Search
Close this search box.

Fedayn. E quanno more er prete…

La Curva Sud è passione e amore sconfinato per la Roma, la sua storia, i suoi colori e la sua maglia. Una passione che passa di generazione in generazione, di padre in figlio e che in Curva trova la grande famiglia del tifo popolare. Una famiglia scossa dalla violenza subita dal gruppo storico dei Fedayn e che la violenza deve sommergere di silenzio, indignazione e indifferenza. Noi le fiamme ce le abbiamo nel cuore e il nostro cuore brucia solo per amore dei colori e della maglia.
Fedayn

E quanno more er prete…
Così inizia il coro di uno dei più importanti gruppi di tifosi romanisti, i Fedayn, che proprio un anno fa hanno celebrato il loro cinquantesimo anno di presenza in quello spicchio di Curva Sud reso celebre da nomi storici della tifoseria giallorossa. Uno su tutti Roberto Rulli, vera e propria icona del tifo romanista.
Protagonisti di mille e mille partite, in casa e fuori, in Italia e in Europa, tutti sanno quanto siano importanti le tifoserie organizzate e quanta storia ci sia dietro un nome e una pezza.
La pezza, come la chiamiamo noi curvaroli, non è solo uno striscione di stoffa; è sacrificio, amore, passione.
Nei giorni scorsi la pezza dei Fedayn è stata protagonista di una maledetta storia di rivalità, odio e violenza. Prima rubata con un agguato pianificato nei minimi dettagli e poi bruciata.

È notte fonda mentre scrivo.

Davanti a me scorrono ancora una volta le immagini che mai mi sarei aspettato di vedere. 
I social sono impietosi, conservano anche quello che non vorresti più vedere: striscioni capovolti, scritte inneggianti violenza, “Avete scelto amici sbagliati” hanno anche scritto. 
Sono immagini raccapriccianti di fiamme che oltraggiano, ma che non possono cancellare un gran pezzo di storia di tifo.
Nulla possono ripsetto al cuore di gente che per quella pezza si danna l’anima per una settimana intera.
Mi spacco la schiena per arrivare a stare con te una volta alla settimana, novanta minuti di amore, isolato da tutto e tutti…”. Quante volte l’abbiamo detto, quante volte lo abbiamo sentito dire!

Fedayn

Il futuro da riprendere

Quello che è successo pesa come un macigno e, soprattutto, rischia di innescare un meccanismo perverso e maledetto nel futuro delle tifoserie. Il mondo ultras mi appartiene in tutta la sua storia, i miei anni, trentasette di appartenenza alla Curva Sud, mi portano a rivedere persone e personaggi che hanno reso la mia Roma calcistica grande, immensa, unica.
Un grande amore. Un grande amore che deve beffare la violenza ignorandola. Solo così ne usciremo.

Amore oltre ogni logica

Non c’è nessuna “grandezza” nell’essere stati protagonisti di una conquista (?) a tradimento, colpendo alle spalle, tanti contro pochi, per riuscire a portare via qualcosa che vale molto di più di una palla di cuoio. Bandiera, sciarpa e pezza sono parte integrante di un amore sconfinato, a volte oltre ogni logica, e noi di Curva sappiamo bene cosa significa. Per noi la pazza gioia di essere romanisti è un’aforisma che ci lega tutti insieme, generazioni fianco a fianco.
Oggi, dinanzi a tanta violenza vigliacca, ancora di più dobbiamo difendere il tifo popolare della curva dal tifo violento di frange che nulla hanno a che vedere con l’idea di calcio e di amore per la maglia che noi abbiamo.

In Curva come sempre

Si dice nel mondo ultras che un avvenimento del genere porti allo scioglimento del gruppo offeso. Non sono per nulla d’accordo.
Un gruppo come quello dei Fedayn deve continuare a vivere la propria storia, a occupare quello spicchio di stadio e a far partire i cori come ha sempre fatto, da oltre cinquant’anni a oggi.
Oggi i Fedayn non sono soltanto Podere Quadraro, sono la Roma e i tutti i suoi tifosi.
Oggi, anche se il cuore brucia, l’unica risposta possibile rimedio è sommergere la vigliaccheria con il silenzio e l’indifferenza totale.
Il gruppo dei Fedayn deve rimanere al suo posto, compreso lo striscione. Non sarà la stessa storica pezza, ma poco importa alla gente di Curva, agli ultras, quelli veri, che sugli spalti portano il cuore e che non si fanno forti dietro un atto vandalico.

Cuore vs. violenza

Questa è soltanto la mia modesta opinione da innamorato della Roma che non vuole alimentare altre polemiche né buttare altra benzina sul fuoco. Di fiamme ne abbiamo già viste abbastanza.
Io lo so cosa significa. Io ho
cantato per anni contro Vincenzo Paparelli, tifoso laziale morto per colpa di una scellerata violenza, senza stare a pensare che quell’atto disgraziato ha tolto la vita a una persona che quel pomeriggio non è tornato a casa da chi gli voleva bene. 
Ho capito dopo, ma ho capito e per questo, oggi, quelle immagini di violenza mi rivoltano il cuore.
Il tifo popolare della Curva non merita questo.
Il tifo popolare è passione e la nostra è immensa: si chiama Roma.

Stefano Trippetta 66 anni, romano. Scrittore non per vocazione ma solo per passione rivolta alla città che fortunatamente mi ha voluto, scelto e cresciuto. Attraverso il filtro di una buona memoria sono riuscito a dividere questa grande madre: da una parte la Roma del cuore, la Lupa, tatuata con orgoglio; dall'altra quella razionale legata a ogni tipo di cambiamento, atteggiamento, costume.

ARTICOLI CORRELATI

Bobby Charlon

Bobby Charlton. Signore del calcio

Una bandiera, un simbolo. Questo è stato Bobby Charlton per il Manchester United, l’Inghilterra e per chiunque ami il calcio. Una vita di campi, goal, applausi e successi. Una vita che ha saputo vivere anche fuori dal campo, impegnandosi in attività di assistenza e beneficienza. Una vita con tre anni di silenzio, gli ultimi, quelli della demenza senile. Mi piace pensare che anche quelli siano stati anni di gioia in cui, semplicemente, ha parlato una lingua che potevano capire solo i suoi fratelli, i Busby Babes andati avanti prima di lui.

Leggi tutto »
Ina Casa

Ina Casa. Una storia di calcio di quartiere

Ina Casa, poi campo Moscarelli, asse tuscolano della periferia romana. Una piccola storia preziosa del calcio romano raccontata in prima persona da un testimone che ha vissuto il campo e il quartiere. Una piccola storia, una di quelle che maturano lontano dai riflettori e dalle prime pagine. Una piccola storia che a noi piace chiamare grande.

Leggi tutto »
Gigi Riva

Gigi Riva, Zagor e Tex Willer

Giocavamo con le Superga in tela blu, i mocassini e persino gli improbabili sandali estivi, ma chi di noi non ha urlato mentre smarcava e spintonava per arrivare a rete “…Rivaaa, Rivaaa, ecco Riva…tiro…goaaaallll!!!” e poi via, braccia al cielo proprio come fossimo lui. Proprio lui che nessuno di noi era, ma che tutti noi sognavamo di essere.

Leggi tutto »
Kaiser Raposo

Kaiser Raposo. L’anticalciatore

Per oltre due decenni, Carlos Raposo ha ingannato numerosi club di calcio fingendosi calciatore, pur non sapendo giocare. Tra finzione e realtà, questa è la folle storia di “Kaiser”

Leggi tutto »
VAR

Il calcio aVARiato

Una riflessione laica sul VAR. Una riflessione che tra gioco, filosofia e tecnologia, sottolinea il progressivo smarrimento del senso del gioco. Una riflessione che mette in campo la necessita di scegliere tra calcio e calcio aVARiato.

Leggi tutto »

Ago

Ago è una parola che punge, ma soprattutto è un nome che fa ancora male.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi