Hasse Jeppson. ‘O Banco e Napule

1952. Uno svedese sbarca a Napoli. Non un turista, uno dei tanti. Hasse Jeppson è un calciatore, uno che segna tanti goal. Per questo vale tanto: 105 milioni di lire dell'epoca. Un'enormità. Inizia così, tra milioni, polemiche e goal una storia sportiva e di affetto che Napoli non ha mai interrotto.
Hasse Jeppson

Milioni. Tanti. Tanti da far sognare tutti.
105 milioni nel 1952 sono una cifra che si fa quasi fatica a pronunciare. La paga di un operaio si aggira intorno alle 25.000 lire, lo stipendio di un impiegato intorno alle 50.000, un salotto completo costa circa 100.000 lire.
Insomma, nel 1952 105 milioni sono una cifra che fa sognare.
Nel 1952 c’è anche qualcuno che i sogni se li può permettere.
Questo qualcuno si chiama Achille Lauro, ma tutti lo chiamano ‘O Comandante.
Armatore, editore, sindaco di Napoli e presidente del Napoli Calcio, il sogno di Achille Lauro si chiama Hasse Jeppson.

 Un cannoniere

Svedese di Kungsbacka, gran bel giocatore, abile a fare goal, tanti bei goal, ma anche a sbagliarne qualcuno più facile, Hasse Jeppson arriva a Napoli ventisettenne, nel pieno della maturità calcistica.
Ha fatto gran bene prima nelle squadre di casa, poi in Inghilterra e infine con l’Atalanta dove, l’anno prima, ha chiuso il suo primo campionato italiano con 27 partite, 22 goal e il quarto posto in classifica cannonieri.
L’Atalanta ha acquistato Hasse Jeppson dagli inglesi del Charlton per 18.000 sterline. Quando Lauro, su indicazione dell’allenatore Monzeglio, bussa alla porta del senatore Daniele Turani, presidente dell’Atalanta, questi sente odore di affare e lancia la cifra: chiede 75 milioni, forse mai pensando che Lauro accettasse.

Lauro e Jeppson
( 1 settembre 1952. Napoli-Kapfenberg Achille Lauro presenta Hasse Jeppson)

Affare chiuso, polemiche aperte

Al Comandante non tremano i polsi; mette sul piatto 75 milioni per l’Atalanta e 30 per Jeppson, versati su comodi conti svizzeri.
L’affare si chiude, ma si aprono anche le polemiche e tante saranno che porteranno un giovane sottosegretario allo Sport, Giulio Andreotti, a proporre e far approvare al Parlamento una legge che vieta l’ingaggio in Italia di giocatori stranieri. La legge non vale per gli oriundi, ma anche per qualcun altro che riuscirà ad aggirarla.
A Napoli non fanno polemiche.
Per i tifosi Hasse Jeppson diventa semplicemente ‘O Banco e Napoli.
Poi dici come fai a non voler bene a questa città.

Hasse Jeppson
(8 marzo 1953. Hasse Jeppson in Napoli-Lazio)

Un idolo

Tante le polemiche e tanta l’attesa. Quando Hasse Jeppson arriva a Napoli è accolto da una città in delirio che già l’ha messo nel Pantheon dei suoi eroi.
C’è anche da dire che lui si presta al ruolo.
Alto, biondo, fisico di tutto rispetto, se mai qualcuno ha pensato a un vichingo, deve averlo pensato così. Carattere deciso, avido di vita e di esperienze, Jeppson si immerge subito nello spirito di Napoli e ne viene stregato. Si allena, ovvio. Gioca, certo, anche se non subito con i risultati attesi al punto che persino l’allenatore che lo aveva consigliato a un certo punto si trova in bilico. Soprattutto, però, Jeppson vive e respira fino in fondo l’aria della città.

Va alle corse dei levrieri al cinodromo, va alle riunioni di pugilato, gioca e partecipa a tornei di tennis, sua antica passione che da ragazzo lo aveva portato tra i primi classificati svedesi.
Arrivano anche i goal e per alcuni anni l’idillio di Jeppson con Napoli e con i tifosi è avvolgente.  
Dal 1952 al 1956 gioca 112 partite e segna 52 goal, molti decisivi. Ad esempio quello di Napoli-Juventus del 18 gennaio 1953, quando Pesaola
, lui e Amadei ribaltano e vincono una partita che stavano perdendo 2 a 0. Indimenticabili poi i quattro goal che il 27 settembre 1953 segna al Vomero contro la sua ex-squadra bergamasca.

Jeppson tennis
(1953. Hasse Jeppson al Torneo Partenope)

Non solo calcio

Importante il tennis per Hasse Jeppson.
Il lunedì, come scarico post partita, non mancava quasi mai al circolo del tennis per fare i suoi scambi e le sue partite su terra rossa. Nonostante i mugugni dell’allenatore che ne temeva qualche danno muscolare che ne avrebbe potuto compromettere il rendimento in campo, Jeppson partecipa anche a tornei.
Le foto di Riccardo Carbone ce lo restituiscono al Campionato Partenopeo del 1953 in splendida forma. In effetti, facendo un volo pindarico sulle recenti polemiche, viene da sottolineare come già nel 1953 il tennis a Napoli funzionasse bene e che i problemi sono tutti di oggi.
Grande passione, quindi, ma non solo.
Flirt ovviamente, il più gossippato quello con la tennista Silvana Lazzarino, ma anche l’amore della sua vita.
È proprio giocando a tennis infatti che Jeppson conosce Emma Di Martino, la donna che sposerà e con la quale condividerà tutta la vita.

Jeppson tennis
(1953. Hasse Jeppson al Torneo Partenope)

La storia mai interrotta

Il periodo napoletano di Jeppson finisce nel 1956 con una discreta maretta alzatasi tra lui e Lauro. Lo svedese andrà al Torino, ma quella sarà la sua ultima stagione calcistica.
Quello che non si interromperà mai sarà invece l’affetto per lui dei tifosi napoletani.
Hasse Jeppson ha 88 anni quando, il 21 febbraio 2013, i postumi e le complicazioni di una frattura femorale gli fanno cambiare campo.
Il 25 febbraio a Udine il Napoli scende in campo listato a lutto e un minuto di silenzio precede l’inizio della partita.
Dopo 90 minuti le reti rimangono inviolate.
Forse per rispetto ad Hasse Jeppson nessuno ha voluto segnare.

 

Archivio Fotografico Carbone si occupa della conservazione, digitalizzazione e catalogazione degli oltre 700mila scatti realizzati da Riccardo Carbone (Napoli 1897-1973), primo fotoreporter del quotidiano napoletano Il Mattino, che documentano i principali avvenimenti accaduti a Napoli ed in Campania attraverso le varie fasi politiche che hanno caratterizzato la storia del Novecento. www.archiviofotograficocarbone.it

ARTICOLI CORRELATI

VAR

Il calcio aVARiato

Una riflessione laica sul VAR. Una riflessione che tra gioco, filosofia e tecnologia, sottolinea il progressivo smarrimento del senso del gioco. Una riflessione che mette in campo la necessita di scegliere tra calcio e calcio aVARiato.

Leggi tutto »
Uwe Seeler

Uwe Seeler. Attaccante.

Uwe Seeler. Attaccante. Una leggenda per l’Amburgo. Un pezzo di storia del calcio tedesco e anche un po’ per noi con quel suo colpo di testa impeccabile che fece pareggiare Mueller portando la Germania sul 3 a 3 nella Partita del Secolo. Per un minuto interminabile tutto sembrò compromesso, poi le cose andarono diversamente.
Anche per questo, salutiamo e rendiamo omaggio a un attaccante che ha cambiato campo.

Leggi tutto »
Giuseppe Ho salesiano

L’incredibile storia del salesiano centravanti di Mao

Don Giuseppe Ho, salesiano, centravanti. Potrebbe sembrare una storia normale, ma non lo è. Questa è la storia dispersa del salesiano che negli anni della persecuzione dei cristiani in Cina diventa centravanti e capitano della Nazionale di Mao che nel 1952 gioca contro la Grande Ungheria di Puskas. Di lui abbiamo trovato una traccia che risale a metà anni ’60. Dopo solo oblio.
Se oggi potesse raccontare la sua storia, siamo sicuri che la racconterebbe così.

Leggi tutto »
Leo Messi

Leo Messi. 800 milioni in lacrime.

Le cose devono essere chiamate con il loro nome perché solo in questo modo mantengono la loro dignità. È lecito che Leo Messi cambi squadra e che lo faccia da professionista nella prospettiva di un guadagno personale. Ma le lacrime che vogliono raccontare una storia diversa le rispediamo al mittente.

Leggi tutto »
rabona

La rabona. Una firma dai passi incrociati

Una simmetria misteriosa, spiazzante. Un gesto atletico che va oltre le regole, un gesto non per tutti, anzi, per pochissimi. Talmente pochi che quando irrompe sul campo di calcio diventa quasi sempre storia. È la rabona, più che una parola e un gesto misterioso, vera fantasia al potere. Delle gambe.

Leggi tutto »

Il mio Tredici da informatico

Il Totocalcio, ovvero il concorso a pronostico più popolare e più amato dagli italiani che, per decenni , si sono messi in fila davanti alle ricevitorie per tentare la fortuna giocando una schedina. Qualcuno, però, la fortuna ha provato ad aiutarla. Questa è la storia di chi ci è riuscito.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi