Search
Close this search box.

Addikt Pro. Salomon mette in pista la sostenibilità

Salomon in vista della stagione invernale '23-'24 presenta Addikt pro, innovativo sci sportivo con fianchi realizzati con materiale riciclato e un processo produttivo a risparmio energetico. Con la linea Addikt l'impiego di materiali riciclati per i lati degli sci segna uno straordinario cambiamento nel modo in cui designer e sviluppatori della grande "S" guardano e utilizzano gli scarti di produzione.
Addikt Pro Salomon

Ad Annecy l’innovazione è di casa. È qui infatti che ingegneri, designer e atleti del Design Center Salomon guardano al futuro. Una missione al futuro che significa anche tradizione che da sempre vede l’azienda, nata nel 1947 nelle Alpi francesi, proporre prodotti che anticipano i tempi e consentono di vivere l’outdoor in montagna valorizzando sia le vocazioni agonistico-sportive che quelle amatoriali. Il tutto con uno sguardo particolare al rispetto dell’ambiente che oggi, con le prime disponibilità del nuovo sci da pista sportivo Addikt Pro, mette una nuova freccia all’arco della sostenibilità.

Verso la curva perfetta

L’Addikt Pro Salomon, disponibile da oggi in un numero limitato di punti vendita, utilizza la tecnologia della linea da gara dell’azienda per offrire a un maggior numero di sciatori la sensazione di “scolpire” la curva perfetta. Ispirato allo slalom con un design da gara radicale, l’Addikt Pro incorpora l’iconica bandiera “racing” di Salomon nella sua parte superiore per rendere inconfondibile omaggio alla ricca storia del brand. Disponibile in quantitativi maggiori nell’autunno del 2023, lo sci è stato progettato per combinare tecnologie ad alte prestazioni con tutte le qualità necessarie per rendere le curve in pista straordinariamente coinvolgenti.

Tecnologia esperta

Dalla linea di sci da gara Salomon vincitrice in Coppa del Mondo, l’Addikt Pro utilizza la collaudata tecnologia Blade, con inserti flessibili in polimero fusi in uno strato in Ti, una costruzione innovativa che preserva la rigidità dello sci ma aggiunge la vivacità necessaria per affrontare le curve a velocità elevate. Per aggiungere uno strato di supporto al modello, Salomon ha sviluppato l’esclusiva tecnologia Motion Tail, che aumenta la flessibilità della coda del 5% per creare uno sci più tollerante ma reattivo tutto il giorno. Il fratello Addikt Pro, l’Addikt, arriverà nei negozi nell’autunno del 2023, quando entrambi i modelli saranno distribuiti in maniera più capillare.

Addikt Pro. Innovazione sostenibile

I fianchi multicolore degli sci Addikt rappresentano un cambiamento profondo nel modo in cui i designer e gli sviluppatori di prodotti Salomon considerano e utilizzano i materiali di scarto per creare un’estetica unica dal punto di vista del consumatore.
Il team di ricerca e sviluppo di Salomon ha infatti ridotto l’impatto ambientale dell’Addikt Pro utilizzando nella costruzione dello sci fianchi in ABS completamente riciclati. Questo design rappresenta un modo completamente nuovo per l’azienda di trattare gli scarti di fabbrica dell’ABS.

Addikt Pro Salomon

I fianchi in materiale riciclato sono il risultato di un progetto di ricerca del design su come valorizzare le materie prime trovando valore nei materiali di scarto attraverso il loro aspetto estetico. Per farlo, i designer hanno preso i trucioli di ABS in eccesso dal processo di produzione dei fianchi degli sci e li hanno messi in una macchina a compressione termica. In questo modo hanno potuto scegliere l’aspetto grafico dei trucioli multicolori e creare un nuovo design.
In futuro, i codici estetici cambieranno perché cambieranno i materiali e le risorse”, afferma Sylvain Merlin, designer del reparto sport invernali di Salomon. “Inizialmente si trattava di un progetto di esplorazione del design, quindi non abbiamo incluso i vincoli di sviluppo, industrializzazione o utilizzo tecnico“.

Addikt Pro. Dal concetto alla produzione

Meno di due anni dopo quello che era iniziato come un test nel Design Center è stato pienamente implementato in fabbrica e nella linea Addikt.
I fianchi degli sci Addikt Pro e Addikt non provengono da plastiche vergini a base di petrolio, ma dai materiali di scarto della nostra produzione“, spiega Arnaud de Mondenard, Alpine Ski R&D Manager di Salomon. “Quando fresiamo i fianchi di uno sci, il 40-50% del materiale consumato finisce nella spazzatura sotto forma di trucioli. Per gli sci Addikt e Addikt Pro, questi trucioli vengono raccolti, rifusi e trasformati in un nuovo fianco. Le caratteristiche prestazionali rimangono invariate e i rifiuti si riducono di quasi la metà“. “A seconda del tipo di sci prodotti in precedenza, i fianchi Addikt presentano diversi colori casuali, dal nero all’arancione, dal giallo al verde“, spiega Arnaud. “A volte abbiamo diversi colori tra due paia, anche all’interno di un paio, o tra i due lati di uno sci“.
Nel processo di stampaggio dello sci Addikt Pro, abbiamo ridotto l’energia necessaria per pressare lo sci di quasi la metà rispetto ai precedenti modelli di sci S/MAX“, spiega Arnaud. “Il bello di questa azienda e di questo team di ricerca e sviluppo sugli sci qui ad Annecy è che siamo in grado di testare cose pazzesche nel nostro centro prototipi e, poi, di trasformarle in scala nelle nostre fabbriche“.

Addikt Pro Salomon

Una scelta definitiva

Rispettare l’ambiente e declinare i principi di sostenibilità nei processi produttivi è per Salomon una scelta definitiva.  A partire dal 2022 Salomon è il primo brand leader nel settore degli sport sulla neve ad avere un obiettivo scientifico sul clima completamente approvato e una strategia globale con l’obiettivo di ridurre la propria impronta di carbonio del 30% entro il 2030.
L’azienda si basa su dati scientifici e sulla collaborazione di lunga data con un numero sempre maggiore di atleti internazionali e partner. Tutti i suoi materiali, attraverso una profonda riprogettazione, vivono nuove vite, riproposti sotto altre forme e utilità, non sacrificando mai le prestazioni e il comfort che da decenni sono sinonimo di Salomon negli sport invernali.  
Dal giallo fluo al verde foglia, tutto quello che resta da fare è decidere il colore che si preferisce e scendere in pista. Non solo aumenta il divertimento ma anche l’attenzione alla natura che, prestandoci le sue piste innevate, non può che esserne contenta.

Ci vediamo in cima alla funivia!

 

 

 

 

 

Giulia Colasante si affaccia al mondo nell'ultimo anno del secolo scorso, in tempo per sentirne raccontare in diretta, abbastanza per rimanerne incuriosita. Giornalista pubblicista, laureata in Filosofia e in Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione, continua a studiare il futuro che attende lei, ma anche un po' tutti gli altri.

ARTICOLI CORRELATI

Helenio Herrera, la normalità del Mago

Hugo Pratt ed Helenio Herrera, un parallelo che al di là delle apparenze è forse meno ardito di quanto possa sembrare. Argentina, avventura e amore per Venezia ricorrono nella vita di tutti e due e all’esoterico Hugo Pratt il soprannome di Mago avrà sicuramente fatto sorridere

Leggi tutto »
Steve McQueen

Steve McQueen. Una vita e 22 secondi

Una sera d’agosto, Steve McQueen ed io. Un tempo sospeso per raccontare i 22 secondi della 12 Ore di Sebring 1970, quando Steve con Peter Revson su Porsche 908 arrivano secondi dietro alla Ferrari 512S di Mario Andretti. 22 secondi che sono la storia della sua vita. Un’intervista impossibile, ma nulla è più reale di un amico immaginario.

Leggi tutto »
SEAGULLS

Il volo dei Seagulls

Oggi il Brighton and Hove Albion (B.H.A) è una delle squadre più cool del momento, è nelle zone alte della Premier League e pratica un calcio piacevole, secondo le idee di uno dei nostri migliori allenatori giovani da esportazione, Roberto De Zerbi.

Leggi tutto »

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto »

Allenarsi per lo Spazio

Il ritorno sulla Luna nel 2024 e poi Marte e poi chissà dove e come. La nuova avventura spaziale sarà la grande avventura del secolo e apre lo scenario della permanenza umana stabile in ambienti simil terrestri costruiti su altri pianeti. In questa prospettiva poteva forse mancare l’attività fisica?

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi