Fiume, il calcio e la dignità ritrovata

Fiume significa tante storie. Questa è la storia del suo calcio e dei campioni fiumani che hanno poi vestito tante altre maglie lasciando un segno che va oltre i goal fatti. Questa è la storia di una dignità ritrovata.
Olympia Fiume

Quando l’Olympia Fiume crea la sezione calcio, quattro altre discipline – atletica, boxe, ciclismo, nuoto – sono già avviate da un paio d’anni.
Siamo nel 1906 la passione è tanta, gli avversari pochi.
Tocca sfidare i marinai delle navi straniere che attraccano in porto.
È un goal del 1908 che cambia la storia del  calcio a Fiume, un goal che piega la sicumera di un equipaggio inglese, ma che fa anche scattare la scintilla per richiedere l’affiliazione alla federazione interregionale.

La Fiumana Calcio

I successi per l’Olympia Fiume non mancano.
Campione cittadino (Gloria ed Esperia i rivali più acerrimi), regionale (contro l’Edera Trieste) e anche di III e poi II divisione Venezia Giulia.
È così che arriva il momento di pensare in grande.
Si punta alla massima divisione nazionale e il 2 settembre 1926 l‘Olympia Fiume si fonde con il Gloria e nasce la Fiumana, colori sociali il rosso cardinale, giallo e blu ispirati al cremisi, oro, indaco dello Stato Libero di Fiume.

Una storia di campioni

La storia dell’ Olympia e della Fiumana la scrivono tanti giocatori che hanno calpestato l’erba rada del Borgomarina, oggi Kantrida Stadium.
Rodolfo Volk cento e passa reti con la Roma, Ezio Loik immortale, Marcello Mihalich primo azzurro fiumano, Andrea Kregar centrattacco di ferro, i fratelli Varglien per tutti.

I fratelli Varglien che giocatori!

Giovanni, classe 1911, per tutti Varglien II, per gli amici Nini. A 17 anni esordio nella Fiumana, l’anno dopo nella Juve che si attrezza ad entrare nella leggenda. Può giocare dappertutto e non sempre questo gli assicura una maglia da titolare. Ciononostante colleziona 410 presenze, 42 reti e dovrà aspettare Boniperti per vedersi sfilare il primato di incontri disputati in bianconero (che poi sono anche i colori dell’Olimpia).

Mario è Varglien I, anche lui alfa a Fiume – sei anni più grande del fratellino – omega a Trieste. Olympia, Pro Patria e 14 anni di Juve con 402 presenze, 32 reti. Il cinese è mediano tosto vero, moschettiere di Pozzo nella prima grande impresa mondiale del nostro calcio.

L’ultima partita

L’ultima partita della Fiumana Calcio si gioca in un pomeriggio di primavera 1943.
Dopo è solo rimozione in campo e fuori, e la storia fatica ancora a dire della tragedia.

 La dignità ritrovata

Eppure dalla cenere come l’uccello di fuoco la Fiumana torna oggi a volare nel ricordo.
L’HNK Rijeka ritrova dignità, non nasconde più le proprie radici (Gloria, Olimpia), sceglie i colori della Fiumana per la seconda maglia, e una terza maglia con i colori di tutte e tre le squadre fiumane per la stagione in corso.

È giusto così perché alcune partite non finiscono mai al ’90 e seduti in curva o in tribuna di alcuni stadi non ci sono solo tifosi spettatori, ma testimoni.

Roberto Amorosino romano di nascita, vive a Washington DC. Ha lavorato presso organismi internazionali nell'area risorse umane. Giornalista freelance, ha collaborato con Il Corriere dello Sport, varie federazioni sportive nazionali e pubblicazioni on line e non. Costantemente alla ricerca di storie di Italia ed italiani, soprattutto se conosciuti poco e male. "Venti di calcio" è la sua opera prima.

ARTICOLI CORRELATI

Fabio Branchini calcio

Il calcio. La mia vita fortunata

Una vita sui campi, dal torneo parrocchiale alla Primavera della Roma, da calciatore ad allenatore, dalla Nazionale giovanile di Malta alla Nazionale militare italiana. Una vita di calcio, di passione e di divertimento. Una vita di scelte fortemente volute. Una vita fortunata, perché scegliere aiuta sempre la fortuna.

Leggi tutto »
Curva Sud

Destinazione Curva Sud. Diario di un romanista

Cinecittà-Stadio Olimpico, destinazione Curva Sud. Fine anni sessanta, la prima volta allo stadio in compagnia di un amico più grande, la prima volta con una bandiera vera tra le mani. Il diario di un romanista per un viaggio del tempo e nel tempo.

Leggi tutto »
SEAGULLS

Il volo dei Seagulls

Oggi il Brighton and Hove Albion (B.H.A) è una delle squadre più cool del momento, è nelle zone alte della Premier League e pratica un calcio piacevole, secondo le idee di uno dei nostri migliori allenatori giovani da esportazione, Roberto De Zerbi.

Leggi tutto »

Jordi Cruijff. Di padre in figlio

Johan Cruijff, il Pelé bianco, ha sovvertito le regole del calcio inventando spazi e traiettore dove non c’erano o comunque dove altri non osavano andare, ma non lo ha fatto solo in campo. Lo ha fatto anche con il nome del figlio, chiamato Jordi per amore della terra che lo aveva accolto, la Catalogna, e della squadra che riuscì a plasmare a sua misura, il Barcellona.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi