Il volo magico e misterioso

nasi-0

Volare è sempre stato per l’uomo un pensiero intrigante, basti pensare agli studi che in pieno Rinascimento Leonardo ha dedicato alle correnti d’aria e alla conformazione alare degli uccelli con il sogno di emularne tecnica e dinamica e consentire all’uomo di volare.

Oggi il sogno si chiama parapendio, realtà diffusa più di quanto non si creda, però una realtà che rimane comunque un sogno, semplicemente perché volare vuol dire superare un limite che non è personale, ma naturale.

Nel girovagare tra decolli e atterraggi, alle Canarie ho conosciuto Simonetta ed Henry di Para42, una coppia in affari, che tutti i giorni dividono, per lavoro e per piacere, le emozioni del volo con amici e clienti.

Le Canarie sono, per il volo, un ritrovo internazionale dove è facile confrontarsi, raccontarsi e arricchirsi di esperienze con le persone più diverse e di ogni età.

Parlare con Simonetta ed Henry delle emozioni dei piloti è stato molto interessante, un ritrovarsi e ho avuto la conferma del filo comune che lega gli amanti di questo sport estremo, vi riporto una parte del discorso “Diciamo che al parapendio non si mente. Emozioni pure e sincere come quelle dei bambini. In decollo c’è chi ride, chi parla, chi si mette in disparte, chi è euforico e chi ha paura. Ma in volo? Che succede in volo appena il cuore si calma e l’adrenalina dallo stacco da terra si placa? Ecco, è proprio quello il momento chi prima e chi dopo in volo parla con sé stesso, al proprio Dio! Un viaggio religioso, ognuno nella sua lingua, ognuno col suo mantra. Chi fischia, chi canta, chi grida chi bestemmia. Chi pensa così forte da assordare il silenzio, insomma una grande meditazione trascendentale tutti alla ricerca del proprio io. Non sanno dove li porterà il viaggio, ma si lasciano andare nel grande vuoto. Poi la gioia la serenità, la leggerezza inebriante in un turbinio di emozioni. Volti soddisfatti e rilassati agli atterraggi con grandi sorrisi persi nell’orizzonte. Drogati di ossigeno, già pronti per spiccare di nuovo in volo per una nuova emozione.”

Il silenzio e la leggerezza che si provano quando si è sospesi in aria è sensazionale, anche qui le parole di Simonetta ed Henry “Il silenzio del volo sembra come il risveglio dall’anestesia, con gli occhi ancora socchiusi dopo un profondo sonno, un mondo ovattato e personale, dove non pensi alla dichiarazione dell’iva e alla discussione col capo ufficio e a tutto ciò che ti può coinvolgere nella vita di tutti i giorni. Sei solo, li finalmente nel tuo magico e misterioso silenzio Tutto è calmo, tutto è fresco tutto è lontano! Sei nel vento, solo, dentro la tua bolla, nella grande massa d’aria, senti le nuvole umide che ti sfiorano. Le auto e le persone ormai lontane sembrano essere diventate mute, il mondo sotto scorre in silenzio. E poi! Poi un balzo giù dalla vela il volo è finito e improvvisamente di nuovo il rumore, l’effetto delle droghe è terminato, siamo di nuovo sulla terra.

Anche se è passato qualche anno dagli studi di Leonardo, il volo rimane magico e misterioso.

Un saluto sulle note di Modugno…Poi d’improvviso venivo dal vento rapito e incominciavo a volare nel cielo infinito…Volare, oh, oh..

A. N., nasce a Roma, città dove ancora risiede. Giornalista, innamorato del parapendio, gira tra le nuvole alla ricerca di emozioni.

ARTICOLI CORRELATI

Roland Garros 2021

Roland Garros, racconti di grande tennis – 1

È terra rossa, la respiri, si mischia con il sudore, ti rimane attaccata alla pelle sotto centinaia di occhi che ti fissano dalle tribune e altri milioni che ti guardano in televisione. Ti emoziona? Sorridi, sei fortunato, stai giocando al Roland Garros.

Leggi tutto »

Niente di personale

Una storia possibile. C’è una motocicletta tra Simo Häyhä, il letale tiratore scelto che sul fronte finlandese tiene in scacco l’esercito russo, e il destino di Iwan Suchow, che dell’Armata Rossa sarà uno dei generali più decorati. Nessuno può dire se i due si siano mai incontrati veramente, ma per tutta la vita Simo Häyhä, cacciatore di alci e cecchino per necessità non ha mai smesso di ricordare il suo colpo migliore. Quello che non volle sparare.

Leggi tutto »
Febbre da cavallo, la vera storia

Febbre da cavallo, la vera storia

Il 17 maggio 1976 non è una data qualunque del cinema italiano. Non lo ricordate, o forse non lo avete mai saputo, ma è quel giorno che Febbre da Cavallo irrompe nelle sale. Un successo? Neanche per idea. proprio come un cavallo sfavorito che vince a sorpresa, il successo che lo avrebbe fatto diventare un cult movie sarebbe arrivato in seconda battuta, con centinaia di passaggi televisivi e con le battute e i personaggi passati di bocca in bocca. E sapete una cosa? Era quasi tutto vero.

Leggi tutto »
Achille Lauro

Achille Lauro. Estetica di un Comandante

1956. Stadio del Vomero. Alla prima di campionato il Napoli incontra l’Atalanta. Achille Lauro, ‘O Comandante, è lì. In prima fila, anzi, oltre la prima fila. È in campo. La fotografia ci restituisce una storia, ma soprattutto ci restituisce il ritratto di un mondo scomparso

Leggi tutto »
boxe

Boxe, giornali e ragazzini

Una fotografia del 1908 ci racconta una storia. Non solo la storia apparente di due ragazzini che sotto gli occhi di altri tirano di boxe. Questa è una storia di un altro secolo e di un altro mondo. Una storia di cui abbiamo seguito le tracce che lo sguardo della fotografia sociale di Lewis Wickes Hine ci ha lasciato. Lo ha fatto affinché non dimenticassimo e noi, oggi, gli rendiamo omaggio.

Leggi tutto »

Figurine. Cento grandi scrittori raccontati come campioni del pallone

Ce l’ho. Ce l’ho. Mi Manca.
Bastano poche parole per entrare nel mondo delle figurine, un mondo pieno di sorprese, dal quale non si esce più perché diventa una declinazione mentale del mondo. Un mondo che riserva sempre sorprese. Proprio come questa, proprio come il libro di Silvano Calzini dove cento grandi scrittori prendono vita e si fanno conoscere nella loro versione di campioni del pallone.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi