1956. La Buick Centurion XP 301 e l’immagine del futuro

Motorama 1956. La Buick Centurion XP 301 anticipa il futuro, brucia i tempi, ma nonostante bellezza del design e soluzioni innovative, non entrerà mai in produzione e rimarrà sulle strade dei sogni.
Buick Centurion XP 301

Quando Harley Earl nasce, nel 1893, Hollywood non era ancora la fabbrica dei sogni.
Eppure Harley di sogni avrebbe seminato la vita, e non solo la sua.
Figlio di un carpentiere del Michigan che prima diventa falegname, poi inizia a costruire carrozze e dopo ancora, nel 1908, fonda la Earl Automobile Works, Harley diventerà capo stilista della General Motors e sarà tra i designer maggiormente influenti sul futuro e sul suo immaginario.
Un futuro verso il quale Harley si proietta sperimentando linee, forme e soluzioni ardite.
Sarà lui ad inaugurare nel 1951 il filone delle concept car con la Buick Y Job, ma è solo l’inizio.
Nel 1956 accade qualcosa di più, perché la Buick Centurion XP 301 non sarà solo una concept car, ma una prova generale di futuro.

macchina con modella

I Motorama

Harley Earl è talmente innamorato del futuro che intorno alla sua rappresentazione motoristica costruisce una manifestazione di rara suggestione, costosissima, ma capace di affascinare il grande pubblico facendolo sentire già dentro quel futuro che lui aveva non solo immaginato, ma a cui aveva dato forma e stile.
Promossi dalla General Motors, nascono cosi i Motorama, ovvero quanto di più moderno la comunicazione di mercato in quegli anni potesse immaginare.
Non fiere – chiamarli così sarebbe riduttivo -, i Motorama erano veri e propri spettacoli itineranti, moderni nei linguaggi e nella forma, e mostravano al grande pubblico auto da sogno. Che poi, nel futuro, la maggior parte di loro avrebbero potuto solo continuare a sognare quelle auto è un dettaglio trascurabile.
Di base a New York, i Motorama facevano tappe a Boston, Miami, Los Angeles, San Francisco e si sarebbero svolti dal 1950 al 1961.

Buick Centurion xp 301

La Buick Centurion XP 301

È in questa grande rappresentazione dell’immaginario che, nel Motorama del 1956, viene presentata una concept car di particolare fascino che, oltre ad ammaliare per bellezza della linea, mostra soluzioni e dotazioni di un’anticipazione assoluta: la Buick Centurion XP-301, coupè a quattro posti con motore 8 cilindri a V da 325 cv.

Avanti con i tempi

Linea assolutamente futuristica la Buick Centurion incanta il pubblico del Motorama 1956.
Nettamente in anticipo sui tempi – carrozzeria in vetroresina, sedili anteriori a secchiello e non a panchina, poggiatesta, tachimetro indipendente con quadrante girevole, pinne posteriori sulla carrozzeria, tettuccio in vetro amovibile, telecamera posteriore che trasmetteva le immagini su un visore montato centralmente sul cruscotto – la Buick Centurion XP 301 era di fatto un laboratorio a quattro ruote.

Buick Centurion xp 301Curioso notare che, in virtù della telecamera, sulla Buick Centurion XP 301 non erano previsti specchietti retrovisori.
Altra grande anticipazione della mirabolante concept car era il cambio al volante, con una manopola che fungeva da selettore di marcia.
Una nota a parte meritano infine i sedili automatici che, all’apertura delle portiere, scorrevano in avanti o indietro per facilitare l’entrata o l’uscita.

Buick Centurion 1956

America profonda

Mai entrata in produzione seriale, la Buick Centurion XP 301 rimane come esempio di eccellenza del design motoristico e oggi fa bella mostra di sé allo Sloan Museum, Flint, Michigan, Stati Uniti profondi.
Ma è proprio nel profondo che rimangono i sogni.
Poteva forse andare diversamente per la Buick Centurion XP 301?

Marco Panella, (Roma 1963) direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di storia del costume italiano ed heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

1954. La Ford FX Atmos e il sogno del futuro

1954. Al Chicago Auto Show il futuro si chiama Ford FX Atmos, prototipo che non vedrà mai la strada, ma
Leggi tutto >>

Kobe Bryant, il Milan e lo scudetto
Kobe Bryant milan

È a Reggio Emilia che il Milan torna campione dopo 11 anni. È a Reggio Emilia che un ragazzino di
Leggi tutto >>

Passione Roma
passione roma

I Cavalieri della Roma e Sportmemory presentano il progetto narrativo "La mia passione per la Roma", un percorso virtuoso che
Leggi tutto >>

Napoli 10 maggio 1987.–Cronaca di una giornata memorabile
Napoli 10 maggio 1987)

Napoli 10 maggio 1987. Non una giornata qualunque, ma "la giornata memorabile" che fece diventare lo scudetto cuore di un
Leggi tutto >>

Gilles Villeneuve. Ultimo giro.
gilles villeneuve

Gilles Villeneuve, giovane, coraggioso, spesso fortunato tranne l'ultima volta, l'8 maggio '82, quando entra nella leggenda dell'automobilismo.

Ayrton Senna. Quel giorno a Imola
Ayrton Senna

Ayrton Senna. Quel giorno a Imola Iolanda Pozzi era in tribuna. Ha letto il nostro articolo e ha voluto inviarci
Leggi tutto >>

Ayrton. Dritto al cuore
Ayrton Senna

Ayrton Senna. Dritto al cuore, come una curva che non finisce mai, come una parola detta con Dio, come un
Leggi tutto >>



La nostra newsletter
Chiudi