Search
Close this search box.

Rebecca Busi. Al via il suo terzo Rally Dakar

Una sfida di 8.000 km di deserto arabico. Prende il via il Rally Dakar con Rebecca Busi che affronta per la terza volta la leggendaria corsa nel deserto, dopo esserne stata nel 2022 la più giovane partecipante italiana di sempre. Torna dopo aver conquistato il 4° posto del Campionato Mondiale di Rally Raid nel 2023, piazzamento mai ottenuto prima da un’italiana.
Rebecca Busi

Per Rebecca Busi, la Dakar è una questione di famiglia. Suo padre è stato il primo rallysta di moto con tre partecipazioni al leggendario Pharaon’s Rally, spingendola (forse senza neanche accorgersene) a inseguire, e coronare, un sogno condiviso.
La passione per le quattro ruote inizia presto: nel suo album dei ricordi una foto la ritrae, bambina, su una macchinina targata “Reby01”: è lì, dietro il volante della sua prima auto, che passa buona parte dei pomeriggi della sua infanzia, sognando di diventare pilota. Una passione che non l’ha mai abbandonata e che oggi, a ventisette anni, la porta alla vigilia della sua terza Dakar, la più celebre e storica gara su due e quattro ruote.

La prima Dakar

La sua prima partecipazione risale al 2022 quando, a soli venticinque anni, è diventata la più giovane italiana ad aver mai partecipato alla competizione senza aver mai corso un cross country rally prima. “Ho investito tutto nella Dakar 2022” scrive sul suo sito, sottolineando l’impegno e la testardaggine che l’hanno condotta fin sul tetto del mondo o, per meglio dire, in cima alle alte dune dell’Arabia Saudita. Aspetto fondamentale è stata la costante presenza da parte dei genitori: le prime gare a fianco del padre come navigatrice e il sostegno della madre nel convincerlo a darle una chance. Ed ecco che, nell’arco di pochi mesi, Rebecca ha venduto la sua macchina e ha chiesto come regalo di laurea (in Economia) i soldi rimanenti per poter affrontare la sua più grande sfida fino ad ora, la Dakar appunto.

Rebecca Busi

Il suo allenamento

Vera gara estenuante, il Rally Dakar (chiamato già la Parigi-Dakar quando iniziava dalla capitale francese) offre percorsi accidentati, tempeste di sabbia e imprevedibili cambi di clima. L’edizione del 2024, la quarantaseiesima, si terrà in Arabia Saudita dal 5 al 19 gennaio; partenza dalla città di Aiula e  arrivo a Yanbu, sulla costa del Mar Rosso con 7900 chilometri ricchi di paesaggi mozzafiato come il deserto dell’Empty Quarter e l’oceano di sabbia di Rub Al Khali. Per essere pronta a tutto Rebecca Busi ha deciso di affidarsi ad un mental coach che la aiuterà a superare i momenti di eccessiva tensione. A livello tecnico, Rebecca Busi ha passato due settimane di preparazione nel deserto di Atacama, in Cile, spingendosi tra sterrati e dune simili a quelle che affronterà adesso. Il suo copilota sarà Seguo Lafuente; con quindici edizioni all’attivo, una vera Dakar Legend. Il padre non la perderà mai di vista; la seguirà con la macchina dell’assistenza, esattamente come ha già fatto durante la sua prima volta in gara.

Rally Dakar Busi

Sfide di ogni genere

Ma la sfida di Rebecca Busi non è solo contro gli altri piloti e contro sé stessa, ma ha ben presto assunto un respiro più ampio. In un paese come l’Arabia Saudita dove, solo dal 2018, è stato concesso  alle donne di possedere la patente, nel 2022 Rebecca ha deciso di mettersi dietro il volante della sua Maverick Can Am X3 XRS RR indossando un casco arcobaleno, lanciando così un messaggio chiaro e distinto.
Oltre ai simboli, Rebecca Busi la sua rivoluzione però già l’ha fatta, infrangendo il tetto di cristallo in un mondo prettamente maschile, come quello delle corse automobilistiche. “Non è una mia ambizione, il mio unico desiderio è correre. Ma sono certa che, se la mia storia fosse conosciuta, magari qualche ragazzina che vuole iniziare a correre e pensa di non potercela fare si sentirebbe meno sola. Ecco, se riuscissi a dare speranza anche a una sola ragazza, ne sarei felice”, ha ammesso in più occasioni.
La sua è una storia di coraggio e passione che non si limita solo al mondo delle corse: quest’anno segna anche la sua prima apparizione come attrice in un film italiano. Suo il ruolo di Fabrizia Pons, unica italiana nella storia a conquistare punti sia come navigatrice sia come pilota, nel film “Race for Glory” dedicato al mondo del rally a fianco di Riccardo Scamarcio.

Rebecca Busi

Il Team Onlyfans

Il suo essere a cavallo fra i Millenials e la generazione Z le ha reso possibile costruire con facilità una piattaforma social su cui condividere il suo lavoro. Per questo motivo, la piattaforma Onlyfans ha scelto di credere nel suo sogno, contattandola per formare un team tutto al femminile, in compagnia di un’altra pilota italiana, Giulia Maroni. Il suo canale sulla piattaforma è interamente dedicato al mondo dei rally e dei motori in cui condivide giornate di allenamento e di gara, offrendo uno spaccato veritiero sulle vittorie e le delusioni che ogni pilota affronta.
Rebecca Busi a oggi è stata la più giovane partecipante italiana a partecipare alla Dakar, attrice in un film internazionale e si prepara nuovamente a stupire nel deserto saudita.
Cosa altro ci si può aspettare da un’atleta simile?
Solo il tempo può dirlo, nel frattempo Rebecca riscalda i motori.

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Sea Bird

Sea Bird. La crociera atlantica da Providence a Roma

Nel 1912 la rivista “Lega Navale” pubblica un’intervista al comandante del Sea Bird, l’anglo-americano Thomas Fleming Day, arrivato in Italia dopo una storica traversata atlantica con un piccolo yawl di solo 25 piedi e un misterioso messaggio del sindaco di Providence per il sindaco di Roma. Un racconto sparito che torna a nuova vita e nuovi lettori.

Leggi tutto »
Maurice Tillet

Maurice Tillet. L’Angelo Francese

Oggi conosciuto dal grande pubblico come colui che, probabilmente, ha ispirato il personaggio dell’orco verde Shrek, Maurice Tillet è stato uno dei più grandi wrestler del secolo scorso. La storia però è più complicata di così, complice un angelo e tanta fortuna.

Leggi tutto »
José Beyaert

José Beyaert. L’uomo che rubò la maglia gialla

Un ciclista. Un campione con il suo oro alle Olimpiadi di Londra del 1948. Anche ex pugile, però. E anche avventuriero in America Latina, sempre con un piede al di là e uno al di qua della legge. José Beyaert è uno di quegli uomini per i quali ogni definizione non può che calzare stretta. Era simpatico, però. Gli piaceva scherzare e fare burle, proprio come quel giorno al Tour de France.

Leggi tutto »
Derek Dougan

Derek Dougan. L’amico di George Best ossessionato dal rock psichedelico

L’arguto baffetto di Derek Dougan, amabile ribelle di un calcio di periferia, ci ricorda le origini operaie e sociali del football. Anni andati, di uno sport che si divideva tra passione e voglia di evadere. Derek, bomber, stile irlandese e amico di un genio assoluto come Best, fu girovago del calcio, ma talvolta a fregarlo fu la sua immensa ossessione per il psychedelic-rock. A ricordarlo, i lupi gialli delle “Wolves” e soprattutto il misterioso singolo “A Goal for Dougie”.

Leggi tutto »
Perù Cubillas

Perù. Una storia da mondiale

Brasile 5, Argentina 3, Uruguay 2. Dieci mondiali di calcio. È dura in Sudamerica per tutte le altre selezioni. Il Perù non è mai andato oltre il quarto di finale. Eppure vanta un record tutto suo.

Leggi tutto »
sinner bagnania

Jannik Sinner e Pecco Bagnaia. Campioni ed esempio.

Jannik Sinner e la squadra della Coppa Davis. Pecco Bagnaia e il team della Ducati, l’altra rossa italiana. Una domenica di sport, una straordinaria domenica di campioni e di vittorie a lungo attese. C’è anche altro però. Ci sono campioni che danno l’esempio.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi