Search
Close this search box.

Chi tifa Roma non perde mai

Chi tifa Roma non perde mai. Uno slogan? No, un atto di fede. Dichiarazione di un amore che non tradirai mai e che mai ti tradirà.
CHI è DELLA ROMA NON PERDE MAI

Capita spesso durante una qualche discussione, magari anche vivace, tra amici della stessa squadra di sentire dire quello che è diventato il promemoria della tifoseria giallorossa: Chi tifa Roma non perde mai! dice uno e un altro risponde Ma che significa? Non è per nulla così! Quando si perde, si perde e basta!

Tifosi Roma

Ebbene no!

Questa nostra frase storica ha il suo valore che giustifica la sconfitta proprio perché siamo Romanisti. Poco importa se la squadra ha perso, basta un brevissimo tempo che si torna a sorridere e a cantare perché giallorossi lo siamo sempre, e nella sconfitta siamo ancora di più vicino alla squadra.
Siamo nati per soffrire, è un’altra bella frase che ha accompagnato la nostra fede negli anni, quando la Roma era la Rometta, e pareggiare in casa con una delle grandi del nord era già per sé una vittoria.
Quante partite viste allo stadio con gli occhi pieni di pianto perché eravamo a un passo dalla vittoria e invece, l’esatto contrario.

Roma-Bayern Monaco 1985

Delle tante vissute allo stadio Olimpico ricordo quella che ha dato lezione di tifo a tutti.
La data è una sola: 20 marzo 1985, l’avversario il Bayern Monaco, una partita a livello europeo, importante per i nostri colori, importante per un grande presidente che nei suoi anni dirigenziali avrebbe meritato un trattamento ben diverso da un destino che spesso gli è stato avverso.

(20 marzo 1985. Stadio Olimpico. Che sarà, sarà…)

Il risultato non ho voglia di scriverlo, lo conosce gran parte dei tifosi dai capelli argentati.
Una giornata disgraziata e noi lì, sotto una pioggia incessante a cantare quel “Che sarà, sarà… ovunque ti seguirem…ovunque ti sosterrem…che sarà, sarà..., da brividi, gli stessi che il Presidentissimo Dino Viola ha voluto ricordare i suoi prima “figli” e poi tifosi…
Il tifoso c’era e cantava, come sempre.

Noi siamo la Roma

Poi tanto è cambiato, abbiamo visto tante partite dove siamo stati protagonisti in assoluto di vittorie all’ultimo secondo, ma anche di sconfitte che hanno lasciato il segno negli occhi e nella mente di ognuno di noi.
Abbattersi? Arrendersi? Giammai! Nulla è tramutato, il coro cambia tonalità, ma la passione è rimasta intatta nel tempo.
Noi siamo la Roma e come si sostiene oggi, quando vinci sei di tutti, quando perdi sei solo mia.
Noi, vecchi valori siamo questi, i tifosi che sostengono con più passione e sentimento proprio quando si perde. Poco interessa se il risultato sia eclatante, che la rete amica si sia gonfiata svariate volte. Noi c’eravamo, presenti come nostro solito a sostenere la squadra, perché noi ci siamo e ci saremo sempre!

Roma tifosi

Noi, vecchi valori

Noi, vecchi valori siamo questi, i tifosi che sostengono con più passione e sentimento proprio quando si perde. Poco interessa se il risultato sia eclatante, che la rete amica si sia gonfiata svariate volte. Noi c’eravamo, presenti come nostro solito a sostenere la squadra, perché noi ci siamo e ci saremo sempre!
Oggi la tecnologia ha fatto sì che si sia evoluto anche chi prima aveva soltanto il giornale come mezzo di informazione. Oggi il tifo ha varcato ogni confine e in molti credono di saperne di calcio solo per la parte prettamente agonistica, mentre sugli spalti si vive la stessa intensità e c’è chi storce la bocca se alla fine si esce dallo stadio con zero punti.
Per fortuna che sono solo una parte di tifoseria, noi vecchi valori siamo ben altra cosa.
Il pensiero va oltre i cori comunque, si ingigantisce pensando alle coreografie preparate in segno di una certa vittoria acclarata, e invece la gioia dura solo quegli attimi che precedono l’inizio partita, poi tutto ritorna a essere reale e grigio, vince il sempre chi è più forte.

Tifosi Roma

Roma. Cuore ultras

Tenevo molto a questo mio “pezzo” sulla tifoseria che non conosce sconfitta, o meglio, che recrimina solo per una manciata di minuti per poi ritornare a essere il vero tifoso della Roma, quello che non perde mai, che tira fuori la bandiera e la sventola, che agita la propria sciarpa, ma soprattutto continua a cantare per la sua Roma. Chi porta nel cuore il giallo ocra e il rosso pompeiano, sa bene di cosa sto parlando…
Mi piace a questo punto chiudere questo mio articolo con il pensiero di un’icona della tifoseria, un vero ultras che ha lasciato il segno. Oggi ancora lo ricordiamo con onore e orgoglio per quello che è stato uno dei protagonisti di mille e mille partite, sempre per sempre: “Giallorossi si diventa, perché essere romanisti significa avere tutto e tutti contro, perché ciò non ti affligge ma ti esalta, perché la scelta implica il coraggio, perché io malgrado tutto resterò sempre un cuore da ultras…P.Z.”

 

 

Stefano Trippetta 66 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

Battaglie volanti. Colpo di testaFabio Cannavaro

Battaglie volanti. Il colpo di testa tra tattica ed estetica

Cercato, ambito, temuto,il gioco di testa rischia di sparire dai campi? Protagonista indiscusso dell’estetica del calcio, gesto tecnico ambivalente, buono sia per la difesa e sia per l’attacco, il colpo di testa sopravviverà a nuove tattiche e a insorgenti preoccupazioni per l’intergrità fisica dei calciatori?

Leggi tutto »
Attilio Fresia

Attilio Fresia. Oltre confine

Alla voce “pioniere” il dizionario di Oxford dice: “Scopritore o promotore di nuove possibilità di vita o di attività, collegate specialmente all’insediamento e allo sfruttamento relativo in terre sconosciute”. Spesso visionari, sempre coraggiosi. Attilio Fresia, forse né l’uno e né l’altro. È però il primo calciatore italiano all’estero. Non è poco. 

Leggi tutto »
Portiere

Il portiere. Quello vero

Una storia di campo. Un campo della popolosa e popolare periferia romana. La storia di un portiere, uno che “poteva”, ma al quale un destino di traverso gli ha fatto perdere il treno, quello delle grandi occasioni. Poi è tornato a giocare sullo stesso campo. Sempre in porta, naturalmente, e ai bambini che gli chiedono come si fa a diventare portiere, lui svela un segreto.

Leggi tutto »
Ernesto Servolo Vidal

Ernesto Servolo Vidal. Un istriano in Uruguay

Ai mondiali 1950 c’è un italiano nella rosa dell’Uruguay, clamorosamente campione del mondo. Si chiama Ernesto Servolo Vidal. Istriano di Buie, quando ha solo 2 anni la famiglia emigra in Argentina. Come tanti, il destino di Ernesto inizia così. Il suo sarà un destino di pallone e questa è la sua storia dimenticata.  

Leggi tutto »
Enzo Francescoli

Enzo Francescoli. El Principe

A casa sua ha portato tre coppe America. In Argentina è una leggenda del River Plate. In Italia è nella Hall of Fame del Cagliari. A Parigi e Marsiglia giocate come le sue non le hanno più viste. Non c’è classifica che non lo veda tra i primi cento di tutti i tempi e tra i primi venticinque sudamericani. Si chiama Enzo Francescoli. El Principe. La sua palla non ha mai fatto rumore.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi