Rally Maya 2023 al via nel nome di Taruffi

Prisca Taruffi su Ferrari 308 GTS è in gara al Rally Maya che, nel suggestivo scenario della penisola dello Yucátan, dal 19 al 27 maggio vedrà 120 equipaggi competere in impegnative prove di regolarità. Un Rally Maya che celebra anche Piero Taruffi, l'indimenticata "volpe argentata", assegnando ai vincitori un modellino del Bisiluro, il prototipo dei record da lui progettato e guidato.
Rally Maya 2023

Yucatán, punto d’impatto. Il meteorite spacca il cielo, una massa infuocata di circa 14 chilometri di diametro sprofonda sulla terra. Quello che accade dopo è l’inferno; l’energia sprigionata non ha paragoni, il sole si oscura, gran parte della fauna mesozoica si estinguerà.
La penisola dello Yucátan oggi, 66 milioni di anni dopo l’inferno, è uno dei luoghi più affascinanti al mondo dove paesaggi naturali di straordinaria bellezza fanno da scenario alle testimonianze Maya, civiltà raffinatissima con storia quasi tri millenaria.
La penisola dello Yucátan, oggi è  il teatro d’eccezione del Rally Maya, competizione di regolarità tra le più impegnative al mondo che si snoderà lungo un percorso che definire unico sembra ancora troppo poco.
Ideato da Benjamin de la Pena, grande appassionato di auto e promotore del Museo di auto storiche di Cancùn, il Rally Maya prenderà il via il 19 maggio e annuncia una nona edizione di grande agonismo.

Rally Maya 2023
(Rally Maya 2023.Il percorso. Photo credit: Rally Maya)

Gli equipaggi del Rally Maya

110 i partenti accuratamente selezionati dall’organizzazione che, per mantenere alto il livello competitivo della gara, hanno limitato le iscrizioni. Prevalentemente messicani, ma con presenze in costante aumento anche dal Nord e Sud America e persino Europa, gli equipaggi si sfideranno lungo 1.100 chilometri. Dato certo la partenza da Ciudad del Carmen (nord Yucatán) fino a Cancùn, dove cercheranno di tagliare indenni il traguardo il 27 di maggio.

Le macchine

Rigorosi i criteri di selezione anche per le automobili che devono avere più di 40 anni e il 90% di originalità per poter partecipare a una delle quattro categorie di età: veicoli fabbricati dal 1915 al 1931, dal 1932 al 1949, dal 1950 al 1960 e dal 1961 al 1975.

Rally Maya 2022
(Rally Maya 2022. La Giulietta Sprint di Prisca Taruffi e Marina Grassi)

Italia al femminile con Prisca Taruffi e Marina Grassi

Anche in questa edizione Prisca Taruffi in coppia con Marina Grassi formerà un equipaggio italiano interamente femminile e determinato a sfidare alla pari tutti i più temibili avversari.
Eccezionali le automobili che Prisca Taruffi ha guidato e guiderà al Rally Maya. L’edizione 2022 l’ha vista al volante di una splendida Alfa Romeo Giulietta Sprint della scuderia messicana Logaer, stessa vettura con la quale nel 2021, in qualità di prima donna Gran Marshall, prese parte alla mitica Carrera Panamericana per commemorare i 70 anni dalla vittoria di suo padre Piero Taruffi, alla Panamericana del 1951.

Rally Maya 2022
(Rally Maya 2022. La Giulietta Sprint di Prisca Taruffi e Marina Grassi)

La Ferrari 308 GTS

Il Rally Maya 2023, grazie anche al supporto di Pirelli e Water House, la vedrà impegnata in una nuova sfida al volante di una Ferrari 308 GTS degli anni ‘70 del Team IUSA.
“Al momento la vettura da gara l’ho vista solo in fotografia”, commenta Prisca.  “Ma non vedo l’ora di metterla in moto. La regolarità non è il mio punto forte, ma questa gara per me rappresenta ben altro. Come figlia d’arte ho una missione: continuare a mantenere viva la memoria di mio padre, el “Zorro Plateado” per tutti i messicani. Oggi come ieri, alla guida di una Ferrari, simbolo di italianità e orgoglio familiare”.

Prisca e Piero Taruffi
(Prisca e Piero Taruffi)

L’italianità a firma Taruffi del Rally Maya non finisce però qui

Altra bella novità di questa nona edizione del Rally Maya sarà il prestigioso premio che si aggiudicheranno i vincitori della gara: un modellino del famoso Bisiluro, prototipo da record ideato proprio da Piero Taruffi – non solo pilota, ma anche ingegnere – con il quale negli anni ’50 stabilì primati incredibili come quello del chilometro lanciato sulla Fettuccia di Terracina dove sfrecciò a 313 chilometri orari!
Mai come in questo caso la memoria è il migliore auspicio per un Rally Maya a trazione italiana e femminile.

Rachele Colasante nata a Roma nel 1999, da sempre incuriosita dalle storie, studia Lettere a RomaTre cercando di scrivere la sua al meglio. Ancora non sa dove la condurrà il suo percorso, ma per ora si gode il paesaggio.

ARTICOLI CORRELATI

Giovanni Leone Reggio

Giovanni Leone Reggio. L’oro di Kiel

Giovanni Leone Reggio è entrato a vele spiegate nella storia dello yachting italiano grazie alla superba vittoria ottenuta alle Olimpiadi del 1936 che regala alla vela italiana il primo oro olimpico. Lo ricordiamo con un’intervista che Emilio Isnaldi, appassionato scrittore di vela, ha pubblicato nel 1941 su “Motonautica, Vela e Motore”, recuperata grazie all’archivio del centro Studi Tradizioni Nautiche della Lega Navale Italiana

Leggi tutto »
Abebe Bikila

Abebe Bikila. Il maratoneta scalzo

Tutti lo ricordano come il vincitore scalzo della maratona dell’Olimpiade di Roma 1960. Ma Abebe Bikila non era solo un atleta straordinario, iconico e inarrivabile. La sua vita, spentasi a solo 41 anni, sembra uscita dalla fervida fantasia di uno sceneggiatore di Hollywood.

Leggi tutto »
Gastone Nencini

Gastone Nencini e il treno galeotto

Una piccola storia, un aneddoto che fotografa il tempo. È il 1960 quando Gastone Nencini vince il Tour de France, un trionfo per il ciclista intrepido delle discese. Il rientro in Italia è in treno ed un trionfo è quello che lo attende alla stazione di Firenze. A Bologna qualcuno sale sul treno e lo raggiunge. Qualcuno che, in un’Italia ancora ferma su sé stessa, a Firenze si dovrà nascondere

Leggi tutto »
Faruk Hadžibegić

Faruk Hadžibegić. Quel rigore tra calcio e guerra

Un calcio di rigore cambia un destino. Di un giocatore, di una partita, di un campionato. A volte anche di una terra. Faruk Hadžibegić non poteva sapere che tornando a casa dopo l’eliminazione della Jugoslavia da Italia ’90, il mondo, il suo mondo, sarebbe andato a soqquadro e il destino, il suo destino, sarebbe stato a lungo girovago.

Leggi tutto »
Holly e Benji

Holly e Benji. Due fuoriclasse

Il cartone animato sul calcio che a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 ha conquistato milioni di giovani telespettatori, tra i quali parecchi calciatori professionisti, presenta alcune interessanti curiosità. Scopriamole insieme in questo articolo.

Leggi tutto »
DDR

DDR. L’inno oltre il Muro

Boomers di tutto il mondo unitevi! Hey Jude, don’t make it bad cantano i quattro di Liverpool, ma è nella piscina olimpica Francisco Marquez di Città del Messico dove risuona la musica più iconica di questo momento di ebollizione sociale e culturale. Sarà la colonna sonora per un ventennio. 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi