La straordinaria corsa di Paola Pigni

Paola Pigni ha staccato tutti. Una straordinaria vita di sport e una corsa mai interrotta oltre stereotipi e pregiudizi
Paola Pigni una vita di sport oltre stereotipi

Paola Pigni ha staccato tutti

La sua ultima corsa l’ha voluta fare così, un ritorno alle origini, proprio come quando correva da velocista e tutto si consumava in un attimo e in un attimo se n’è andata via.

Una vita sportiva straordinaria quella di Paola: il bronzo olimpico a Monaco ’72, tre record mondiali di atletica leggera su distanze diverse – il miglio, i 1500 e i 3000 -, 26 titoli nazionali e innumerevoli altri successi internazionali. Una vita sportiva che Paola lascerà solo dopo tredici operazioni al piede, quando non dico una, ma forse cinque o sei avrebbero fatto desistere molti.

Ma Paola era così, con una volontà ostinata di superare gli schemi e di avvicinare il più possibile la realtà ai suoi sogni.Per questo motivo, glissando i tanti numeri che sarebbe facile elencare, ci piace ricordare Paola proprio per la sua dote non solo di saper guardare oltre, ma anche di essere riuscita ad andarci.

A Paola la velocità non bastava

Cresciuta nella sensibilità della musica che era l’anima dei genitori – tenore il padre, cantante la madre -, Paola vuole la fatica e non solo quella della distanza, ma anche quella del terreno, il cross, la corsa campestre.

E la voleva al punto di allenarsi anche da sola e da sola andare a sfidare, ad esempio, le atlete dell’Est al Cross de l’Humanitè nel 68 francese, quando la provenienza di oltre cortina era la sottaciuta garanzia di quello che dopo sarebbe stato chiamato doping di Stato.

E così corre, Paola, chissà quanti chilometri corre nella sua vita, e vince quasi tutto il possibile, con quel bronzo di Monaco nei 1500 – dove viene preceduta guarda caso da due atlete dell’Est, la sovietica Ljudmila Bragina e la tedesco-orientale Gunhild Hoffmeister – che moralmente vale oro.

Vale oro non solo per il doping di Stato che aleggia, ma anche perché l’anno precedente, nel marzo 1971, tra un record e l’altro, nasce Chiara, figlia di Paola e di Bruno Cacchi, suo allenatore e marito.

Ci vuole stoffa per tutto questo, ce ne vuole per allenarti quando gli altri pensano che sia inutile e anche sbagliato, ce ne vuole per farsi largo e vincere, prima del tempo e della distanza, gli stereotipi e i pregiudizi, ce ne vuole per prepararsi per le Olimpiadi e sfidare l’impossibile subito dopo una maternità.

Ci vuole stoffa ed è quella che vediamo nella fotografia, una delle tante che si trovano in rete e che abbiamo scelto perché ci restituisce il viso di Paola nella sua espressione del massimo sforzo, il collo teso, la bocca serrata, gli occhi che mangiano la pista, sintesi perfetta del suo carattere.

Ci vuole stoffa per tutto questo e ci vuole Paola Pigni.

Oltre lo sport, un esempio per tutti.

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Gabre Gabric

Gabre Gabric. Leggende e primati

Unica. Di Gabre Gabric si può dire solo questo e anche questo quasi non basta a renderle merito. Atleta come poche, attraversa un secolo di sport, gareggia, vince titoli e sfida il tempo stesso quando, a oltre 90 anni, si va a prendere titoli Master fissandoli in record mondiali.

Leggi tutto »
Luciano Bianciardi

Luciano Bianciardi. Il ritiro

Le vie insondabili della letteratura che, in un mondo senza pregiudizio, ha trovato spesso la via della pubblicazione sulle riviste “per soli uomini”, genere fiorente tra gli anni sessanta e settanta. Accade così anche per “Il ritiro”, racconto di Luciano Bianciardi che nel 1969, su “Kent”, pone l’irrisolta questione. In ritiro, si può o non si può fare?

Leggi tutto »
DDR

DDR. L’inno oltre il Muro

Boomers di tutto il mondo unitevi! Hey Jude, don’t make it bad cantano i quattro di Liverpool, ma è nella piscina olimpica Francisco Marquez di Città del Messico dove risuona la musica più iconica di questo momento di ebollizione sociale e culturale. Sarà la colonna sonora per un ventennio. 

Leggi tutto »
il ciuccio di Napoli

Il ciuccio e il corsiero. Storia di un simbolo

Nell’immaginario collettivo la figura del mite asinello, il ciuccio, si associa da sempre alla squadra del Napoli. Ma non tutti sanno che, in principio, la società aveva scelto come simbolo un maestoso destriero, il mitico corsiero del sole.

Leggi tutto »
Massimo Stano

Massimo Stano. L’Italia che ci piace

È fatica e sacrificio. È gambe, fiato e volontà. Sono i 35 km della marcia. È l’oro di Massimo Stano, caparbiamente cercato da un atleta che dopo l’oro di Tokyo non è diventato un divo da copertina. Ha continuato non a fare, ma a essere atleta. L’Italia che ci piace ha le gambe, il fiato e il cuore di Massimo Stano di Grumo Appula, Puglia, Bel Paese.

Leggi tutto »
Elvira Guerra

Elvira Guerra. La prima olimpionica italiana

Nata e cresciuta in una delle più importanti famiglie circensi dell’epoca, Elvira Guerra diventa famosa come ballerina equestre. Nel 1900 entra però nella storia diventando la prima italiana a partecipare alle Olimpiadi. Tutto quello che le occorre è il suo cavallo Libertin e un sorriso a favore di camera.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi