Search
Close this search box.

Emanuele Tornaboni. Circoli sportivi, hub salvavita

“Lo sport ha cambiato pelle ma non il cuore”, dichiara Emanuele Tornaboni puntando il dito sui valori della carta olimpica e sul ruolo aggregante dei circoli sportivi.
Emanuele Tornaboni

Quando lo sport è nel DNA tutto parla di amore allo stato puro per un settore formativo, salvavita e curasogni. In un modus vivendi ripiegato su sé stesso, a volte spietato e troppo freneticamente perfezionista, ecco che i circoli sportivi possono assumere le connotazioni più vicine a un’oasi. Questo accade perché la visione manageriale odierna salpa dal puro business per approdare al concetto di contributo. Lo testimonia Emanuele Tornaboni, ex nuotatore e co-fondatore, insieme al fratello Pietro, del villaggio sportivo capitolino Due Ponti Sporting Club. “Quando ero piccolo – dichiara – si giocava per strada o nelle parrocchie. Oggi gli educatori sociali sono i circoli sportivi: luoghi dove riportare quei valori bruciati dalla società di massa e dei consumi. I circoli sportivi sono contenitori sociali salvavita. E questo vale tanto per i giovani quanto per gli adulti. Gli ingredienti sono due: attività sportiva e aggregazione sana”.

Tornaboni e Sampras
(Emanuele e Pietro Tornaboni con Steve Sampras)

Questione di DNA

Emanuele e Pietro sono cresciuti in vasca: “I nostri genitori hanno fatto molti sacrifici per permettere a me e a mio fratello di fare sport. Mio padre si alzava tutte le mattine alle 5 per portarci agli allenamenti e poi a scuola. Usciti da scuola, nostra madre ci accompagnava nuovamente in piscina e poi, tutti a casa a studiare. Questo è il nostro DNA perfettamente ereditato da mio nipote Leonardo, nel nuoto prima e nella gestione del Due Ponti poi”.

Emanuele Tornaboni, Fiorello e Immobile
(Fiorello e Ciro Immobile con Emanuele Tornaboni al Due Ponti Sporting Club)

Nuoto…e oltre

A puntare il dito sull’aggregazione è, paradossalmente, un ex nuotatore. Un uomo che ha scelto di praticare uno sport tra i più esilianti. “In effetti, fino agli anni ’80 – testimonia Emanuele – lo schedule di allenamento non prevedeva una preparazione fisica collettiva, quindi si può dire che, ai miei tempi, il nuoto era uno sport alienante. Sintetizzando: ti allenavi da solo. Detto questo, io la socialità l’ho sempre creata e ho molti bei ricordi di trasferte e competizioni particolarmente divertenti. C’ero sempre io dietro a qualunque occasione aggregativa tanto da guadagnarmi il nick di “Falchetto” sulla rivista Radio Serva a cura di Faber Cucchetti”.
Tra i ricordi più vivi della vita in vasca, Tornaboni cita “la staffetta 1.000 x 50 al Foro Italico. Tra i mille – sottolinea – cito nomi come Sergio De Gregorio e Bud Spencer. Una sfida estrema, condivisa ovviamente con mio fratello, che si concluse con il record del mondo made in Italy”. Altrettanto degna di nota, la Maratona di New York nel ’96: esperienza condivisa con il fratello Pietro e il gruppo corsa del Due Ponti Sporting Club. “Io e mio fratello abbiamo affrontato tutto insieme, nello sport e nella vita con la consapevolezza fiduciosa che dove non arriva uno arriva l’altro rimanendo una cosa sola”, dichiara Emanuele.

Sampras e i fratelli Tornaboni
(Emanuele Tornaboni alla Maratona di New York)

 Una vita nello sport tra cambiamento e conservazione

Sono cambiate le metodologie di allenamento e di prevenzione, così come le tecniche, i materiali, i mezzi e le figure professionali coinvolte (vedi il mental coach). L’identità dello sport, invece – ribadisce Tornaboni – è rimasta immutata: porterà sempre con sé equità e rispetto contro ogni genere di emarginazione. Lo sport ha cambiato pelle? Forse sì, ma non il cuore. Quello che chiede la Carta Olimpica è destinato ad essere eterno, così come quello che da in cambio: individui migliori e capaci di fare gruppo. In famiglia e fuori dalla porta di casa”.

Due Ponti Sporting Club e i mostri sacri del tennis

Da due piccole palestre, nate sulla scia del boom del culturismo degli anni ’80, a un villaggio sportivo che oggi compie 30 anni. Il circolo sportivo capitolino, fondato e diretto dai fratelli Emanuele e Pietro Tornaboni, ospita eventi sportivi con uno sguardo fisso sul mondo esterno, dove lanciare grandi campioni targati “Due Ponti Sporting Club”. A dire il vero, di campioni ne hanno già avuti sui loro campi. Solo pensando al tennis: Agassi, Sampras, Sharapova, le sorelle Williams. Immagini che, negli anni senza social, hanno invaso l’Italia e attraversato l’Oceano fino alla Grande Mela. Evento che gratificò non due semplici spettatori ma due fratelli che, prima ancora di essere manager sportivi, lo sport lo avevano fatto da nuotatori della Nazionale anni ‘70 / ’80. Ecco perché Emanuele Tornaboni non si sofferma su propagandistici numeri e percentuali dell’attività del Due Ponti. Ne descrive l’anima.

Serena Williams
(Serena Williams al Due Ponti Sporting Club)

Senso di appartenenza e spirito di gruppo: carota e frusta

Lo sport – sottolinea Emanuele Tornaboni – è formativo quando lo spirito sportivo è condiviso dal gruppo. È un percorso comune che richiede mentalità aperta, dinamismo e pieno rispetto dei valori sociali e sportivi dell’educazione fisica. Il senso di appartenenza e lo spirito di condivisione qui sono un must”. Una policy che il Due Ponti Sporting Club mette in pratica con la consapevolezza che il team non si improvvisa ma si basa saldamente sulla costruzione.
È importante far sentire le persone all’interno di un progetto, ascoltando le loro idee e fissando l’obiettivo comune. Tradotto nella pratica – spiega Emanuele Tornaboni –  riunioni settimanali con tutte le figure professionali coinvolte, che in pieno regime sono 140 e devono coesistere collaborando in sintonia e sinergia. Questa spontaneità può solo derivare dal dialogo e dalla capacità di ascolto. Qualcuno la chiama professionalità. Io la chiamo umanità”.

Quando si passa dal guanto di velluto al pugno di ferro?

Quando non viene rispettato il regolamento scatta da parte nostra un pronto intervento: dal dialogo fino a un provvedimento disciplinare con sospensione o allontanamento. L’educazione dei soci è fondamentale per garantire la serenità generale. Sono tutti uguali di fronte al regolamento”.  

Felicità 3.0

In un villaggio sportivo che si rispetti tutto fa aggregazione. Ed ecco che al Due Ponti Sporting Club perfino le premiazioni assumono una connotazione di festa. Momenti da aggiungere al carnet degli eventi dal sapore culturale, canoro, mondano e sociale che invadono il calendario. “Siamo contro l’appiattimento mentale – commenta Tornabonie più propensi a creare aggregazione attraverso svariati stimoli extra-sport che, quando non creano ispirazione, possano creare sorriso”.
Altro che semplice “remise en forme”.

Daniela Cursi Masella pubblicista e press officer. Sceneggiatrice e regista di “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, tratto dal suo omonimo istant book. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore) e del reality “Campus Life Experience 2020".

ARTICOLI CORRELATI

Harrie Smolders

Daniele Parlanti. Pelle su pelle

Pelle su pelle. Cavallo, cavaliere e stivali. Un rapporto non mediato, perché anche con lo stivale il cavaliere parla al cavallo. Un dialogo intimo e personale che ha i suoi segreti. Proprio come questo.

Leggi tutto »
Olimpiadi Atene 1896

Olimpiadi. Il futuro scritto da Atene

Fortemente voluto dal visionario barone Pierre de Coubertin, il 6 aprile 1896 ad Atene il sogno olimpico diventa moderno. Le Olimpiadi non cambiano solo lo sport, ma diventano specchio del mondo che cambia intorno a loro. Soprattutto diventano simbolo e meta agognata di uomini e donne che ne fanno l’obiettivo della vita e che, vincitori o sconfitti che siano, diventano esempio per tutti.

Leggi tutto »
Luna Mendy

Luna Mendy sul tetto d’Europa. La dedica allo zio Jean Baptiste

Luna Mendy combatte e legge l’avversaria intuendone le azioni. Resta in piedi per tutto l’incontro forte del suo DNA e di un allenamento speciale. Oro europeo per la kickboxing, Luna dedica la sua vittoria allo zio Jean Baptiste scomparso nel 2020. Il due volte campione del Mondo pesi leggeri aveva sempre creduto in lei.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi