Blitzen Benz. L’estetica della velocità

Daytona Beach, 23 aprile 1911. Su spiaggia dura e battuta, stretto tra dune e oceano, Bob Burman spinge la Blitzen Benz a 228,10 km/h. È record mondiale e lo rimarrà per qualche anno. Complice la casualità e la tecnica fotografica del tempo, l'immagine ci restituisce come forse nessun altra l'estetica della velocità in tutta la sua suggestione.
Blitze Benz record 1911

Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità. Un automobile da corsa col suo cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall’alito esplosivo…un automobile ruggente, che sembra correre sulla mitraglia, è più bello della Vittoria di Samotracia.
Così scrive Filippo Tommaso Marinetti sul manifesto del futurismo il 20 febbraio 1909.
Il secolo è iniziato all’insegna dei motori, della velocità che lima il tempo e avvicina distanze. Nulla sarà più come prima.
Due anni dopo, il 23 aprile 1911 a Daytona Beach, Bob Burman su Blitzen Benz tocca i 228,10 km/h e stabilisce il record mondiale di velocità.
La velocità è avveniristica, la foto è straordinaria.

Estetica assoluta

Non ho idea se Marinetti abbia mai visto questa foto, ma trovare una sintesi più potente del quinto punto del Manifesto sembra difficile.
La fotografia ci restituisce un’immagine di dinamica assoluta, ci contagia con la sua tensione ideale, ci suggestiona con una rappresentazione di velocità pura che, insaziabile, pare tendere verso una soglia spazio-temporale per andare oltre ancora e scoprire l’impossibile.
Complice una tecnica fotografica che con la velocità deve ancora prendere le misure, l’immagine della Blitzen Benz protesa per forare il tempo, della velocità è icona estetica casuale, ma di rara perfezione.

BLITZEN BENZ

La Blitzen Benz

21.503 cm3, 4 cilindri in linea, 200 cv, la Blitzen Benz è un mostro pensato e costruito per la velocità.
Progettata dal pilota di grandi successi Victor Emery sulla base di un precedente modello Benz da 15.095 cm3, nelle mani di Bob Burman la Blitzen manterrà fede alle sue premesse e il record di velocità sarà suo.
Almeno per qualche tempo, perché in quegli anni la politica dei record è strumento commerciale maneggiato da tutti i costruttori di automobili.
Il record della Benz, infatti, durerà fino al 12 febbraio 1919 quando Raffaele De Palma, pugliese di Biccari e naturalizzato americano come Ralph, sempre a Daytona Beach toccherà i 241,20 km/h su Packard 905.  Record riconosciuto solo negli USA, ma questo nulla toglie all’impresa.

Daytona

Nella storia e nell’immaginario dei motori, non è seconda a nessuno.
La Nascar nasce a Daytona nel 1947 dove, dieci anni dopo, si inaugura l’International Speedway, circuito tra i più fascinosi e suggestivi al mondo.
Tutto questo, però, probabilmente non ci sarebbe stato senza Daytona Beach, ovvero quella fettuccia di sabbia stretta tra oceano e dune che si stende da Ormond Beach fino a sud di Daytona.
È a Daytona Beach, su un circuito basico di due rettilinei e quattro curve che li uniscono, che negli anni dei motori ruggenti corrono grandi campioni dell’automobilismo e si stabiliscono record su record.
Il primo il 27 gennaio 1904, quando William K.Vanderbilt fa segnare 148,54 km/h alla sua Mercedes.
L’ultimo in assoluto su spiaggia, fissato il 7 marzo 1935 da Malcom Campbell che su Blue Bird tocca i 445,32 km/h.
Nel mezzo il record della Blitzen Benz e del nostro Bob Burman.

BLITZEN BENZ

 

Bob Burman

Pioniere della velocità, Bob Burman è uno dei piloti più straordinari del suo tempo.
Prima collaudatore e poi pilota, Burman della velocità farà il tratto distintivo della sua vita. Voluto da William Durant, fondatore della General Motors che lo assume insieme ai fratelli Chevrolet, tecnicamente crescerà con il team Buick.
Corre e vince Burman. Su strada, su circuiti come nel neonato di Indianapolis dove nel 1911 corre la prima edizione della 500 miglia e dove corre ancora nel 1912, nel 1913 e nel 1916. Stabilisce record Burman, quello con la Blitzen Benz, ma anche altri.
L’8 aprile 1916 alla Corona Road Race, Burman corre su una Peugeot. Con lui a bordo Erick Schrader, il meccanico di corsa.
È qui che il tempo impazzisce. Uno pneumatico scoppia, la macchina vola, si ribalta. Pilota e meccanico non hanno alcuna protezione, lo schianto è fatale per loro e per tre spettatori che vengono travolti.
Bob Burman, veloce fino all’ultimo istante, aveva 32 anni.

 

 

 

 

 

 

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Indianapolis 1909

Indianapolis 1909

19 agosto 1909. 133 ettari di terreno agricolo diventano un tempio dei motori. Si corre la prima corsa sull’Indianapolis Motor Speedway. La leggenda nasce così.

Leggi tutto »
Dorothy Levitt

Dorothy Levitt. Pistola o specchietto?

Prima donna a consigliare di usare uno specchietto per guardarsi alle spalle mentre si guida, Dorothy Levitt, pioniera inglese in campo automobilistico e non solo, porta sia sul campo di gara che fuori un gran desiderio d’indipendenza.

Leggi tutto »
Anna Maria Peduzzi

Anna Maria Peduzzi. La misteriosa “Marocchina”

Una vita da corsa quella di Anna Maria Peduzzi . Una vita che nel 1933 la vede entrare per prima e giovanissima nella scuderia Ferrari e che, con varie scuderie,la vedrà correre fino al 1961. Una vita di cui condividerà misteri e passione con Gianfranco Comotti, marito e pilota anche lui.

Leggi tutto »
Antonio e Alberto Ascari

Gli Ascari. La maledizione dei numeri

Antonio e Alberto Ascari. Una vita da campioni, destini sfortunati, ma anche una maledizione di numeri ricorrenti. Possiamo chiamarle coincidenze, ma Alberto Ascari alle coincidenze non ci credeva.

Leggi tutto »
Beryl Swain

Beryl Swain. Una storia inglese

1962. Isola di Man. Beryl Swain è la prima donna solista a partecipare al Tourist Trophy. È così che scopre che il vero rischio non è la velocità, ma essere una donna in motocicletta in un mondo di uomini.

Leggi tutto »
Lorenzo Bandini

Lorenzo Bandini. Il bravo ragazzo

7 maggio 1967. Montecarlo. Lorenzo Bandini è in seconda fila dietro Jack Brabham. La pole position gli è sfuggita di un soffio, ma non importa; è lì e vuole fare la sua corsa. O meglio vuole fare sua la corsa. Tra una partenza più difficile del previsto, la rincorsa alla posizione di testa e l’arrivo sognato, il destino di Lorenzo prende il volo in una chicane e diventa fuoco e fiamme.

Leggi tutto »
Joan Newton Cuneo

Joan Newton, il ‘900 e il demone della velocità

Joan Newton entra nel ‘900 al volante. Nel 1902 la sua prima automobile, nel 1905 la sua prima partecipazione a una gara ufficiale. Talento naturale, intraprendente, coraggiosa, nel 1909 il divieto di iscrizione femminile a gare automobilistiche organizzate dall’American Automobile Association non la ferma. Sarà lei a decidere di farlo, ma solo nel 1914 e, ancora oggi, la sua storia ci ricorda che il talento non ha genere e che praticarlo non può essere un lusso per nessuno.

 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi