Le Fiamme Azzurre. Una storia che guarda al futuro.

1983. Per volontà di Raffaele Condemi e Pietro Mennea nasce il Gruppo Sportivo della Polizia Penitenziaria. Da allora le Fiamme Azzurre contribuiscono allo sport nazionale e al medagliere azzurro formando atleti e gareggiando in 21 discipline. Questa è la loro storia che guarda al futuro.
Fiamme Azzurre

Gli inizi

Il Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre nasce nel 1983 grazie alla volontà di un magistrato, Raffaele Condemi, in servizio presso l’allora Direzione Generale degli Istituti di prevenzione e Pena oggi D.A.P. (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) ed al suo legame di amicizia con il campione olimpico dei 200 metri Pietro Mennea che lo aiuterà nella costruzione di quello che poi diventerà uno dei più importanti sodalizi sportivi di Stato.

Il binomio Condemi-Mennea, pertanto, all’inizio degli anni ottanta incoraggia la pratica dello sport fra il personale appartenente all’allora Corpo degli Agenti di Custodia, oggi Corpo di polizia penitenziaria, e sul telaio costituito dal movimento sportivo creatosi fra gli agenti istituisce formalmente ed in analogia a quanto già avveniva per altri Corpi di polizia dello Stato, utilizzando lo strumento del Decreto Ministeriale, il Gruppo Sportivo della forza di polizia dipendente dal Ministero della Giustizia, denominandolo, per corrispondenza ai colori del Corpo, Fiamme Azzurre.

I professionisti

I primi atleti “professionisti”, tuttavia, saranno assunti solo a partire dalla fine dell’anno 1985 ed unicamente nell’atletica leggera, disciplina sportiva che in quegli anni era la sola praticata dai gruppi sportivi militari e di Stato.

Nel giro di qualche anno le Fiamme Azzurre conquisteranno il tricolore a squadre nell’atletica leggera per ben due volte ed acquisendo, così, il diritto a prendere parte alla Coppa dei Campioni dove si piazzeranno in un ottimo quarto posto tra i club del continente.

Il modello sport di Stato dell’atletica leggera, ben presto, si comprende essere un valido strumento per la crescita ed il mantenimento di potenziali campioni e ciò induce il legislatore ad introdurre, nell’ordinamento giuridico italiano, strumenti che favoriscano l’espansione di tale schema organizzativo espandendolo anche ad altre discipline sportive ed introducendo il ricorso alle assunzioni mediante concorsi speciali per atleti.

I rapidi mutamenti accennati, tuttavia, non colgono di sorpresa il Corpo che, con azioni camaleontiche, apre al pentathlon moderno ed in rapida successione alla disciplina del ciclismo, del tiro a volo, del sollevamento pesi e delle arti marziali.

Oggi le Fiamme Azzurre sono tesserate con 16 Federazioni Sportive, praticano 21 discipline, gestiscono centri di avviamento allo sport nel calcio, nell’atletica leggera e nel pugilato ed hanno conquistato, attraverso i propri atleti, innumerevoli medaglie olimpiche, campionati mondiali e titoli continentali.

Guardare al futuro

La dirigenza del Gruppo, che nel corso degli anni si è avvicendata è stata capace di creare un centro sportivo polifunzionale di grande valenza, il centro sportivo Fiamme Azzurre “Giuseppe Falcone” di Roma, con una sala fisioterapica efficiente e dotata di moderne attrezzature oltre che di personale qualificato. Tuttavia la vision che ha permesso la consacrazione tra i colossi del mondo dello sport di Fiamme Azzurre è rappresentata dalla prospettiva di far nascere una propria struttura tecnica attraverso la formazione, presso le strutture di Alta Formazione del C.O.N.I., principalmente la Scuola dello Sport e delle Federazioni Sportive, degli atleti dismettenti perché alla fine del ciclo agonistico. Proprio tale struttura oggi permette di identificare potenziali giovani talenti, stabilirne, con minima approssimazione, i possibili livelli di crescita futura, consentendone l’assunzione nel Corpo ed il successivo sviluppo, con scientifici programmi di preparazione di ogni possibile potenzialità fino al raggiungimento dei traguardi mondiali ed olimpionici.

La suddetta programmazione ha consentito alle Fiamme Azzurre di regalare al Paese, Giovanni Pellielo campione di tiro a volo, Carolina Kostner, regina del pattinaggio artistico su ghiaccio, Aldo Montano plurimedagliato schermidore, Clemente Russo, icona del pugilato e Francesco Lamon, pistard del ciclismo oro alle recenti olimpiadi di Tokyo.

Il valore di essere famiglia

Nel corso dei suoi 38 anni di vita il gruppo sportivo Fiamme Azzurre è stato capace anche di far nascere l’amore ed Fiamme Azzurreuna famiglia; lo specialista del pattinaggio su ghiaccio Ondrey Hotarek, infatti, una volta assunto nel Corpo ha avuto modo di conoscere la sua collega, Anna Cappellini. Anna ed Ondrey dopo qualche anno si sono sposati, e qualche mese fa hanno avuto una bellissima bambina che, tutti noi, ci auguriamo, seguendo l’esempio dei genitori, donerà alle Fiamme Azzurre una campionessa del pattinaggio su ghiaccio.

Programmiamo, quindi, un futuro di atleti di alto livello dello sport attraverso oculate attività di italian scout e ci affidiamo ad una programmazione dei potenziali campioni di tipo tecnico-scientifico per valorizzarne la crescita anche attraverso la creazione, a breve termine, di ulteriori centri di avviamento allo sport per giovani in altre discipline sportive differenti da quale per le quali questo tipo di attività è stata già posta in essere.

       

Mariano Salvatore, Dirigente Aggiunto del Corpo di Polizia Penitenziaria, Responsabile del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre. Ha iniziato la carriera in Polizia Penitenziaria come atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre nel 1985 per poi assumere, dal 1994, ruoli operativi e dirigenziali

ARTICOLI CORRELATI

atletica leggera

Atletica Leggera. Ode alla Regina

Tokyo 2020 è storia dello sport italiano e segna il grande ritorno dell’atletica leggera, regina olimpica lontana dai riflettori e spesso trascurata dai media. L’atletica leggera è disciplina madre, pop, basica, può essere praticata con poco ed è la naturale via di accesso a una vita sportiva di lunga durata. Questa è una riflessione sul futuro dello sport come patrimonio nazionale. Un futuro che inizia con un’ode alla Regina.

Leggi tutto »

Straulino. Quel giorno a Taranto

14 maggio 1965. Agostino Straulino, italiano di Dalmazia, marinaio, velista campione olimpico e mondiale, al comando di Nave Vespucci esce a vela dal Mar Piccolo di Taranto e compie un’impresa che rimarrà nella storia della marineria italiana.

Leggi tutto »
Roma 1960

Roma 1960. Olimpiadi giovani e romantiche

Dalle Olimpiadi giovani e romantiche di Roma 1960 a Tokyo 2020 credete sia passato molto tempo? Per come sono vive le mie emozioni di allora, per come rivedo davanti agli occhi la corsa di Livio Berruti quando tutti ci siamo alzati in piedi e io ancora di più, sulle sedioline perché troppo piccola, sessanta più uno anni sono stati un attimo.

Leggi tutto »
Roberto Marson

Roberto Marson. A proposito di Paralimpiadi…

Roberto Marson è l’atleta olimpico italiano più medagliato in assoluto. Paralimpico se volete fare una differenza. La sua storia, un esempio per tutti, dovrebbe essere raccontata a scuola. Nel mainstream mediatico di Tokyo 2020 nessuno lo ha ricordato.

Leggi tutto »
Alice Milliat

Alice Milliat. La donna delle Olimpiadi

Alice Milliat è la donna delle Olimpiadi perché senza di lei, senza i suoi sogni e senza la sua voglia di realizzarli, le Olimpiadi sarebbero state più difficili per tutte le donne. Una storia straordinaria da insegnare a scuola, in terza media, quando bisogna iniziare a sapere chi è stato in grado di cambiare la storia.

Leggi tutto »

Mani in alto (questa è una schiacciata)

Un salto nello Spazio. Sicuri che Paola Egonu non sia un’extraterrestre? Un salto nel Tempo. Sicuri che Botticelli non abbia pensato a lei per dipingere la nascita di Venere? Un salto nel Mito. Sicuri che non siano Zefiro e Cloris a farla alzare fino quasi a toccare il cielo?

Leggi tutto »
Duke Kahanamoku

Duke Kahanamoku, dio dell’Oceano

Duke Kahanamoku, il padre del surf moderno, e Jack London, lo scrittore della grande avventura, si sono incontrati veramente. Questa è una storia liberamente ispirata a quell’incontro. Una storia raccontata in prima persona da Duke Kahanamoku stesso. Una storia di fantasia, ma forse non troppo.

Leggi tutto »