Roma, l’insolita città del trekking urbano

C'è una città invisibile dietro ai panorami abituali. Una nuova e originale Guida svela quindici percorsi di trekking urbano nella natura di una Roma insolita e sconosciuta.
Ex Snia Viscosa

Sport, Cultura e immersioni nel verde in una esperienza unica, condivisa insieme ad altre persone amanti del buon cammino e della Natura.
Questo è il trekking urbano, un nuovo modo di vivere la città attraverso le proprie gambe e i propri occhi, alla scoperta di sentieri e scorci inesplorati che inaspettatamente collegano il cuore alla periferia e da cui sono passati secoli di storia.

A scegliere quindici deliziosi percorsi per i vagabondi delle emozioni green&art è l’autore di già molte guide sugli Appennini e percorsi di montagna, Carlo Coronati, che ha sfruttato una sua prolungata permanenza a Roma, durante il primo lockdown, per barcamenarsi in solitaria attraverso pertugi sconosciuti per catturare meandri ed angoli di dolcezza che ha deciso di geolocalizzare in mappe e itinerari raccontati all’interno di un libro. Questo è “Roma. Guida insolita per esploratori urbani”, uscita da poco, ma già alla sua prima ristampa, per Edizioni il Lupo.

Dopo la precedente guida Roma una vera bellezza, dello stesso editore, Coronati ripropone il concetto dell’immersione per incanto, a partire dall’orientamento tracciato dalla bussola del proprio corpo.
Curiosare senza disturbare e fotografare particolari che sfuggono, chiedere informazioni ai pochi abitanti di territori disabitati e fuori dalla movida dei bikers, e andar, così facendo, per pause e accelerazioni, è un motto che istiga ad un movimento dolce nel cammino, lo stesso dei flâneurs girovaghi, che però vuole conquistare una motivazione nella relazione con la città e i suoi territori tramite collegamenti riattivabili.

Siamo sicuri, accompagnando il nostro corpo alla lettura di questa guida, che l’autore ci stupirà e stimolerà le nostre sensazioni: così, da buoni cittadini romani che pensano di conoscere ogni angolo del proprio luogo natio, ci si perderà e disorienterà piacevolmente, restando a volte anche increduli sulla presenza di monumenti, oggetti, situazioni nel percorso mai riportati nelle classiche guide turistiche.

(Torre piezometrica al Fosso della Cecchignola)

Esperimento vincente è stato quello, nell’arco di tre mesi, di accompagnare l’uscita del manuale con presentazioni on the road insieme allo stesso Coronati, per calpestare da vicino i contenuti delle sue parole e interagire in discorsi avventuristici o avveniristici: a volte labirinti da cui non voler più uscire, a volte percorsi non ad anello da integrare con l’utilità di mappature dei mezzi di trasporto tracciati a qualsiasi tappa dei trekking nella guida.

Attraverso una scelta soggettiva e originale, Coronati ci trasporta in una dimensione parallela all’Urbe, passando da borghetti e viuzze in campi abbandonati a zone periferiche della street art e immense aree verdi, custodi di monumenti di cui conoscevamo a malapena le vicissitudini storiche.
Gli itinerari sono quasi tutti in traversata (pochissimi ad anello) e sono legati dalla memoria ma scortati dal silenzio. La guida, con varie fotografie scattate dallo stesso autore, mappature dettagliate incluse e una cartina estraibile, è ricca di informazioni per iniziare a terminare itinerari che vanno dai 12 ai 15 km, comprese le indicazioni per l’utilizzo, durante il tragitto, dell’uso di mezzi pubblici (utili anche per recuperare eventualmente la propria auto al punto di partenza).

Una scoperta continua, senza tabù e preconcetti; in pratica, una disciplina sportiva per allenare fisico, mente e senso dell’orienteering.

Roma. Guida insolita per esploratori urbani di Carlo Coronati, Edizioni il Lupo, 15 Euro

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

bebe vio cavaliere della Roma

Bebe Vio con i Cavalieri della Roma

Bebe Vio nominata Cavaliere della Roma. Con lei undici imprenditori, giornalisti, magistrati e docenti universitari, tutti romanisti di fede assoluta, testimoni di impegno professionale e di una sana cultura sportiva

Leggi tutto »
EDOARDO BIANCHI

Edoardo Bianchi. Il signore della bicicletta

Il 17 luglio 1865 nasce a Varese Edoardo Bianchi. Orfano, a quattro anni va in orfanotrofio da dove esce quando ne ha otto per andare a fare il garzone da un fabbro ferraio. Edoardo guarda, osserva, ruba con gli occhi e mette da parte. Abbastanza per cambiare vita e destino a sé, ma anche a buona parte degli italiani.

Leggi tutto »

Una vita in corsa

È solo un bambino quando Luciano Duchi sente parlare per la prima volta della Roma-Ostia e anche se non sono storie che parlano di tempi e di gambe, ma storie di ferrovieri che abitano nel suo palazzo, qualcosa rimane nella sua memoria. La vita poi fa il suo corso; la scuola, il militare, il lavoro in banca e l’atletica, la sua grande passione.
Una passione che lo riporta indietro nel tempo, ai racconti dispersi dei ferrovieri origliati da bambino e che, nel 1974, gli fa immaginare il futuro quando organizza la prima mezza maratona Roma-Ostia, da allora un classico che ogni anno richiama migliaia di atleti e appassionati da tutto il mondo.
La vita in corsa e per la corsa di Luciano Duchi inizia proprio così.

Leggi tutto »
Francesco Marini Dettina

Francesco Marini Dettina. Il Presidente eroe

Venti anni dopo le sabbie di El Alamein, Francesco Marini Dettina diventa il tredicesimo presidente dell’AS Roma. La prende con i debiti, tanti,e la restituisce con i debiti. Ci mette del suo, ci perde del suo. Anni difficili, ma anche di tanto entusiamo. Anni che portano una Coppa Italia, Sormani, John Charles, ma anche la sera del Sistina. Gli anni della Roma di Franco Dettina, il presidente eroe.

Leggi tutto »
Jürgen Sparwasser

Jürgen Sparwasser. Quando la Germania Est scrisse la sua storia

Estate 1974. Un altro mondo, sicuramente un altro calcio. La Germania Ovest ospita la Coppa del Mondo e il 22 giugno, ad Amburgo, in campo si parla solo tedesco. La Germania Est non ha una grande storia calcistica, ma la sua storia la scrive proprio quel giorno. Protagonista assoluto Jürgen Sparwasser. Questa è la sua storia

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi