Chi tifa Roma non perde mai

Chi tifa Roma non perde mai. Uno slogan? No, un atto di fede. Dichiarazione di un amore che non tradirai mai e che mai ti tradirà.
CHI è DELLA ROMA NON PERDE MAI

Capita spesso durante una qualche discussione, magari anche vivace, tra amici della stessa squadra di sentire dire quello che è diventato il promemoria della tifoseria giallorossa: Chi tifa Roma non perde mai! dice uno e un altro risponde Ma che significa? Non è per nulla così! Quando si perde, si perde e basta!

Tifosi Roma

Ebbene no!

Questa nostra frase storica ha il suo valore che giustifica la sconfitta proprio perché siamo Romanisti. Poco importa se la squadra ha perso, basta un brevissimo tempo che si torna a sorridere e a cantare perché giallorossi lo siamo sempre, e nella sconfitta siamo ancora di più vicino alla squadra.
Siamo nati per soffrire, è un’altra bella frase che ha accompagnato la nostra fede negli anni, quando la Roma era la Rometta, e pareggiare in casa con una delle grandi del nord era già per sé una vittoria.
Quante partite viste allo stadio con gli occhi pieni di pianto perché eravamo a un passo dalla vittoria e invece, l’esatto contrario.

Roma-Bayern Monaco 1985

Delle tante vissute allo stadio Olimpico ricordo quella che ha dato lezione di tifo a tutti.
La data è una sola: 20 marzo 1985, l’avversario il Bayern Monaco, una partita a livello europeo, importante per i nostri colori, importante per un grande presidente che nei suoi anni dirigenziali avrebbe meritato un trattamento ben diverso da un destino che spesso gli è stato avverso.

(20 marzo 1985. Stadio Olimpico. Che sarà, sarà…)

Il risultato non ho voglia di scriverlo, lo conosce gran parte dei tifosi dai capelli argentati.
Una giornata disgraziata e noi lì, sotto una pioggia incessante a cantare quel “Che sarà, sarà… ovunque ti seguirem…ovunque ti sosterrem…che sarà, sarà..., da brividi, gli stessi che il Presidentissimo Dino Viola ha voluto ricordare i suoi prima “figli” e poi tifosi…
Il tifoso c’era e cantava, come sempre.

Noi siamo la Roma

Poi tanto è cambiato, abbiamo visto tante partite dove siamo stati protagonisti in assoluto di vittorie all’ultimo secondo, ma anche di sconfitte che hanno lasciato il segno negli occhi e nella mente di ognuno di noi.
Abbattersi? Arrendersi? Giammai! Nulla è tramutato, il coro cambia tonalità, ma la passione è rimasta intatta nel tempo.
Noi siamo la Roma e come si sostiene oggi, quando vinci sei di tutti, quando perdi sei solo mia.
Noi, vecchi valori siamo questi, i tifosi che sostengono con più passione e sentimento proprio quando si perde. Poco interessa se il risultato sia eclatante, che la rete amica si sia gonfiata svariate volte. Noi c’eravamo, presenti come nostro solito a sostenere la squadra, perché noi ci siamo e ci saremo sempre!

Roma tifosi

Noi, vecchi valori

Noi, vecchi valori siamo questi, i tifosi che sostengono con più passione e sentimento proprio quando si perde. Poco interessa se il risultato sia eclatante, che la rete amica si sia gonfiata svariate volte. Noi c’eravamo, presenti come nostro solito a sostenere la squadra, perché noi ci siamo e ci saremo sempre!
Oggi la tecnologia ha fatto sì che si sia evoluto anche chi prima aveva soltanto il giornale come mezzo di informazione. Oggi il tifo ha varcato ogni confine e in molti credono di saperne di calcio solo per la parte prettamente agonistica, mentre sugli spalti si vive la stessa intensità e c’è chi storce la bocca se alla fine si esce dallo stadio con zero punti.
Per fortuna che sono solo una parte di tifoseria, noi vecchi valori siamo ben altra cosa.
Il pensiero va oltre i cori comunque, si ingigantisce pensando alle coreografie preparate in segno di una certa vittoria acclarata, e invece la gioia dura solo quegli attimi che precedono l’inizio partita, poi tutto ritorna a essere reale e grigio, vince il sempre chi è più forte.

Tifosi Roma

Roma. Cuore ultras

Tenevo molto a questo mio “pezzo” sulla tifoseria che non conosce sconfitta, o meglio, che recrimina solo per una manciata di minuti per poi ritornare a essere il vero tifoso della Roma, quello che non perde mai, che tira fuori la bandiera e la sventola, che agita la propria sciarpa, ma soprattutto continua a cantare per la sua Roma. Chi porta nel cuore il giallo ocra e il rosso pompeiano, sa bene di cosa sto parlando…
Mi piace a questo punto chiudere questo mio articolo con il pensiero di un’icona della tifoseria, un vero ultras che ha lasciato il segno. Oggi ancora lo ricordiamo con onore e orgoglio per quello che è stato uno dei protagonisti di mille e mille partite, sempre per sempre: “Giallorossi si diventa, perché essere romanisti significa avere tutto e tutti contro, perché ciò non ti affligge ma ti esalta, perché la scelta implica il coraggio, perché io malgrado tutto resterò sempre un cuore da ultras…P.Z.”

 

 

Stefano Trippetta 64 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

grammatica dello spogliatoio

Lo spogliatoio. Grammatica della felicità

Se giocare al calcio significa muoversi dentro un paradigma di vita, senza alcun dubbio è nello spogliatoio, con i suoi codici e i suoi simboli, che si forma la grammatica della piccola felicità, quella che ricorderai per tutta la vita. Se non ci avete mai fatto caso, allora vuol dire che non avete mai giocato in Categoria.

Leggi tutto »
United 2026

United 2026. Il Mondiale che cambierà tutto

Alle vigilia dei Mondiali del 2022, possiamo già pensare ai Mondiali del 2026? Assolutamente sì perché United 2026 saranno radicalmente diversi da tutti i Mondiali precedenti. Grandi distanze, fusi orari diversi, condizioni climatiche diverse e, come se non bastasse, 48 finaliste contro le attuali 32. È abbastanza per dire che i Mondiali del continente americano cambieranno tutto?

Leggi tutto »
El trinche

El Trinche. Maglia numero 5.

Non tutti lo conoscono, ma chi lo ha conosciuto lo ricorda bene. Soprattutto chi lo ha incrociato su un campo di calcio. Si chiama El Trinche e sa fare una cosa sola, giocare a pallone meglio di tutti. A modo suo. La lunga storia del Maradona che non è mai stato. 

Leggi tutto »

Il mio Tredici da informatico

Il Totocalcio, ovvero il concorso a pronostico più popolare e più amato dagli italiani che, per decenni , si sono messi in fila davanti alle ricevitorie per tentare la fortuna giocando una schedina. Qualcuno, però, la fortuna ha provato ad aiutarla. Questa è la storia di chi ci è riuscito.

Leggi tutto »
calcio di guerra trissino

Calcio di guerra. E di onore

Dapprima avversato, poi promosso. Il football non entra a gamba tesa in tempo di guerra, non ci pensa proprio. Il football porta in campo una palla, i suoi principi e il cuore puro dei vent’anni per sempre. È spirito di corpo, quello sì che serve al fronte, ma è diverso. Quello che non cambia è che chi gioca non perde mai, mentre in guerra nessuno vince. Nelle Fiandre prima, in Veneto poi, i signori della guerra le hanno prese di brutto.

Leggi tutto »
oronzo canà

Liberiamo Oronzo Canà!

Oronzo Canà, il Porca Puttena e lo spot della Tim. Ancora una volta il calcio supera il perimetro sportivo e diventa paradigma sociale, di costume e di libertà.

Leggi tutto »
Borgorosso

Totò, Sordi, Banfi. Quando il calcio è cinema.

C’è il calcio giocato, sogni inseguiti, qualcuno infranto. Poi c’è il calcio raccontato, anche questo con sogni inseguiti e qualcuno infranto. Grande giacimento di cultura popolare, il calcio non è mai sfuggito al cinema, che ne ha preso spunto per raccontare storie e tipi umani in tutti i suoi linguaggi, dal comico al goliardico sino a quello intimo e a volte drammatico. Cinema d’autore, cult movie o anche b-movie, quando il cinema ha incontrato il calcio è sempre stato uno spettacolo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi