Michael Johnson. La leggenda con le scarpette d’oro

Ventisette anni fa, Michael Johnson scrive una delle più emozionanti pagine di atletica: il record mondiale fissato in 19”32 con cui batte sé stesso resta illeso per 12 anni e 19 giorni
Michael Johnson

Attenzione al tempo, attenzione al tempo – urla Franco Bragagna –  un siluro, una palla di fucile, attenzione, il primato del mondo! Straordinario, 19”32”. Il pubblico resta in silenzio per qualche secondo, giusto il tempo di gonfiare i polmoni di ossigeno per poi esplodere in un boato. Ventisette anni fa, Michael Johnson diventa leggenda sulla pista di Atlanta.

Michael Johnson più veloce di Michael Johnson

Prima della corsa ho cercato di isolarmi e poi di guardare solo la mia corsia. Ho trovato la concentrazione focalizzando la mia linea e non pensando a nulla rispetto a quello che c’era intorno. Anche quando mi sono messo sui blocchi ho cercato di concentrarmi solo sul rumore dello sparo per avere la migliore reazione possibile”. Isolamento, concentrazione, focalizzazione: questi gli elementi chiave che precedono il primato mondiale di Michael Johnson alle Olimpiadi di Atlanta’ 96 nei 200 metri piani.  Un primato, a dire il vero, che il “soldatino di piombo” aveva già in tasca dopo aver strappato Pietro Mennea (19”72) dal libro dei record ai Trials Americani. Ad Atlanta, quindi, il primato da battere era il suo: 19”66.

Michael Johnson

Anatomia di una corsa a cinque cerchi

Michael Johnson corse i primi 100 metri in 10″12 e la seconda frazione nel tempo stratosferico di 9″20, fermando il cronometro in 19”32. Ripercorrendo con la memoria quel momento testimoniò: “Mentre correvo sentivo che tutto stava andando secondo il piano di gara, che era quello di partire forte e fare il vuoto intorno. Sentivo che stavo correndo benissimo ed ero sicuro di aver battuto il record mondiale. Nei pressi del traguardo mi sono lasciato andare solo dopo aver guardato il cronometro”. 

Record longevi e primato ancora attuale

Quel cronometro non segnò tempi migliori per 12 anni e 19 giorni, fino alla firma di Usain Bolt sui 19”30 a Pechino 2008.
Un pò di più è durato il suo record nei 400: per 17 anni nessuno, prima di Wayde van Niekerk, è riuscito a correre in meno di di 43”18. La consolazione, se così si può definire, è custodita nella staffetta 4×400 del 1993 a Stoccarda: è ancora record mondiale condiviso da Johnson con i suoi compagni a stelle e strisce Andrew Valmon, Quincy Watts e Butch Reynolds. Tempo, 2’54”29.
La sua velocità si è tradotta in 4 ori olimpici e 8 titoli iridati. Primo e finora unico a vincere i 200 e i 400 nella stessa Olimpiade; unico a rimanere in testa nei 400 in due Olimpiadi consecutive (Atlanta 1996 e Sydney 2000). 
Per lui, oggi, non ci sono più boati dagli spalti. Resta però un respiro sospeso destinato a durare in eterno. Il suo incredibile stile di corsa ha caricato sul suo nome l’appellativo di “soldatino di piombo” lasciando incredulo tutto il mondo di fronte ai suoi tempi pazzeschi. Essere il più veloce correndo con il busto eretto e senza la spinta delle braccia fanno ancora oggi di lui qualcosa di mostruoso ed inimitabile.

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Allyson Felix

Allyson Felix e la sconfitta della Nike

Allyson Felix è entrata nella storia dello sport a suon di medaglie olimpiche e mondiali. Dimenticare che noi umani siamo mammiferi e che una mamma difende sempre il suo cucciolo può essere una distrazione fatale. Anche per un gigante come la Nike.

Leggi tutto »
ginnaste di pavia

Le ginnaste di Pavia. Amsterdam 1928

Amsterdam 1928. Nelle Olimpiadi che segnano la prima partecipazione femminile alle gare di atletica, il 10 agosto 12 ragazze poco più che bambine vincono l’argento per la ginnastica artistica a squadre e diventano leggenda dello sport. Sono le ginnaste di Pavia e questa è la loro storia.

Leggi tutto »
Abdon Pamich

Abdon Pamich. 90 anni da campione

Abdon Pamich, una leggenda in marcia. Da sempre. Da quando aveva 13 anni costretto a marciare per lasciare Fiume, lasciata di gambe, mai di cuore. Una vita sportiva ineguagliata, una vita da testimone che si porta dentro. Novanta anni lo scorso 3 ottobre. Auguri e tanta strada, Abdon. 

Leggi tutto »
leggende olimpiche

Leggende Olimpiche

Giampiero Vigorito in “Leggende Olimpiche” racconta 100 storie di atleti che non si sono fermati a gareggiare solo alle Olimpiadi, ma hanno portato lo scontro anche fuori le arene, facendo della propria vita l’allenamento più importante.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi