Search
Close this search box.

Nino Benvenuti. Quei giorni da pompiere

Un ricordo personale, una storia in presa diretta di anni passati troppo veloci. Nino Benvenuti alla Scuola Antincendio di Capannelle, nuovamente pompiere per qualche giorno per "prendere il congedo", come disse, e per allenarsi al nuovo film con Giuliano Gemma. E poi gli altri, Giorgio Cagnotto e Franco Menichelli. Giorni da pompiere che non si scordano più.
Nino Benvenuti

Chi ha fatto il servizio militare, chi ha atteso la famosa cartolina, chi ha temuto l’iniezione sul petto che qualcuno ha fatto pure svenire, lo sa bene. Racconti di chi l’aveva già fatto, storie di guardie, marce e polveriere, leggende e dicerie, naja e tanta noia, permessi e fughe, qualcosa vero, qualcosa inventato. Certo è che quando facevi il militare non capitava tutti i giorni di passare un paio di settimane con un mito.
Io sono stato fortunato, a me è capitato e il mito, il mio e di tutti quelli della mia generazione, il mito che ho avuto la straordinaria e irripetibile fortuna di avere a portata di mano ha un nome e cognome che a dirlo adesso ancora rimbomba e sganascia: Nino Benvenuti!

Partiamo dall’inizio

Pompiere. Un privilegiato. Così eravamo considerati tutti noi che il militare lo facevamo nei Vigili del Fuoco. Vero, non vero? Per la nostra storia poco importa. Certo, io ero alle Scuole Centrali Antincendio di Capannelle sulla via Appia, se vogliamo a pochi passi e non a 600 chilometri da casa e quindi sì, in qualche modo, ero un privilegiato.
In che anno accade tutto questo? Beh, lasciamo stare che a contarli fa fatica. Diciamo anni “anta”, come quelli che mi porto addosso.

Nino Benvenuti
(Photo Credit: Gruppo Storico Vigili del Fuoco – Roma)

Nino

Nino Benvenuti tornò a Capannelle per un paio di motivi. Il primo burocratico; Allievo del 27° corso AVVA e poi destinato a Trieste, per i noti impegni sportivi tra i quali l’oro guadagnato alle olimpiadi di Roma e le cinture mondiali, non aveva formalmente terminato la naja. A noi disse che era tornato per “prendere il congedo”.
Ma Nino disse anche altro, o meglio fece anche altro. In quei giorni girava per Capannelle anche Giuliano Gemma e i due si allenavano insieme. Il caso li aveva fatti incontrare proprio al 27° corso e poi erano rimasti amici. Ora avrebbero dovuto girare un film insieme, un rocambolesco spaghetti-western di Duccio Tessari, Vivi o preferibilmente morti; rinfrescare salti e capriole “da pompiere” gli sarebbe stati utile.
Dovete poi considerare che in quel periodo i pugili erano più famosi dei calciatori di oggi e Nino Benvenuti era il più famoso di tutti. Basta ricordare l’Italia che aveva fatto nottata per seguire i suoi leggendari incontri contro Emile Griffith, esplosa in gioia vera quando la “tele-voce” di Franco Rosi, rotta dalla commozione, alle quattro di mattina annunciò che Nino era Campione del Mondo.

Uno di noi

In quei suoi ultimi giorni a Capannelle, Nino Benvenuti era però ancora e solamente uno di noi.
Non ci mise molto a dare confidenza e scherzare  con i Vigili del Fuoco che, come aveva fatto lui, si addestravano con “salti e capriole”.

Qualcuno, sempre scherzando, volle provare a simulare un round, ma Benvenuti andò oltre: scommise una cena che nessuno sarebbe riuscito a dargli un pugno sul viso e, sebbene avesse le mani dietro la schiena, riuscì a schivare solo con il movimento del tronco tutti i tentativi di colpirlo da parte di quasi tutto il Battaglione. 
Goliardia di cortili e camerate, ma l’affetto di Nino Benvenuti nei confronti dei Vigili del Fuoco è rimasto immutato nel tempo.

Nino Benvenuti
(Photo credit: Comando provinciale VV:F Forlì-Cesena)

Cagnotto e gli altri

Ma Nino Benvenuti non fu il solo dei famosi che ho incontrato con la divisa da pompiere. Anche Giorgio Cagnotto, futuro campione di tuffi, fu dei nostri. Ricordo come fosse ieri  l’istruttore urlare ai quattro venti nel colorito linguaggio in uso al tempo “…manica di senza palle… guardate questo nuovo come salta!!”.
Qualcuno poi trovò sommessamente modo di fargli presente chi fosse quello che saltava così bene e lui, senza scomporsi più di tanto, commentò serafico “…me sembrava ‘na faccia conosciuta!”.
E poi Franco Menichelli, il ginnasta popolarissimo per le sue cinque medaglie olimpiche. Fu proprio lui che mi fece fare a calci nel sedere tutto il piazzale della Scuola Antincendi di Capannelle perché non mi entrava in testa “un movimento ginnico”.

Casa Menichelli

Nota curiosa: dovete sapere che Franco Menichelli aveva un fratello, Giampaolo, calciatore di Roma e Juventus. Un certo giorno di svariati anni dopo andai, per il mio lavoro, a casa dei genitori dei due campioni per l’allaccio di nuova linea telefonica.
C’era anche il ginnasta e con lui ricordai l’episodio dei calci sul sedere che, evidentemente, “m’avevano fatto bene” disse.

Anche il papà si fermò a chiacchierare con me e dopo un po’ mi portò verso uno stanzino che mi aprì davanti. Dentro una sfilza di targhe, coppe e medaglie. Mi guardò e  disse “Vede, tutto questo è del ginnasta”. Poi si voltò e con un ampio gesto circolare del braccio che voleva comprendere pareti, mobili e quadri, disse ancora “Tutto il resto, invece è del calciatore”.

Nello Panzini nasce a Roma l'8 agosto del 1947, oggi pensionato Telecom con "buona memoria", si diverte a raccontare lo sport di una volta ed il contesto storico nel quale si praticava. Tuttora tesserato con il Real Tuscolano nel quale, vista l'età, fa quello che può.

ARTICOLI CORRELATI

boxe

Boxe, giornali e ragazzini

Una fotografia del 1908 ci racconta una storia. Non solo la storia apparente di due ragazzini che sotto gli occhi di altri tirano di boxe. Questa è una storia di un altro secolo e di un altro mondo. Una storia di cui abbiamo seguito le tracce che lo sguardo della fotografia sociale di Lewis Wickes Hine ci ha lasciato. Lo ha fatto affinché non dimenticassimo e noi, oggi, gli rendiamo omaggio.

Leggi tutto »
The Main Event

The main event, a glove story. Quando l’amore è sufficiente

1979, Barbra Streisand e Ryan O’Neal sono sul grande schermo con un film dove la boxe è il corollario a una storia d’amore.A glove story, recita il sottotitolo, ma è nell’assonanza con love che la storia trova le sue rime. Godibile e vedibile, con una colonna sonora premiata con il Golden Globe, ideale per abbandonare gli schemi e pensare che l’amore, ovunque si trovi, giustifica sé stesso.

Leggi tutto »
Patrizio Oliva

Patrizio Oliva, lo Sparviero del ring

Un campione assoluto. Olimpico, mondiale, europeo, italiano. Un campione sul ring e, come pochi, anche fuori. Patrizio Oliva da Poggioreale, cresciuto tra “fame nera e violenza” è una delle più belle storie dello sport italiano.

Leggi tutto »
Mario D'Agata

Mario D’Agata. Il pugile del silenzio

“Non esiste chi non sente, non esistono muri invisibili. Io sono stato un uomo fortunato. Madre Natura mi ha tolto una cosa e me ne ha regalate cento”. Campione mondiale, due volte campione europeo. Categoria pesi Gallo al limite dei kg 53, 524, da Arezzo, Mario “piccolo Marciano” D’Agata. Il demolitore.

Leggi tutto »
PRIMO CARNERA

Primo Carnera. Il destino del 29 giugno.

Il 29 Giugno 1933 a New York Primo Carnera diventa Campione del Mondo dei pesi massimi. Non è l’unico 29 giugno importante della sua vita; l’altro sarà a Sequals nel 1967. In mezzo c’è tanta storia del Gigante Buono.

Leggi tutto »
Ina Casa

Ina Casa. Una storia di calcio di quartiere

Ina Casa, poi campo Moscarelli, asse tuscolano della periferia romana. Una piccola storia preziosa del calcio romano raccontata in prima persona da un testimone che ha vissuto il campo e il quartiere. Una piccola storia, una di quelle che maturano lontano dai riflettori e dalle prime pagine. Una piccola storia che a noi piace chiamare grande.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi