quadrato intorno a passato, presente e futuro. “Genoa comunque e ovunque”, film prodotto da Mattia Mor di Emotion Network e Livio Basoli di Dude Originals per la regia di Francesco G. Raganato, arriva in sala e promette emozioni.

Leggi tutto »
Hasse Jeppson

Hasse Jeppson. ‘O Banco e Napule

1952. Uno svedese sbarca a Napoli. Non un turista, uno dei tanti. Hasse Jeppson è un calciatore, uno che segna tanti goal. Per questo vale tanto: 105 milioni di lire dell’epoca. Un’enormità. Inizia così, tra milioni, polemiche e goal una storia sportiva e di affetto che Napoli non ha mai interrotto.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi