Search
Close this search box.

Rally Maya 2023. Appunti dalla seconda tappa

In gara al Rally Maya 2023 su Ferrari 308 GTS insieme alla copilota Marina Grassi, Prisca Taruffi racconta a Sportmemory le sue impressioni di tappa.
Rally Maya Prisca Taruffi

La seconda tappa del Rally Maya, 186 chilometri da Campeche a Pomuch-Merida è preceduta da una grande soddisfazione: il Peralta Racing Team con il quale quest’anno ho preso parte alla nona edizione del Rally ha vinto per la terza volta consecutiva il primo premio del Concorso di Eleganza assegnato in apertura del secondo giorno di gara. Una Maserati Ghibli del 1970 la “creatura” alla quale è andato il premio. Bellissima, inutile dirlo.

 

Concorso Eleganza Rally Maya 2023

Un premio ambito, ma soprattutto un buon auspicio per noi

Con il trofeo sotto braccio il nostro Team Manager Carlos Peralta ci incoraggia quindi ad affrontare nel miglior modo possibile il tracciato della seconda tappa anche questa, come la prima, distinta da un caldo torrido. Grande dispendio di energie, quindi, ulteriore rispetto a quello che richiede già la gara di suo. Concentrazione, attenzione, riflessi, tensione; tutto in gara ti fa consumare energie.

Rally Maya seconda tappa

Il percorso

I micidiali topes, ovvero riduttori di velocità, fin troppo presenti da queste parti, mi hanno costretta a guidare con la massima attenzione; anche una minima svista può infatti essere fatale. Molto impegnativa la guida in presenza dei numerosi camion che spesso mi impedivano di individuare in sicurezza i riferimenti del GPS segnalati dalla mia copilota.

 

Sebbene i chilometri di questa tappa siano stati inferiori rispetto alla prima, le ore trascorse dentro l’abitacolo della nostra Ferrari 308 GTS mi sono sembrate infinite. Come se non fosse sufficiente l’infuocata temperatura esterna, abbiamo avuto il (dis)piacere di vedere andare in tilt l’impianto dell’aria condizionata andato in tilt.
Nonostante l’asfalto rovente, i nostri pneumatici Pirelli si stanno comportando a dovere. Molto pittoresco poi il rifornimento in emergenza dei nostri meccanici nel paesino di Pomuch. In un Rally come questo, inventiva e spirito di adattamento diventano elementi vincenti dell’organizzazione.

 

Rally Maya rifornimento

Non solo per noi

Correre in gara è adrenalina, coraggio, persino fantasia. Noi piloti siamo abituati a questo, siamo abituati a partire e ad arrivare, alle noie del motore, ai cambi degli pneumatici, alle riparazioni in corsa. Siamo abituati a vincere e a perdere. La garà è lì, inizia e finisce. Poi magari ne parli e ne riparli.
Per qualcuno, invece, la gara non finisce mai.

Rally Maya 2023
La Fondazione Alejo Peralta, partner ufficiale del Rally Maya, in ogni tappa distribuisce più di 100 sedie a rotelle in favore dei bisognosi. mentre la Fondazione Telcel-Telmex ha premiato i ragazzi più meritevoli con delle biciclette.
A volte, poco significa veramente tanto.
Significa una gara che non finisce mai.

Ai prossimi appunti!

Vai alla prima tappa

Prisca Taruffi campionessa di rally

ARTICOLI CORRELATI

George Best

George. Best, pop, rock

Divo assoluto, geniale, esteta del dribbling, innamorato della vita viscerale e senza regole, George Best lascia un segno indelebile nel calcio moderno e paga i suoi conti fino in fondo.

Leggi tutto »
Holly e Benji

Holly e Benji. Due fuoriclasse

Il cartone animato sul calcio che a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 ha conquistato milioni di giovani telespettatori, tra i quali parecchi calciatori professionisti, presenta alcune interessanti curiosità. Scopriamole insieme in questo articolo.

Leggi tutto »
Malcolm Campbell

Malcolm Campbell. L’uomo più veloce sull’acqua

Malcolm Campbell è stato a lungo l’uomo più veloce del Mondo, capace di segnare record assoluti su terra e in acqua. Dalle pagine del Notiziario del Centro Studi Tradizioni Nautiche recuperiamo un articolo che ne ripercorre le sue sfide alla velocità in acqua con gli idroplani Blue Bird K3 e K4.

Leggi tutto »
Jimmy Greaves

Jimmy Greaves. What else?

Un campione. Tanti goal come lui, nessuno in Premier League. Un Mondiale, quello del 1966, sfortunato per lui, ma non per la sua nazionale. Una parentesi al Milan. Una seconda vita reinventata da commentatore televisivo, esperto come pochi. Passa oltre a 81 anni, il 19 settembre 2021, accompagnato da una quasi generale indifferenza. Cosa deve fare di più un calciatore per essere ricordato?

Leggi tutto »
Clarenore Stinnes

Clarenore Stinnes e quel giro intorno al mondo

Nel 1929, la ventottenne Clarenore Stinnes entra nella storia. È lei la prima donna a compiere un giro completo intorno al mondo in macchina. Dai Balcani fino a New York, passando per Pechino, Clarenore insegue il sogno di una vita a quattro ruote.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi