Search
Close this search box.

Il Viaggio degli Eroi. Il docufilm

A quarant’anni dall’impresa degli azzurri di Bearzot, un docufilm ci porta indietro nel tempo e ci fa rivivere le emozioni mai sopite di quel fantastico Mundial del 1982.
Azzurri Il viaggio degli Eroi

Il Viaggio degli Eroi lo abbiamo annunciato in un articolo precedente e poi lo abbiamo visto in anteprima. Oggi, alla vigilia della sua uscita in sala dal 21 al 23 giugno, torniamo a parlarne perché il docufilm di Manlio Castagna ci è piaciuto e anche molto.
Quando si parla di Mundial ’82 è davvero difficile resistere alla tentazione di esordire citando il triplice Campioni del mondo! gridato da Nando Martellini in quella calda sera di luglio quando gli azzurri, stupendo tutti, conquistarono la Coppa più ambita.
Quella vittoria significò molto più di una conquista sportiva.
La Coppa del Mondo del 1982 segnò un’epoca, consegnò alla storia un manipolo di eroi diventati patrimonio di tutti gli italiani, tifosi e non. Soprattutto, trasformò le strade delle nostre città lasciandole esplodere di gioia, di abbracci e di festa. Tutti insieme sotto i tre colori di quella bandiera che magicamente acquistava un significato di vera fratellanza, di orgoglio, di appartenenza. È singolare quanto quel momento sia rimasto scolpito nella memoria di ogni italiano che ha avuto la fortuna di viverlo. Tutti ricordano dov’erano, cosa facevano, che periodo stavano vivendo mentre in televisione il presidente Pertini esultava al terzo gol di Spillo, al secolo Alessandro Altobelli.  Adesso non ci prendono più! disse. Aveva ragione.

Bearzot azzurri 1982

I ricordi di un bambino di nove anni

E allora la memoria torna a un rione dell’Arenella, a Napoli, dove qualcuno aveva preferito piazzare il televisore sul balcone per fuggire dal calore dentro casa. Torna a un bambino di nove anni che, affascinato da quel gioco appena scoperto, cominciò a sognare di diventare come Paolo Rossi e Giancarlo Antognoni. Torna all’euforia collettiva che contagiava anche parenti e conoscenti normalmente impassibili e apatici e le chiassose immagini trasmesse su quegli schermi sembrano essere di ieri.  Televisori così diversi se paragonati a quelli di oggi, tanto erano importanti e al tempo stesso piccoli.
E la strada. Indimenticabile la strada da dove salivano grida, cori, strombazzate di clacson e l’eco di una festa colorata che sembrava non dover finire mai più.

Il docufilm di Manlio Castagna, tra commozione e nostalgia

Questo accadeva quaranta anni fa. Nella ricorrenza, il docufilm Il Viaggio degli Eroi prodotto da One More Pictures con Rai Cinema e Rai Com e diretto da Manlio Castagna, giunge nelle sale italiane come un regalo di compleanno inatteso.
In 75 minuti, l’agile pellicola racconta l’impresa degli azzurri di Bearzot come se si trattasse della quest di un cavaliere medievale.  Undici tappe scandite dalla voce profonda e rassicurante di Marco Giallini e introdotte da illustrazioni suggestive di grandi artisti italiani che ricordano altrettanti momenti di giochi di ruolo famosi.  Dungeons and Dragons ha lasciato il segno anche qui. 
Una narrazione coinvolgente, in alcuni punti addirittura commovente, anche grazie al talento di Manuela Cacciamani, autrice del soggetto e della sceneggiatura. Non sorprende più, ormai, ma è una grata notizia che una donna si sia appassionata a un universo fino a qualche anno fa prettamente maschile, spesso addirittura maschilista.

feste in strada Mondiali 1982

Protagonisti anche sullo schermo

Attraverso il racconto dei protagonisti, che svelano con commozione le loro emozioni dell’epoca, e gli highlights delle sette partite giocate dagli azzurri, la pellicola riesce a farci rivivere quei momenti in un flashback potente e convincente. Le immagini scolpite nella nostra memoria rivivono fotogramma per fotogramma, con occhi nuovi, più consapevoli, ma ancora avidi di quelle sensazioni intense mai più provate.
Un’operazione che scava a fondo e solletica la nostalgia, ma che può essere utile anche per la generazione che non ha ancora avuto la fortuna di vivere un mondiale di calcio tifando per gli azzurri.

Feste Mondiali 1982

Un salutare tuffo nel passato

Un salutare tuffo in un passato ormai lontano, ma ancora tanto presente nel cuore degli italiani, che rende più sopportabile perfino l’attualità grama, incerta, supertecnologica e insipida del nostro vivere quotidiano.
Calcistico e non.

Davide Zingone Napoletano classe ‘73, vive a Roma dove dirige l’agenzia letteraria Babylon Café. Laureato con lode in Lingue e Letterature Straniere e in Scienze Turistiche, parla correntemente sei lingue. È autore della raccolta di racconti umoristici "Storie di ordinaria Kazzimma", Echos Edizioni, 2021; del saggio “Si ‘sta voce…”, Storie, curiosità e aneddoti sulle più famose canzoni classiche napoletane da Michelemmà a Malafemmena, Tabula Fati, 2022; e di “Tre saggi sull’Esperanto”, Echos Edizioni, 2022.

ARTICOLI CORRELATI

oronzo canà

Liberiamo Oronzo Canà!

Oronzo Canà, il Porca Puttena e lo spot della Tim. Ancora una volta il calcio supera il perimetro sportivo e diventa paradigma sociale, di costume e di libertà.

Leggi tutto »
Portiere

Il portiere. Quello vero

Una storia di campo. Un campo della popolosa e popolare periferia romana. La storia di un portiere, uno che “poteva”, ma al quale un destino di traverso gli ha fatto perdere il treno, quello delle grandi occasioni. Poi è tornato a giocare sullo stesso campo. Sempre in porta, naturalmente, e ai bambini che gli chiedono come si fa a diventare portiere, lui svela un segreto.

Leggi tutto »
Roma Milan

Roma. Atto di fede

Seconda sconfitta su tre partite, una strisciata negativa che allunga in continuità quella dello scorso campionato. Uno schema che vacilla, giocatori imprecisi e non ancora pienamente in forma, fragili e con l’infortunio sempre in agguato. Non è incoraggiante, per questo serve un atto di fede per la Roma che verrà. Come sempre.

Leggi tutto »
Casa Italia

Taccuino Olimpico #1 – Casa Italia

Taccuino Olimpico raccoglie appunti estemporanei, sensazioni e scorci non formali di vita olimpica. Un racconto in diretta, sintesi emotiva di uno sguardo che da dentro il Team italiano coglie spunti e offre suggestioni. Proprio come il primo ingresso in Casa Italia, dove sono bellezza e meraviglia ad accogliere atleti, dirigenti e tecnici.

Leggi tutto »
El trinche

El Trinche. Maglia numero 5.

Non tutti lo conoscono, ma chi lo ha conosciuto lo ricorda bene. Soprattutto chi lo ha incrociato su un campo di calcio. Si chiama El Trinche e sa fare una cosa sola, giocare a pallone meglio di tutti. A modo suo. La lunga storia del Maradona che non è mai stato. 

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi