Bruno Conti. 50 anni e una domenica

La Roma festeggia all'Olimpico i 50 anni giallorossi di Bruno Conti in una domenica di calcio che sembra una di quelle di una volta, giocata di giorno, all'ora di pranzo. Una partita che quasi ferma il tempo per riprendersi quello passato e lanciarlo al futuro. Proprio come fa El Sharavi che al 90esimo ferma il tempo, segna e mette il timbro a una promessa rinnovata.
Bruno Conti

Olimpico di domenica. Olimpico alle 12.30, con il sole alto. Sembra lo stadio di un altro tempo, quello delle partite solo di domenica e solo alle 15.00. Le partite del “…perché, perché la domenica mi lasci sempre sola, per andare a vedere la partita di pallone, perché, perché, una volta non ci porti pure me...”. Rita Pavone cantava così nel 1956, Bruno Conti aveva appena un anno, ma quella canzone sarebbe rimasta nel tempo come un affresco di costume dell’Italia del boom. Un’Italia ottimista, fiduciosa e confidente in alcuni punti fermi; tra questi, la partita della domenica.
Poi i tempi sono cambiati, nel frattempo Bruno è cresciuto, ha girato un po’ intorno al baseball che si giocava a Nettuno ma poi, per fortuna sua, della Roma e del calcio, ha iniziato a giocare a pallone. Come tutti, ovviamente, giocando intorno casa. Prima con il Nettuno, poi con l’Anzio e poi, nel 1973 l’approdo in Primavera della Roma. Accolto da qualche scetticismo, lo vince dimostrando che la vera statura di un giocatore è quella tecnica, non quella dell’altezza.

I numeri di Bruno Conti

Fatto è che Bruno arriva e con la Primavera vince subito due scudetti, stagioni ’72-’73 e ’73-’74, e la Coppa Italia ’73-’74. Liedholm, siamo nel primo periodo giallorosso del Barone, lo fa esordire all’Olimpico il 10 febbraio 1974 contro il Torino. Un pareggio. Sono gli anni della “Rometta”. A seguire ci saranno un paio di parentesi al Genoa fino a quando, nella stagione ’79-’80, Bruno torna alla Roma per non muoversi più.
Roma per Bruno Conti significa sedici stagioni, 402 maglie e 47 goal,  secondo scudetto, rigore sbagliato nella finale di Coppa Campioni contro il Liverpool e cinque Coppe Italia. Nel mezzo, ovviamente, la Coppa del Mondo dell’82.

L'Olimpico per Bruno Conti

Una vita di Roma

Roma per Bruno Conti significa amore sconfinato da giocatore – il 23 maggio 1991 la partita di addio contro l’Inter -, da allenatore – giovanissimi ed esordienti dal ’91 al ’93 e una panca di prima squadra ad interim nel 2005 – e da dirigente capace di seguire i ragazzi per farli diventare calciatori, ma soprattutto uomini. Significa aver sempre dato del suo per costruire la Roma del futuro in quello che per lui è stato un grande e unico presente.

50 anni e una domenica

Oggi l’Olimpico si è stretto intorno ai 50 anni di vita giallorossa di Bruno Conti così come solo lo stadio sa fare; applausi tutti in piedi, cori e bandiere. La maglia numero 7 incorniciata in un grande quadro portata sotto la curva, Bruno che agita mani e lancia baci al cielo, la grande bandiera che passa di mano e lui che la sventola da tifoso.
A vedere così, più che un saluto sembra la promessa di un amore ancora capace di sfidare il tempo.

Bruno Conti

L’altra domenica

Oltre alla domenica speciale di Bruno Conti, di domenica ce n’è stata un’altra: quella della partita. Rubando a D’annunzio, diciamo che partita vinta, capo ha. La Roma porta a casa 3 punti che servivano come non mai, El Sharawi risponde sul campo alle polemiche dei giorni appena trascorsi.
Non spetta a noi fare commenti tecnici, non è il nostro mestiere. Possiamo però dire di non aver visto un calcio spettacolare, ma di essere sobbalzati agli ennesimi pali così come abbiamo visto lo stadio sbuffare davanti a una lentezza nella costruzione del gioco.  Possiamo anche dire di aver visto un rosso per Mourinho che, nel quadro di un arbitraggio forse con qualche fragilità di troppo, lascia particolarmente perplessi.

La questione tempo

Segnare al ’90 come ha fatto El Sharawi non è solo una questione di gioco, è questione di mentalità. È questione di una squadra che fino all’ultimo secondo cerca di fare il suo gioco.
Tempo, minuti, secondi. Il Gioco, quello con la maiuscola è fatto esattamente di questo. Chi entra in campo può vincere o perdere e può vincere o perdere per bravura, per fortuna o per caso. Tutto può accadere e tutto si deve accettare perché il tempo è la regola fondamentale del Gioco.
Vedere giocatori, come quelli del Monza oggi, che sistematicamente perdono tempo – in primis il portiere Di Gregorio con le sue rimesse di lentezza estenuante – è un insulto al Gioco, un sotterfugio che non fa bene a nessuno, nemmeno alla classifica, nemmeno al Monza.

Il ricordo della Sud

Al dodicesimo minuto un lungo applauso parte dalla Sud e contagia tutto lo stadio. Uno striscione recita “Stefano e Cristian, 9 anni sono passati ma nessuno vi ha dimenticati!”.  Stefano De Amicis e il figlio di 7 anni tornavano a casa in scooter dopo Roma-Bayern Monaco. A un maledetto incrocio una macchina li prende in pieno e loro, a casa, non sono mai tornati.
La Sud non dimentica. Il cuore di Roma, il cuore della Roma, è anche questo.

 

 

 

 

 

Marco Panella, (Roma 1963) giornalista, direttore editoriale di Sportmemory, curatore di mostre e festival culturali, esperto di heritage communication. Ha pubblicato "Il Cibo Immaginario. Pubblicità e immagini dell'Italia a tavola"(Artix 2015), "Pranzo di famiglia. Una storia italiana" (Artix 2016), "Fantascienza. 1950-1970 L'iconografia degli anni d'oro" (Artix 2016) il thriller nero "Tutto in una notte" (Robin 2019) e la raccolta di racconti "Di sport e di storie" (Sportmemory Edizioni 2021)

ARTICOLI CORRELATI

Alberto Ginulfi

Alberto Ginulfi. Il Portiere

Il rigore parato a Pelé, certo, ma come disse Alberto Ginulfi nel 2018 “…non vorrei essere ricordato solo per quello. Certo, non è una cosa che capita tutti i giorni, ma io credo di aver fatto tanto per la Roma.” Quattordici anni di maglia e un amore infinito per la Roma. Alberto Ginulfi non è stato un portiere, ma il Portiere.

Leggi tutto »
bebe vio cavaliere della Roma

Bebe Vio con i Cavalieri della Roma

Bebe Vio nominata Cavaliere della Roma. Con lei undici imprenditori, giornalisti, magistrati e docenti universitari, tutti romanisti di fede assoluta, testimoni di impegno professionale e di una sana cultura sportiva

Leggi tutto »
Piero Schiavazzi

Piero Schiavazzi. L’Oltretevere giallorosso

Piero Schiavazzi, cavaliere della Roma, giornalista, vaticanista, ci svela il tratto dell’Oltrevere giallorosso, quello che spesso si è affiancato e sovrapposto con il suo lavoro. Come la sera del terzo scudetto, ad esempio. Ma soprattutto raccoglie e rilancia una suggestione. È tempo di invitare il Papa al derby?

Leggi tutto »
Lukaku

Lukaku. Cena per tre

Romelu Lukaku è un giocatore della Roma. In un’estate di calciomercato romanista che tra arrivi annunciati, rinviati e rinunciati, si è spesso tinto di solo giallo, l’arrivo di Lukaku segna un linea di demarcazione, un prima e un dopo. Una sorpresa per tutti. Anzi, quasi per tutti.

Leggi tutto »
Massimo Comparini

Massimo Comparini, romanista spaziale

Luna e Marte sono a portata di mano. Sulla Luna torneremo tra poco e su Marte ci saremo tra non molto. Massimo Comparini è l’uomo dello Spazio in Italia. Di grande passione romanista e Cavaliere della Roma, non esclude che in un prossimo futuro qualcosa di giallorosso non possa andare oltre la Terra. Fantatifo o no, forse c’è da credergli.

Leggi tutto »



La nostra newsletter
Chiudi