1934. Quella volta che il Napoli giocò ai Mondiali

Oggi siamo abituati alle squadre di calcio che indossano alternativamente tre o quattro versioni diverse delle loro maglie da gioco. Belle, bellissime, ma qualcuna anche orribile, spesso diventano cimeli da collezione da inseguire con passione. Ma ci fu un tempo in cui perfino le Nazionali avevano una sola maglia da gara. E se si confondeva con quella degli avversari, beh, allora si doveva lavorare di fantasia…
1934 Coppa del Mondo Austria-Germania

Estate 1934, Coppa del Mondo. Nell’Italia di Mussolini si gioca  la Coppa Rimet, com’era conosciuta fino al 1970, quando il Brasile di Pelé la conquistò per la terza volta nella storia, aggiudicandosela definitivamente. Una vetrina importante per il regime, un’occasione irripetibile per mostrare al mondo l’ardore e l’efficienza sportiva del popolo italiano. Sedi calcistiche, gli stadi di Torino, Milano, Genova, Trieste, Bologna, Firenze, Napoli e, naturalmente, Roma. La vittoria finale degli azzurri guidati da Vittorio Pozzo (con il risultato di 2-1 sulla Cecoslovacchia nei tempi supplementari) fu salutata in patria da comprensibile entusiasmo. All’estero, per contro, la propaganda antifascista parlò di imbrogli, di favoritismi arbitrali per i padroni di casa, insomma, di vittoria immeritata. Ma, come giustamente afferma anche la Treccani: Chi parlò di vittoria di regime, e furono in tanti fuori dai confini, fu smentito dal bis che quattro anni dopo l’Italia di Pozzo concesse, giocando all’estero e in un ambiente carico di ostilità.

Il Wunderteam austriaco

Checché ne dicessero gli organi di stampa esteri, comunque, la Nazionale di Meazza, di Ferraris, di Monzeglio e di un manipolo di oriundi sudamericani a partire da Guaita e Orsi, era fortissima. L’unica compagine in grado di tenergli testa ai Mondiali 1934 era la Nazionale austriaca, che si era guadagnata il soprannome di Wunderteam, cioè “squadra delle meraviglie”, e che poteva contare sul fortissimo Matthias Sindelar, il “Mozart del calcio”, antesignano del ruolo di falso nueve.
E infatti, come da pronostico, le due squadre si incontrarono in semifinale a Milano il 3 giugno 1934. Il gol di Enrique Guaita al 21’ aprì all’Italia le porte della finale, e mandò i danubiani a contendersi il terzo posto nella finalina contro la Nazionale tedesca (con tanto di vessillo nazista).

1934 Coppa del Mondo Austria-Germania
(Austria-Germania. Napoli, Coppa del Mondo 1934)

E cosa c’entra il Napoli?

Austria-Germania si giocò alle ore 18.00 del 7 giugno a Napoli, allo stadio Partenopeo, ex Ascarelli, davanti a 9.000 spettatori. Arbitro il signor Albino Carraro di Padova. Nonostante l’impeccabile organizzazione italiana, quando le due squadre scesero in campo sorse un problema di non poco conto. E già, perché la divisa della Germania era bianca con pantaloncini neri, e quella dell’Austria… idem!
Per consentire lo svolgimento dell’incontro, una delle due squadre avrebbe dovuto cambiare maglia. Toccò all’Austria, che recuperò nello spogliatoio le maglie azzurre della squadra di casa, il Napoli, e le indossò tra lo stupore e il compiacimento del pubblico sugli spalti dell’impianto del Rione Luzzatti.

1934 Coppa del Mondo Austria-Germania
(Austria-Germania. Napoli, Coppa del Mondo 1934)

Das Wunder von Neapel

Per la cronaca, i tedeschi, veri underdogs della competizione, ebbero la meglio sui cugini, per altro privi del loro “Mozart” in attacco, vincendo con il punteggio di 3-2, nonostante ben due pali colpiti nel finale dall’austriaco Horvath.
Dalle parti di Vienna non la presero molto bene. La stampa parlò di furto ai danni della squadra più forte di sempre. In particolare, la rivista sportiva Der Fußball scrisse: “L’arbitro italiano ha deciso la partita non fischiando alcun fuorigioco.”
Non mancò chi tirò in ballo l’inveterato odio italico nei confronti degli austriaci risalente al Risorgimento. E qualcuno se la prese con le maglie del Napoli, ree di aver confuso i giocatori.
In Germania, invece, i commenti furono di tenore opposto. La propaganda del Reich celebrò quell’inaspettato terzo posto come una vittoria, e i giornali titolarono: “Das Wunder von Neapel”, cioè “Il miracolo di Napoli”.

1934 Coppa del Mondo Austria-Germania
(Austria-Germania. Napoli, Coppa del Mondo 1934)

Oggi non sarebbe successo

Quello dell’Austria fu il primo caso in cui una Nazionale indossò la divisa di una squadra di club, per di più straniera. Dopo quella partita, infatti, ci si pose il problema delle seconde maglie: molte squadre, come è noto, adottarono il bianco. L’Austria, invece, in tempi più recenti sceglierà la maglia rossa, più rispondente ai colori della propria bandiera.

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

Costantino Rozzi

Costantino Rozzi. Il Presidentissimo

Uomo di un pezzo e di una volta, Costantino Rozzi. Uno di quegli uomini che pensano col cuore. Rosso, come i suoi calzini che sono molto più di un simbolo, sono un’etica. Mancano uomini così. Mancano tanto.

Leggi tutto »

Ago

Ago è una parola che punge, ma soprattutto è un nome che fa ancora male.

Leggi tutto »
Andrea Belotti

Belotti. Il canto del Gallo

Il campionato della Roma inizia così, con Andrea Belotti che finisce l’anno sabatico e ritrova la strada del goal. Una strada che un giocatore onesto e di sacrificio come lui merita. È una buona notizia, per lui e per la Roma. Poi c’è la partita e prima ancora l’attesa della partita. Conferme, sorprese, amarezze. È il Gioco. È il bello del Gioco.

Leggi tutto »

Alberto Picco, lo Spezia e la sfida mai vista prima

Alberto Picco di Ulrico non solo è tra i fondatori dello Spezia Calcio, ma ne segna anche il primo goal. Eroe del Monte Nero, a sua memoria eterna è lo stadio cittadino. A sua memoria è lo scudetto d’onore, quello non assegnato del ’43-’44. Da allora cucito sul cuore dei tifosi e dal 2002 cucito con orgoglio anche sulla maglia della squadra.

Leggi tutto »
Nazionale TV

Calcio in TV. La prima volta della Nazionale

Il 24 gennaio 1954, dopo sole tre settimane dall’inizio ufficiale delle trasmissioni in Italia, l’Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche (Eiar), appena diventato Rai (Radiotelevisione italiana), trasmette la sua prima partita della Nazionale: Italia-Egitto 5-1.

Leggi tutto »
campo

In campo si gioca col cuore

Il malore che ha colpito Christian Eriksen nel corso di una partita degli Europei di calcio ha richiamato l’attenzione sui possibili rischi di arresto cardiaco negli sportivi, che sono comunque minori di quelli della popolazione generale (anche se gli studi sono ancora controversi). Indiscutibile invece l’importanza, in questi casi, di effettuare rapidamente interventi medici, quali la rianimazione cardiopolmonare e l’utilizzo di defibrillatori automatizzati esterni. Spiega quanto accaduto Lorenza Pratali dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi