Search
Close this search box.

Roberto Baggio. L’addio che ancora emoziona

16 maggio del 2004: diciannove anni fa, Roberto Baggio univa uno stadio intero con la sua ultima partita. Dietro lo stadio, tutta l'Italia.
Roberto Baggio

Chi ama il calcio non tiene a mente numeri e date di freddi successi sportivi, ma ricorrenze che hanno un’anima. O un Divin Codino. Ecco perché il 16 maggio del 2004, l’Italia intera non lo ricorda come il giorno in cui il Milan, fresco di scudetto numero 17, sotto la guida di Carlo Ancelotti, sigla un 4 a 2 contro il Brescia, ma come l’ultima partita di Roberto Baggio. Gli applausi sono per lui, a San Siro, al di là delle maglie, in campo e sugli spalti.

Immagini di un addio

L’anima di quella giornata è ferma al 39° minuto del secondo tempo, quando De Biasi lo sostituisce. Era noto a tutti che quegli scarpini stavano percorrendo una strada senza ritorno fuori dal rettangolo verde. E nessuno avrebbe ricordato altro: l’abbraccio con Paolo Maldini, ex compagno di squadra e di nazionale e quel saluto con le braccia al cielo e il sorriso umile di chi, levandosi la fascia, si siede trasformando naturalmente la panchina in un trono.

 

Roberto Baggio

I numeri del numero 10

Giocatore geniale e leader silenzioso, Roberto Baggio ha fornito 155 assist e segnato 277 gol, dai quali non possono essere scardinati compagni di attacco come Borgonovo, Casiraghi, Schillaci, Vialli, Ravanelli, Weah, Andersson, Vieri, Ronaldo, Hubner, Signori e Toni. Spicca, però, quell’impresa da cardiopalma al San Paolo con la maglia della Fiorentina contro il Napoli quando la palla, da metà campo, sembra una sua estensione mentre scarta da solo mezza squadra – portiere compreso – andando a segno sotto gli occhi a dejavu di Maradona. Dall’esordio con il Vicenza al gioco finale con il Brescia, passando per Fiorentina, Juventus, Milan, Bologna e Inter, il numero 10 in tutto disputa 604 partite. Venti anni di carriera che culminano con un Pallone d’Oro in bianconero nel ’93 e 27 reti in Nazionale fino a un argento e un bronzo mondiale.

Baggio

Eterna nostalgia per Roberto Baggio

Da quando Baggio non gioca più, non è più domenica”, cantava Cesare Cremonini nel 2005 senza mai dimenticare, in veste di tifoso del Bologna, che Roberto Baggio fu per la sua squadra un vero e proprio raggio di sole. Le note di questa canzone riavvolgono istintivamente il nastro della memoria della città di Firenze fino a quella protesta del ‘90 che sconvolse le strade arrivando perfino a Coverciano, quando Baggio fu ceduto dalla Fiorentina alla Juve, a malincuore per lui e per i tifosi.

Ammirazione e nostalgia

L’applauso corale di San Siro, quel 16 maggio del 2004, ha conferito all’addio la paternità di una nostalgia inesauribile e di un’ammirazione eterna. Oggi, a 19 anni da quel saluto, circondati da nuovi campioni da ammirare, possiamo testimoniare che ogni campione è come il suo codice fiscale: unico nel suo genere. Per questo, circondati da numeri 10, dichiariamo con certezza che non ci sarà mai più un altro “Raffaello” del calcio.

 

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Helenio Herrera, la normalità del Mago

Hugo Pratt ed Helenio Herrera, un parallelo che al di là delle apparenze è forse meno ardito di quanto possa sembrare. Argentina, avventura e amore per Venezia ricorrono nella vita di tutti e due e all’esoterico Hugo Pratt il soprannome di Mago avrà sicuramente fatto sorridere

Leggi tutto »
Romazzurra

Tifosi in esilio. Il caso Romazzurra

Come vivono la loro passione calcistica i tifosi di una squadra diversa da quella della città in cui vivono? È esperienza più comune di quanto si pensi, in realtà, sia per la vocazione migratoria del nostro Paese, soprattutto nel Meridione, sia perché il blasone delle strisciate spesso esercita un potente richiamo anche per sostenitori abitanti in zone in cui ci sarebbe un ventaglio di scelta maggiore, come nel caso di Roma.

Leggi tutto »
grammatica dello spogliatoio

Lo spogliatoio. Grammatica della felicità

Se giocare al calcio significa muoversi dentro un paradigma di vita, senza alcun dubbio è nello spogliatoio, con i suoi codici e i suoi simboli, che si forma la grammatica della piccola felicità, quella che ricorderai per tutta la vita. Se non ci avete mai fatto caso, allora vuol dire che non avete mai giocato in Categoria.

Leggi tutto »
Demetrio Stampacchia

Demetrio Stampacchia. L’arbitro che morì due volte!

La categoria degli arbitri è sicuramente quella più vituperata sui campi di calcio di tutto il mondo. Sempre sospesi in un equilibrio precario tra le accuse di incapacità e di malafede, spesso ci dimentichiamo che arbitrare una partita di pallone è impresa decisamente ardua. Demetrio Stampacchia da Nola, quella partita l’avrà ricordata a lungo…

Leggi tutto »
Portiere

Il portiere. Quello vero

Una storia di campo. Un campo della popolosa e popolare periferia romana. La storia di un portiere, uno che “poteva”, ma al quale un destino di traverso gli ha fatto perdere il treno, quello delle grandi occasioni. Poi è tornato a giocare sullo stesso campo. Sempre in porta, naturalmente, e ai bambini che gli chiedono come si fa a diventare portiere, lui svela un segreto.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi