Totò, Sordi, Banfi. Quando il calcio è cinema.

C'è il calcio giocato, sogni inseguiti, qualcuno infranto. Poi c'è il calcio raccontato, anche questo con sogni inseguiti e qualcuno infranto. Grande giacimento di cultura popolare, il calcio non è mai sfuggito al cinema, che ne ha preso spunto per raccontare storie e tipi umani in tutti i suoi linguaggi, dal comico al goliardico sino a quello intimo e a volte drammatico. Cinema d'autore, cult movie o anche b-movie, quando il cinema ha incontrato il calcio è sempre stato uno spettacolo.
Borgorosso

Spettacolo nello spettacolo, questo il fil rouge che lega il calcio e attori come Totò, Alberto Sordi e Lino Banfi che ne hanno tradotto per il cinema italiano riti, caratteri e immaginario.
In principio fu Il presidente del Borgorosso Football Club. La commedia diretta da Luigi Filippo D’Amico e uscita nelle sale italiane, nel 1970, cronologicamente non è la più antica a esplorare le realtà di provincia dove il pallone funge da collante sociale di passioni e interessi, ma probabilmente è fra le prime a imprimersi nell’immaginario comune. Un contesto nel quale spiccano le doti interpretative di Alberto Sordi, alle prese con il ruolo di presidente di una squadra calcistica in una località romagnola fittizia, giunta come elettrizzante oggetto di eredità, quasi a compensare un impiego in Vaticano decisamente meno votato alle emozioni. Atmosfere agresti e canti dei galli che scandiscono il tempo degli allenamenti, disegnano un quadro dove l’umorismo sprigionato dai personaggi si muove in mezzo alle relazioni fra padroni e operai, presidente e tifosi, uomini e donne, genitori e figli di uno spaccato d’Italia di oltre mezzo secolo fa.

 

(1958. Gambe d’oro)

Ancora prima

Andando a ritroso, un altro principe della commedia italiana, Totò, veste i panni di presidente di una squadra di calcio, nel film Gambe d’oro di Turi Vasile, datato 1958.
Qualche anno più indietro nel tempo, nel 1953, il regista Anton Giulio Majano racconta con la sua cinepresa le dinamiche di cittadini comuni che intrecciano le proprie esistenze intorno a uno stadio dove è in programma una sfida fra Roma e Napoli. Titolo della pellicola è La domenica della buona gente, dove recita anche una giovane Sophia Loren.

Calcio e cinema
(1970. I due maghi del pallone)

Il filone comico

Dalle prime maschere interpretate da Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, nel 1970, nella pellicola I due maghi del pallone di Mariano Laurenti, il calcio diventa un terreno da deformare per finalità comiche.
Il salto di un decennio in avanti, poi, avvicina ancora di più l’obiettivo della telecamera a umori, tic e nevrosi che accendono le rivalità fra fedi calcistiche.
Nel 1982, Pippo Franco alterna le scelte cromatiche del look del suo personaggio, nel film Il tifoso, l’arbitro e il calciatore di Pier Francesco Pingitore, fra le tinte estreme giallorosse e biancocelesti in funzione del credo romanista del padre e laziale del futuro suocero.

Calcio e cinema
(1982. Il tifoso, l’arbitro e il calciatore)

Oronzo Canà. Un caso a parte

Due anni più tardi irrompe la pellicola destinata a imporsi come autentico cult del genere, L’allenatore nel pallone di Sergio Martino. Ispirato alla vulcanica figura dell’allenatore Oronzo Pugliese, il protagonista è interpretato da un Lino Banfi abile a restituire, rielaborandoli con originalità, gli stereotipi del calcio italiano in ascesa degli anni Ottanta.

calcio e cinema
(1984. L’allenatore nel pallone)

Dalle aspettative irrazionali del calciomercato alla superstizione degli addetti ai lavori, fino al tentativo grossolano di truccare un match. Eppure, il tavolo da cucina di casa Canà è sempre pronto ad accogliere commensali, in nome di uno spirito d’aggregazione popolare e circolare, proprio come il pallone collocato nel titolo. Gag, battute e situazioni equivoche consegnano agli occhi di chi la guarda un’opera consapevolmente non pretenziosa, ma impareggiabile sotto il profilo dell’effetto comico.
L’anno dopo, lo stesso regista girerà Mezzo destro mezzo sinistro – 2 calciatori senza pallone, con il duo Gigi e Andrea ancora nel cast, in una sorta di naturale prosecuzione del filone.   

Il genere drammatico

La solitudine del vecchio dirigente, l’irreversibilità della violenza, il senso di vuoto che accompagna il ritiro del calciatore a fine carriera. L’intersezione fra il tema del dolore e le complesse traiettorie dello sport non manca di essere esplorata in tre soluzioni narrative diverse.

Tognazzi Ultimo Minuto
(1987. Ultimo minuto)

Nel 1987, Pupi Avati dirige Ultimo minuto. A prestare il volto al protagonista è un attore simbolo come Ugo Tognazzi. Il suo personaggio rappresenta una categoria di manager sul viale del tramonto, abituati alle salvezze in extremis delle squadre delle quali conoscono e maneggiano vizi e virtù. Sagome fuoriuscite da un mondo che cederà il passo a un universo dove il legame fra calcio e business è enormemente più profondo.
Il 1991 è l’anno di uscita di Ultrà, di Ricky Tognazzi. Un treno porta un gruppo di tifosi romanisti verso la trasferta contro la Juventus. La zavorra di dolore per un abbandono scoperto detonerà più avanti, liberando un carico di violenza alle cui conseguenze non si potrà purtroppo rimediare.

Calcio e cinema
(1991. Ultrà)

Nel 2001 esce L’uomo in più di Paolo Sorrentino, regista particolarmente sensibile al linguaggio del calcio. E proprio quella terra di mezzo fra i successi della vita d’atleta e la prospettiva di perdere ogni contatto con il proprio mondo, dopo un infortunio, è raccontata dalle sembianze di uno dei due protagonisti, interpretato da Andrea Renzi. Un personaggio leale e solitario che si lascerà andare a una progressiva rinuncia dietro l’altra.       

Italia-Germania 4-3
(1990. Italia-Germania 4-3)

Spostando la partita sullo sfondo

Indugiare sulle emozioni suscitate dal calcio giocato nel campo, o sulle vite fuori dal terreno di gioco e quindi dentro un nuovo campo visivo, è un interrogativo funzionale al film che si sta girando. A questo proposito, forse l’esito più efficace è Italia-Germania 4-3 del 1990, di Andrea Barzini. Se il titolo è immediatamente evocativo di una delle più coinvolgenti partite della Nazionale, la storia che verrà rappresentata non potrà che bilanciarne il carico emozionale. E allora una delle sfide più belle e avvincenti di tutti i tempi resterà a margine della narrazione, come espediente per calamitare all’interno di una villetta tre ex compagni di liceo. Se la partita, ritrasmessa in tv per il suo ventennale, conserva ancora un suo fascino, la giovinezza e gli ideali che accomunavano i tre amici hanno ormai preso il largo. Così, la telecronaca di Nando Martellini cala di tono per lasciare il posto al volume dei dialoghi dei protagonisti, ciascuno alle prese con un proprio senso d’inadeguatezza.     

         

Giuseppe Malaspina giornalista con la passione per il calcio e per le storie. Scrive sul blog www.salvataggisullalinea.it. Ha collaborato con il Resto del Carlino.

ARTICOLI CORRELATI

Gegè Munari, ala sinistra e ambidestro della batteria

Il nostro viaggio non convenzionale tra jazz e sport continua con un artista assoluto, un maestro della batteria che tutti i più grandi del jazz hanno voluto accanto, Gegè Munari che ci racconta la sua musica e le sue passioni, tra jazz, calcio e Napoli di Maradona.

Leggi tutto »
Nicolò Carosio

Nicolò Carosio, lenticchie e whiskaccio

1 gennaio 1933. Appena ieri. Nicolò Carosio con la prima radiocronaca italiana di una partita di calcio, tra lenticchie e whiskaccio, inventa un linguaggio e segna la strada di un’epoca che ancora si mantiene giovane

Leggi tutto »
campetto

Il campetto della Subaugusta

Ci vediamo sul campetto, quello di via Subaugusta, vicino il muro di cinta di Cinecittà.  Alle tre in punto, noi giochiamo con la maglietta bianca, voi tutti gli altri colori.

Leggi tutto »
Il viaggio degli eroi

Azzurri. Il viaggio degli eroi

Se c’è stato un tempo del sogno azzurro, sicuramente è stato in quel Mondiale spagnolo nel 1982. Quando tutto sembrava per essere perduto, tutto invece accadde. Un’avventura del calcio azzurro che il film di Manlio Castagna, con protagonista d’eccezione Marco Giallini, racconta toccando le corde che più ci sono care.

Leggi tutto »
Francesco Fiorini

Francesco Fiorini. La Roma di famiglia

Un racconto in prima persona di Roma, della romanità e del tifo giallorosso, passione che Francesco Fiorini respira da sempre. Complice, ovviamente, papà Lando, indimenticato artista che ha amato Roma e la Roma senza mezze misure. Il racconto della passione di una vita che si trasmette di padre in figlio, ieri e anche domani.

Leggi tutto »

Il Napoli scudetto, liturgia di un amore

Il 10 maggio 1987 non è una data, è un monumento alla vita e alla gioia di una città che vive il suo primo scudetto come un evento corale irrefrenabile. Un evento che va oltre il tifo e che rimane impresso nella memoria di tutti per passare di bocca in bocca e di pagina in pagina ed essere raccontato al futuro. Proprio come in questa storia.

Leggi tutto »
Enrico Ameri

Scusa Ameri…scusa Ameri…

Enrico Ameri passa dall’altra parte del campo il 7 aprile 2004. Ricordarlo oggi significa tornare al mistero del calcio raccontato senza urla, ma con garbo e stile. E oggi “…scusa Ameri…” non è più solo un ritmo, ma un’ammissione di colpa per quello che siamo riusciti o non riusciti a fare dopo.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi