Search
Close this search box.

Salernitana. Una storia che fa bene al calcio

Due volte in serie A e due volte retrocessa per un punto, alla sua terza volta la Salernitana proprio per un punto rimane in A. Un punto guadagnato sul campo, ma anche sugli spalti, con un tifo che anche nei momenti più difficili ha partecipato in maniera corale al destino della sua squadra e non l'ha mai abbandonata. Un punto di merito che può fare la differenza. Sicuramente il punto che fa della Salernitana una bella storia di calcio.
Salernitana

Ci sono storie che fanno bene al calcio.
La Salernitana ha una storia che inizia nel 1919 ed è una bella storia.
Ovviamente con tutti i suoi travagli, come tutte le storie di valore che non sono solo copertine, ma anche patemi e sudore.
Oggi, però, la storia della Salernitana è tutta nella foto di copertina, una foro che spirzza gioia da ogni pixel.

Due volte in serie A nei campionati 1947/48 e 1998/1999, da cui retrocede in tutte e due le occasioni per un solo punto, ci torna lo scorso anno con una festa di popolo e questa volta per un punto ci rimane.
L’ultima partita persa ieri in casa per 4 a 0 contro l’Udinese è solo un dettaglio che non rovina la festa, ancora una volta di popolo, che ha visto Salerno vivere una notte di cuore e di bandiere.

La stagione calcistica e societaria della Salernitana è nota alla cronaca.
L’arrivo in serie A dopo un precedente entusiasmante campionato cadetto, il riassetto societario alla luce della normativa che non consente doppie proprietà nello stesso campionato e che ha visto l’arrivo di Danilo Iervolino, il rimettersi in gioco di Walter Sabatini, uomo che non ha mai amato il calcio comodo, il doppio esonero di allenatori – prima Stefano Colantuono e poi Fabrizio Castori – fino all’arrivo di Davide Nicola.

Insomma, cose per cui rimanere con il fiato sospeso ce ne sono state.

In tutto questo, però, c’è altro che ha lasciato con il fiato sospeso e che nulla ha a che vedere con questioni burocratiche o tecniche ed è la grande partecipazione del tifo granata che non ha mai smesso di sostenere e seguire la squadra.
In campi difficili, in partite giocate anche contro ogni possibilità, i tifosi ci sono sempre stati.
È un punto di merito e ci piace, oggi, riconoscerlo.

Il calcio è fatto anche di questo.
Ci piacerebbe dire soprattutto di questo, anche quando le pagine sportive sono catalizzate dagli ingaggi fantastiliardari di paperonesca memoria.
A noi piace il punto di merito, di un tifo, di una squadra e di una città.
E in serie A si rimane anche per un punto.
Alla Salernitana e ai cuori in campo e sugli spalti, buona avventura per la prossima stagione.

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Ernesto Alicicco Bruno Conti

Ernesto Alicicco. Medico e galantuomo di campo

Primi anni ’80, la mia squadra era l’INA Casa, il nostro campo il Moscarelli al Tuscolano, periferia di Roma. Con noi c’è Ernesto Alicicco che per 24 anni sarà il medico dell’AS Roma. Deve insegnarci le pratiche di primo intervento in campo, ma in effetti ci insegna molto di più. A noi, ai calciatori e anche alle loro mamme.

Leggi tutto »
Garrincha

Garrincha, ma adesso che fai?

Il ragazzino di Pau Grande non avrebbe mai dovuto giocare a calcio. Fatto male, dicevano. Il ragazzino invece si è messo la palla al piede e ha stupito il mondo. Il ragazzino lo chiamavano Garrincha e così sarebbe passato alla storia del calcio. Vita, calcio, amori, alcool, dissoluzione. Garrincha è stato un’anima dannata del pallone, ma giocava da Dio ed è impossibile non volergli bene. Per questo, a noi che gliene vogliamo ancora, viene da chiedergli: “Garrincha, ma adesso che fai?”

Leggi tutto »
campetto via Lemonia Roma

La memoria del campetto

Una fotografia che buca il tempo e che racconta di un mondo. Il mondo dei campetti, sterrati di gioco e di vita che hanno costellato la geografia e la memoria urbana di tutte le città che crescevano intorno a sé stesse. Luoghi irripetibili che aleggiano ancora nel racconto di chi li ha vissuti.

Leggi tutto »
Massimo Comparini

Massimo Comparini, romanista spaziale

Luna e Marte sono a portata di mano. Sulla Luna torneremo tra poco e su Marte ci saremo tra non molto. Massimo Comparini è l’uomo dello Spazio in Italia. Di grande passione romanista e Cavaliere della Roma, non esclude che in un prossimo futuro qualcosa di giallorosso non possa andare oltre la Terra. Fantatifo o no, forse c’è da credergli.

Leggi tutto »
rabona

La rabona. Una firma dai passi incrociati

Una simmetria misteriosa, spiazzante. Un gesto atletico che va oltre le regole, un gesto non per tutti, anzi, per pochissimi. Talmente pochi che quando irrompe sul campo di calcio diventa quasi sempre storia. È la rabona, più che una parola e un gesto misterioso, vera fantasia al potere. Delle gambe.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi